EuroLega, 23° giornata: Barcelona sul velluto domina il Baskonia

Mai in discussione la vittoria per i ragazzi di Pesic, che continuano la corsa verso i playoff.

di Fabio Rusconi

Un Barcelona spettacolo. Dopo la controversa (e celebrata) vittoria in Supercoppa spagnola, continua centrando il terzo successo consecutivo in Eurolega. Lo fa dominando un Baskonia impalpabile specie nel primo tempo nel quale i viaggianti hanno subito sui due lati del campo il gioco blaugrana. Vince di squadra il Barca, avanti dall’inizio alla fine della contesa e che ha messo le cose in chiaro fin da subito, vacillando un po’ solamente nel terzo quarto, ma controllando il match alla perfezione e portando in cassa una vittoria che di fatto proietta i catalani ai playoff, oramai davvero a un passo.

E’ Shields il primo a scaldare i motori con il canestro che apre lo scontro. Vantaggio Baskonia che dura quanto un fuoco di paglia, con il Barcelona che gioca con lucidità in attacco e cala un 10-0 per portarsi a +8 (10-2 al 5′). Difficoltà per il Baskonia nel trovare ritmo in attacco, con i ragazzi di Perasovic che segnano solamente 4 punti nei primi 8′ scarsi, rimanendo tuttavia a -10 come massimo svantaggio limitando il Barça in attacco. Vildoza sveglia i suoi dal torpore ma il Baskonia non è in campo: tocca il -15 e chiude il primo quarto con 13 punti da recuperare (22-9). Lo spartito della sfida non cambia e il Barcelona tocca anche il +18 (30-12 al 13′) ispirato dalla coppia HuertelSeraphin. Vildoza e Shields provano un accenno di reazione, ma la tripla di un Ribas chirurgico fin qui fissa il nuovo massimo vantaggio a +20, costringendo la panchina ospite a chiamare timeout (37-17 al 15′). Ma la musica non muta, con i blaugrana che giocano meravigliosamente sul velluto, aiutati da un Baskonia abbattuto dal proprio scarso rendimento in attacco (44-19 al 28′). 20 i punti di margine all’intervallo (46-26).

Inizio di ripresa più incoraggiante per i viaggianti, i quali limitano l’attacco avversario ma non riescono a imprimere un break significativo per rientrare in partita (50-33 al 25′). Il Barcelona viaggia a velocità di crociera per un altro paio di minuti, mantenendo saldo il divario (52-35 al 26′). Ma improvvisamente cambia l’inerzia, col Baskonia che inizia a sfruttare al meglio la sua qualità migliore, la transizione, e piazza un parziale fulmineo di 9-0 che rimette i baschi nella contesa (54-44 al 28′). Ottimi i ruoli ricoperti da Huertas e dall’ex-Trento Shields nel dare il là a questa rimonta, che mette allerta tutti i presenti- al Palau Blaugrana. Ma i ragazzi di Pesic non sbandano, rialzano i giri in difesa e chiudono il terzo periodo con un 8-1 a riportarsi a +17, trascinati dalla premiata ditta SeraphinHuertel (quest’ultimo MVP di serata), con il contributo di un Ribas perfetto da oltre l’arco (62-45). Di fatto è questo l’ultimo scoglio superato per i padroni di casa, che giocano una quarta frazione di assoluta tranquillità gestendo il vantaggio accumulato, non dando mai la possibilità di rientrare ai propri avversari.

FC BARCELONA LASSA VS KIROLBET BASKONIA VITORIA-GASTEIZ

BARCELONA: Claver 2, Pangos 9, Kuric 4, Singleton 9, Tomic 4 (Huertel 11, Seraphin 15, Ribas 15, Hanga 2, Oriola 6, Blazic n.e., Smits n.e.). All: Pesic

BASKONIA: Vildoza 9, Janning 6, Shields 18, Voigtmann 2, Diop 0 (Poirier 5, Jones 8, Hilliard 12, Huertas 7, Penava n.e., Sedekerskis n.e., Gonzalez n.e.). All: Perasovic

MVP BASKETINSIDE: Thomas Huertel

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy