EuroLega, 21ª giornata: il Valencia ci prova ma alla fine la spunta l’Asvel

L’Asvel batte il Valencia al termine di una partita dominata a tratti ma chiusa solo nel finale.

di Emanuele Terracciano

Quella tra Asvel e Valencia per lunghi tratti non è stata una partita spettacolare da un punto di vista tecnico ma, grazie alla resilienza degli spagnoli, la vittoria dei francesi non è stata del tutto scontatissima nonostante il comodo margine di vantaggio raggiunto nel corso del quarto periodo di gioco.

LA CRONACA – La partita inizia su ritmi non altissimi, soprattutto dal punto di vista offensivo, ma, nonostante le polveri bagnate, il Valencia riesce a tentare un primo mini allungo portandosi sul 4-0. L’Asvel interrompe il parziale spagnolo e si riavvicina agli avversari che, però, riescono in una maniera o nell’altra a tenere la testa della partita. Il primo vantaggio dei francesi arriva a quattro minuti e mezzo dalla fine della prima frazione quando Bako mette a segno il canestro del 10-0 in favore dei padroni di casa che però non hanno la forza di prendere il controllo della partita. Il botta e risposta di fine periodo fissa il punteggio alla fine del primo quarto sul 17-17.

In avvio di secondo quarto l’Asvel tocca il suo massimo vantaggio portandosi a +4 (21-17) ma il Valencia risponde prontamente con un 6-0 di parziale che vale il controsorpasso. La partita scorre sui binari dell’equilibrio finché i padroni di casa, pur non giocando un basket celestiale, non riescono a prendere un po’ fi margine per provare la fuga. L’Asvel sfiora la doppia cifra portandosi anche a +8 sul 38-30 sfiorando quindi la doppia cifra ma alla fine del primo tempo lo scarto è di sole sei lunghezze sul 40-34 in favore dei francesi.

Dopo l’intervallo lungo il Valencia torna in campo con tutt’altra efficacia offensiva, soprattutto dall’arco, e, grazie a due triple di Van Rossom e una di Williams, trova il sorpasso sul 43-42. I numeri offensivi degli spagnoli tornano ben presto ad allinearsi con quelli registrati in tutta la partita ma dall’altra parte della barricata non arrivano sortite efficaci e, pertanto, gli ospiti continuano a condurre seppure con un margine abbastanza risicato che viene meno nel momento in cui gli spagnoli entrano in una rottura prolungata che i francesi sanno sfruttare per rimettere la testa avanti e cercare l’allungo decisivo. Alla fine del terzo periodo di gioco l’Asvel conduce per 61-54.

Il quarto quarto si apre con la tripla di Howard che regala ai padroni di casa la prima doppia cifra di vantaggio della loro gara sul 64-54 e ciò, visto anche l’andamento della partita, mette decisamente in salita il finale di match di un Valencia in evidente difficoltà. L’Asvel, pur non giocando benissimo, riesce a incrementare il suo vantaggio dando l’impressione di avere la partita in pugno. Il pressoché totale deragliamento del Valencia è confermato dal fatto che a quasi metà del quarto conclusivo lo scarto tra le due compagini in campo raggiunge le diciannove lunghezze sul 79-60. I francesi alzano abbastanza presto il piede dal pedale dell’acceleratore e gli spagnoli, quasi per inerzia, mettono a segno un parziale di 7-0 che li riporta a -12 sul 79-67. La panchina di casa prova a scuotere la squadra con un timeout all’uscita del quale Cole sembra sbloccare i suoi ma si tratta solo di un’illusione perché la rimonta degli ospiti, anche se lentamente, prosegue fino a ridurre lo scarto tra le due formazioni in campo a sole otto lunghezze sull’81-73 in favore dell’Asvel. Nell’ultimo minuto di gioco al Valencia manca la forza di continuare a difendere con intensità e l’Asvel la spunta per 90-77.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy