EuroLega, 21ª giornata: Exum e Leday guidano il Partizan che si vendica nel derby con la Stella Rossa

0
Twitter KK Partizan

Non ha tradito le attese il derby di Belgrado, stavolta portato a casa dal Partizan di Obradovic (78-79) al termine di un match intenso ma sempre condotto da Exum e soci. Proprio l’australiano è il top scorer (e leader) dei suoi con 20 punti, 20 così come un Leday cruciale nei minuti decisivi. La Stella Rossa, che non ha ovviamente mai mollato, paga un primo tempo pessimo difensivamente, e nonostante la rimonta che l’ha portata più volte a -1 (super i soliti Nedovic e Vildoza, con 49 punti in due) non è mai riuscita a impattare. La squadra di Ivanovic mantiene il vantaggio nei confronti diretti, avendo vinto di 3 all’andata.

QUINTETTO CRVENA ZVEZDA: Vildoza, Nedovic, Dobric, Bentil, Kuzmic

QUINTETTO PARTIZAN: Exum, Trifunovic, Punter, Papapetrou, Lessort

Squadre molto intense in avvio specie in difesa, anche se questo significava rischiare qualche fallo in più del dovuto (due penalità per Punter e Nunnally). Dopo le prime scorribande di Nedovic e Vildoza era quasi un monologo del Partizan: Lessort puniva continuamente assistito da un Exum chirurgico in un parziale di 0-8 con la Zvezda a secco di punti per oltre quattro minuti (11-19 al 8′). Il Partizan provava a scappar via, ma Petrusev e Vildoza sulla sirena vanificavano quasi per intero gli sforzi ospiti (18-20 al 10′).

La Stella Rossa faticava a contenere le tante armi di un Partizan bravo a trovare i vantaggi giusti in attacco (24-30 al 13′). Un super Nedovic (14 punti nel primo tempo per lui) e Bentil ricucivano fino al -1, ma ogni volta il Partizan trovava un protagonista nuovo per riprendere margine: prima Punter si iscriveva alla partita, poi Madar colpiva dalla lunga. Gli uomini di Ivanovic provavano a resistere lottando sotto le plance con Petrusev, ma Lessort e Leday facevano la voce grosse negli istanti finali di frazione (37-45 al 20′).

Twitter KK Crvena Zvezda

Ripartiva forte, fortissimo la Stella Rossa: 5-0 targato Mitrovic-Dobric che costringeva coach Obradovic al timeout immediato (42-45 al 22′). I primi punti del Partizan erano di Exum dopo oltre tre minuti. La “Zvezda” continuava a difendere alla grande, il quarto proseguiva a punteggio molto basso, il Partizan mancava con Avramovic la bomba della possibile nuova fuga e allora con una magia Vildoza siglava il -2 (46-48 al 25′). I padroni di casa arrivavano vicinissimi ma ogni volta non riuscivano a trovare il sorpasso, così il Partizan trovava la metà dei punti del terzo quarto nell’ultimo minuto con le triple di Avramovic e Leday che gli permettevano di chiudere ancora avanti, seppur con un margine minimo (54-57 al 30′).

Smailagic faceva male alla Zvezda che non riusciva più a difendere con fluidità, ma ci pensava Dobric con due triple di fila a mantenere la sfida in equilibrio. Lazarevic realizzava il layup del -1 (62-63 al 34′), ma Leday con sette punti consecutivi era una spina nel fianco e impediva l’aggancio e propiziava una nuova minifuga ospite. Nuova reazione Stella Rossa: Nedovic e Dobric andavano per l’ennesimo -1, ma i padroni di casa erano fin troppo aggressivi e così i giocatori del Partizan andavano ripetutamente in lunetta, con Exum glaciale. Lasciava qualche dubbio un contatto tra Exum e Dobric non punito dagli arbitri. Buona solo per il vantaggio nel doppio confronto la tripla sulla sirena di Nedovic.

CRVENA ZVEZDA BELGRADE – PARTIZAN MOZZART BET BELGRADE 78-79 (18-20; 37-45; 54-57; 78-79)

CRVENA ZVEZDA: Holland n.e., Vildoza 26, Lazarevic 2, Mitrovic 2, Lazic, Dobric 13, Ivanovic 2, Nedovic 23, Markovic, Kuzmic, Petrusev 8, Bentil 2. Coach: Ivanovic.

PARTIZAN: Leday 20, Avramovic 3, Punter 6, Smailagic 7, Papapetrou, Exum 20, Brodziansky n.e., Nunnally 3, Lessort 13, Trifunovic, Andjusic 2, Madar 5. Coach: Obradovic.