EuroLega, 23ª giornata: Barcellona vince con polemica e brividi. Sesta di fila ai danni dell’Olympiacos

Decisivi i fischi degli arbitri nel finale punto a punto.

di Fabio Rusconi

Sesto successo di fila per il Barcellona, che non seza patemi esce vincente dal Pireo battendo l’Olympiacos. Finale non per cuori deboli, in cui succede un po’ di tutto. I catalani guidano il primo tempo, i greci escono alla distanza e sentono il profumo di vittoria fin quando la classe dei singoli blaugrana fa la differenza: Higgins e Mirotic sono decisivi in un finale rocambolesco (due dei quattro giocatori ospiti in doppia cifra assieme a Calathes e Oriola), tra fischi a favore degli ospiti e canestri del possibile overtime non convalidati all’Olympiacos per pochissimo. Coach Bartzokas, espluso nel finale, ha di che rammaricarsi, vede la gran prova di McKissic e Ellis risultare inutile di fronte soprattutto alla gran prova del lungo ex Milwaukee Bucks, MVP di serata. Per i greci è il terzo ko di fila, che pone un freno alla corsa playoff dei biancorossi.

Quintetto Olympiacos: Sloukas, Charalampopoulos, Jenkins, Printezis, Ellis

Quintetto Barcellona: Calathes, Kuric, Higgins, Oriola, Mirotic

Gran partenza del Barcellona, con un 7-0 in apertura di gara. Ellis pone fine al periodo critico, ma gli spagnoli spingono fino al +11 a metà primo quarto con i canestri di Mirotic (2-13 al 5′). I catalani controllano il match in doppia cifra di vantaggio ma finalmente l’Olympiacos sblocca il proprio attacco, tornando a -8 in chiusura di primo quarto, ritoccato a -9 al 10′ (12-21).

I greci cercano punti dalle mani di Spanoulis e Laretzakis, tengono il Barcellona a soli 2 punti segnati nella prima metà di secondo quarto, ma sbattono contro una difesa ospite coriacea e fisiva, in grado di tamponare il periodo di magra segnato dall’unico canestro di Higgins (18-25 al 15′). Pian piano i padroni di casa rosicchiano lunghezze di gap, con la tripla di McKissic che vale il -5 (22-27). Poche idee offensive fin qui, ma ad accellerare è ancora il Barcellona, che martella il pitturato con Davies e Oriola, tornando avanti di 12 anche grazie ai liberi di Calathes. Il primo tempo termina col canestro di Jean-Charles, per il -10 Olympiacos, che comunque affanna (30-40)

Getty Images

Ripresa che cambia registro rispetto al primo tempo, con il biancorossi di casa che serrano le maglie difensive, costringendo il Barcellona a minuti di grandissima sofferenza. Nei primi minuti equilibrio (36-46 al 23′), ma è nei minuti successivi che i greci si avvicinano: break 11-0 ispirato da Ellis che dona il primo vantaggio di serata ai suoi. Mirotic interrompe l’emorraggia e Higgins lo segue a ruota (47-50 al 28′) ma ora la gara è su binari completamente diversi rispetto al primo tempo. Reazione Olympiacos immediata: 6-0 a chiudere il terzo periodo in vantaggio, avanti 53-50.

Gara sul filo di lana, con l’ultimo quarto ben iniziato dall’Olympiacos. McKissic trascinatore nelle fila dei suoi (59-54), ma i viaggianti non ne vogliono sapere di alzare bandiera bianca, e risponde con un 7-2 a riportarsi a -1. Ottima difesa e controllo dei rimbalzi per il Barcellona a costringere coach Bartzokas al timeout. Stop al gioco che frutta una bomba di Larentzakis, per il nuovo +4 dei locali (65-61 al 36′). Il Barcellona cerca di rimanere in gara lucrando qualche libero con Calathes, finchè non si accendono le squadre dall’arco: prima Sloukas dà la spallata, poi Higgins risponde e le compagini sono appaiate a 2′ dal termine (70-70). Spanoulis appoggia al ferro il nuovo vantaggio greco, la reazione di Mirotic, 72-72, ma è ancora l’eterno playmaker greco a prendersi la squadra sulle spalle, servendo il “cameriere” del nuovo vantaggio. Nel successivo possesso Mirotic raccoglie un fallo a rimbalso di esperienza e pareggia nuovamente a quota 74. L’Olympiacos perde pallone e il Barcellona viene omaggiato di un altro fischio dalla terna. La difesa di Jean-Charles sulla partenza in palleggio di Higgins pare regolare e il fischio manda su tutte le furie coach Bartzokas, che commette il secondo fallo tecnico e viene espulso. Il libero del tecnico è sbagliato da Mirotic, mentre Higgins fa 2/2 (76-74). E’ il colpo del ko, nonostante i secondi rimasti e il possibile tiro dell vittoria per l’Olympiacos. Pazzesco l’ultimo possesso, con Ellis che spreca un comodo tap-in e la successiva correzione vincente di Printezis arriva pochi decimi dopo la sirena.

Olympiacos Pireo vs FC Barcellona 76-74 (12-21; 30-40; 53-50)

Olympiacos: Harrison 1, Charalampopoulos 0, Larentzakis 3, Spanoulis 12, Sloukas 11, Martin 5, Printzesis 10, Jean-Charles 6, Kenkins 0, Ellis 8, McKissic 18, Nikolaidic n.e. All: Bartzokas

Barcellona: Davies 10, Hanga 3, Bolmaro 0, Smits 7, Oriola 11, Higgins 14, Martinez 0, Kuric 3, Mirotic 16, Calathes 12, Pustovyi n.e., Westermann n.e. All: Jasikievicius

MVP Basketinside: Nikola Mirotic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy