Eurolega, 1ª giornata: il Maccabi supera l’Alba

Israeliani a sprazzi contro i tedeschi che partono forte ma subiscono la maggiore fisicità e profondità degli avversari. Maccabi non chiude i conti e lascia in vita l’Alba che si arrende solo nel finale. Ottima prova di Simone Fontecchio (16 punti, 8 rimbalzi)

di Alessandro Elia

Il Maccabi Tel Aviv inaugura la sua Eurolega confermando i pronostici della vigilia battendo l’Alba Berlino. Successo per la squadra di Sfairopoulos non certo esaltante arrivato al termine di una gara giocata a corrente alternata. Ai fini del risultato finale un secondo quarto dove gli israeliani hanno dato davvero l’impressione di essere superiori. Il parziale di 30-12 maturato prima dell’intervallo è stato in effetti l’unico momento della partita in cui il Maccabi è riuscito a schiacciare un Alba che ha avuto poi il merito di non affogare e rimanere anzi in corsa fino alla fine.

L’Alba parte molto bene. Ottimo primo quarto dei tedeschi che segnano 8 dei loro 11 tiri da due punti nei primi 10′. Tra i protagonisti Simone Fontecchio che esce dalla panchina ed è già in doppia cifra (11) al suono della prima sirena. Il Maccabi sembra quasi sorpreso ed è costretto a inseguire dopo 10′ (19-29).
La reazione logica del Maccabi non si fa troppo attendere. Dal -12 di inizio secondo quarto, i gialli di casa piazzano un break di 11-0 che li porta ben presto in carreggiata. Hunter vola ben oltre sopra il ferro in un paio di occasioni, Jones corre come un fulmine e Wilbekin colpisce dall’arco. Sono cinque minuti di total-Maccabi che lascia in secondo piano un Alba che non segna più. Prima dell’intervallo arriva il sorpasso con Tel Aviv che comanda a metà partita 49-41.

Nella ripresa l’Alba trova comunque il coraggio e rimane ancorato alla partita. Complice un Maccabi che non riesce a dare continuità al suo ottimo periodo precedente. A metà terzo quarto i berlinesi vanno a -4 (56-52) e poi trovano con Siva i canestri del -3 (59-56). Hunter e Bryant firmano il mini-break di 6-0 che chiude il periodo e scrive 67-58 sul tabellone della vuota Menora Mivtachim Arena.

L’avvio di ultimo periodo del Maccabi lascia pensare che tutto sia vicino alla fine. Bryant segna in contropiede il 75-60 dopo 3′ (massimo vantaggio della serata) ma i padroni di casa hanno la grossa colpa di non chiudere i conti lasciando in vita i tedeschi di Aito. Granger spinge l’Alba che rosicchia fino al -9 (75-66). Berlino spreca anche qualche occasione, non si segna per un pò e si arriva così agli ultimi 2′ di partita sul 78-69. Nel finale si rivede un ottimo Fontecchio che segna i liberi del 78-71. Il Maccabi rimane bloccato e l’Alba arriva al -5 ancora con Granger. Ultimo giro di lancette. Ennesimo errore del Maccabi, Siva manca però il canestro che avrebbe acceso gli ultimi secondi. C’è il timbro di Angelo Caloiaro sulla vittoria degli israeliani con il canestro dell’italo-americano per il definitivo 80-73.

MVP: Angelo Caloiaro. Il più lucido e continuo in un Maccabi che ha esordito in Eurolega andando sulle montagne russe. 18 punti (5/5 da due, 1/3 da tre e 5/5 ai liberi) per il paisà di Saratoga.

 

MACCABI PLAYTiKA TEL AVIV-ALBA BERLIN  80-73 (19-29, 49-41, 67.58)
MACCABI: Bryant 9, Wilbekin 8, Jones 12, Caloiaro 18, Hunter 12, Cohen 3, Drsey 8, Blazer 4, Bender, Sahar, Zizic 6, Atisa. Coach: Sfairopoulos
ALBA: Lo, Siva 10, Giffey 2, Eriksson 18, Mattiseck, Nikic, Olinde 2, Fontecchio 16, Thiemann 7, Granger 10, Sikma 2, Lammers 6. Coach: Aito

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy