EuroLega, 20° giornata: il Maccabi non si ferma più, Pana ancora ko

EuroLega, 20° giornata: il Maccabi non si ferma più, Pana ancora ko

Il Maccabi conquista la quarta vittoria consecutiva, dopo aver condotto praticamente per 30′, guidato da un super Angelo Caloiaro.

di Francesco Strazzari

MACCABI TEL AVIV – PANATHINAIKOS ATENE 84-75

Due punti importanti in palio in ottica playoffs, con due squadre che arrivano alla sfida vivendo momenti sostanzialmente opposti. Quattro successi nelle ultime cinque uscite per i padroni di casa del Maccabi, solo uno nelle ultime quattro invece per il Panathinaikos di Pitino.

Avvio di gara contratto per entrambe le formazioni, con il solo Calathes in grado di inventare qualcosa nell’attacco dei greci. Dall’altra parte oltre ad un positivo O’Bryant quello che fa la differenza è l’impatto di Alex Tyus, molto presente su tutte e due le metà campo e protagonista dell’ottimo avvio di secondo quarto degli israeliani. Il Maccabi tocca anche il +9 (36-27) a metà seconda frazione, ma subisce leggermente il rientro degli ospiti sul finire del quarto, con le squadre che vanno all’intervallo sul 40-35.

Il terzo periodo si apre con la tripla di Kilpatrick, seguita però da un parziale di 11-0 del Maccabi che mette spalle al muro gli ospiti. Gli israeliani arrivano anche sul +15 (54-39) a metà frazione, ma il Panathinaikos riesce con pazienza a ricucire, chiudendo solamente sul -8 il terzo quarto e tenendo vive le speranze di rimonta. Ultimo quarto ricco di emozioni, con i greci che nel finale spaventano gli avversari, risalendo fino al -4, ma vengono rispediti indietro da un Caloiaro in versione “monstre”, che chiude con 20 punti, 6/9 dal campo, 11 rimbalzi e 33 di valutazione. Continua dunque a vincere il Maccabi, che ribalta anche la differenza canestri (89-84 all’andata per i greci) mentre il Pana cade nuovamente: finisce 82-74 in favore degli uomini di Sfairopoulos.

Quintetto Maccabi: Wilbekin, Pargo, Caloiaro, O’Bryant, Black

Quintetto Panathinaikos: Kilpatrick, Calathes, Papapetrou, Thomas, Gist

O’Bryant scalda subito l’atmosfera segnando i primi due della sfida. Il gioco da 3 punti di Calathes sblocca i greci dopo un paio di azioni senza trovare il canestro. L’atletismo di Black mette in difficoltà i lunghi del Pana, ma dall’altra parte Calathes continua a dare spettacolo, segnando 7 dei primi 11 punti dei suoi e regalando un alley-oop al bacio da metà campo a James Gist (8-11). O’Bryant non si fa pregare e manda a bersaglio la prima tripla di serata per il momentaneo pareggio. Primo quarto che scorre velocemente, con gli ospiti ancora a quota 0 falli quando mancano poco più di 2’30” al termine. Le idee sono poche e confuse su entrambi i fronti e la tripla di Dibartolomeo fissa il punteggio finale della prima frazione sul 16-17.

Il Panathinaikos cerca maggiormente di attaccare il ferro, mentre i padroni di casa trovano fiducia da oltre l’arco e colpiscono ancora, questa volta con Cohen. Il break in favore degli israeliani continua e dal 16-20 si arriva in pochi secondi al 24-20 grazie alla seconda tripla consecutiva di Cohen, che obbliga Coach Pitino al timeout. I “verdi” provano ad allungare il pressing a tutto campo, ma ancora Tyus viene pescato libero in mezzo all’area, segnando 4 punti consecutivi (28-22). Inerzia del match decisamente cambiata, grazie alla maggiore aggressività nelle due metà campo degli uomini di Sfairopoulos, abile a pescare dalla sua panchina. Si iscrive alla gara anche Wilbekin, che brucia la retina da 3 punti e mantiene i suoi a distanza di sicurezza. I due canestri in fila di Roll portano il Maccabi al massimo vantaggio sul 36-27. I greci però trovano la forza di reagire e piazzano un 6-0 di parziale che li riporta a contatto (36-33) con meno di 2′ da giocare. E’ Pargo a segnare l’ultimo canestro del primo tempo, permettendo ai padroni di casa di chiudere sul 40-35.

La bomba di Kilpatrick apre le danze al rientro dagli spogliatoi, riavvicinando ancora di più il Pana. Il Maccabi non ci sta ed in un amen ristabilisce le distanze: 8-0 chiuso dalla schiacciata di Black e tabellone che indica 48-38, nuovo massimo vantaggio. I greci sembrano storditi sia dalle giocate degli avversari che dalla bolgia infernale dei tifosi israeliani e il break continua, con i liberi di Wilbekin che portano a +13 gli uomini di Sfairopoulos. Calathes prova a prendere per mani i compagni con le sue iniziative, ma Coach Pitino deve fermare il gioco per provare a studiare qualcosa di nuovo prima che sia troppo tardi. Aumenta notevolmente l’intensità e con essa i contatti tra i giocatori in campo: Wilbekin commette il terzo fallo personale e va a sedersi in panchina. Il Panathinaikos sprofonda anche a -15, ma risale con orgoglio fino al -8 grazie all’appoggio di Thomas e ritorna pienamente in partita (56-48). Botta e risposta continui da una parte all’altra del campo nel finale di terzo periodo, ma il Maccabi riesce comunque a mantenere un margine di sicurezza con cui presentarsi agli ultimi 10′ (62-54).

Pronti, via e Lekavicius spara la tripla che vale addirittura il -5 per i greci. In un momento di difficoltà del Maccabi ci pensa ancora Roll a tirare fuori dal cilindro due punti importantissimi, con un elegante passo e tiro a centro area (65-57). Caloiaro dalla lunetta riporta il vantaggio degli israeliani in doppia cifra e conferma una serata quasi perfetta per lui. Prosegue l’ottima gara personale anche per Calathes, già in doppia doppia (10+10 assist) e unico in grado di mettere in ritmo i compagni. Il playmaker greco però è impreciso dalla lunga distanza (0/4), ma questo non impedisce al Pana di rientrare nuovamente fino al -6 (70-64), grazie alle giocate di Thomas (12 con 8 rimbalzi per ora). Papapetrou segna e per la prima volta dopo tanti minuti sono solamente 4 i punti a separare le due formazioni, con poco più di 3′ sul cronometro. Caloiaro però non si ferma e cattura un rimbalzo d’attacco pesantissimo, convertendolo in due punti facili. Tensione altissima in campo, con ogni possesso che potrebbe risultare quello decisivo: O’Bryant sbaglia la bomba dalla punta e sul ribaltamento di fronte Calathes appoggia il 74-70. L’uomo della provvidenza si chiama Caloiaro però in questa serata: tripla dall’angolo allo scadere dei 24″ e tifosi in delirio per il loro numero 4, che fa 2/2 dalla lunetta nell’azione successiva, riportando a +9 i suoi (79-70). Non c’è più spazio per i tentativi di rimonta del Panathinaikos questa volta e il Maccabi conquista la quarta vittoria consecutiva, vincendo davanti al suo pubblico.

Tabellino Maccabi: Ray 3, Wilbekin 13, Pargo 6, O’Bryant 7, Caloiaro 20, Roll 9, Tyus 8, Dibartolomeo 3, Cohen 6, Black 9, Zoosman

Tabellino Panathinaikos: Thomas 12, Payne 4, Papagiannis, Papapetrou 9, Gist 2, Vougioukas NE, Lekavicius 6, Kilpatrick 3, Lojeski 14, Calathes 14, Antetokoumpo 4, Mitoglu 7

PARZIALI: 16-17, 24-18, 22-19, 22-21

PARZIALI PROGRESSIVI: 16-17, 40-35, 62-54, 84-75

BASKETINSIDE MVP: Angelo Caloiaro (20 punti, 6/9 dal campo, 6/6 ai liberi, 11 rimbalzi e 33 di valutazione)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy