EuroLega, 24ª giornata: Hunter consegna la vittoria al Maccabi che piega un Fenerbahce mai domo

Sfida elettrizzante quella tra turchi e israeliani con continui botta risposta durante tutti i 40′. Alla fine a prevalere però sono i ragazzi di Sfairopoulos!

di Marco Novello

Una partita bellissima, elettrizzante oltre che infinita quella tra Fenerbahce e Maccabi, a spuntarla alla fine sono i gialloblu israeliani dopo un ultimo minuto di gioco da togliere il fiato! Succede tutto negli ultimi 60″, dopo il +1 firmato Westermann; Dorsey, con un jumper, riconsegna un prezioso vantaggio agli ospiti. Quando per il Maccabi sembrava ormai fatta ecco che Sloukas, dalla linea della carità, capovolge nuovamente il parziale che, a quattro secondi dalla fine, recita Fenerbahce 77-76 Maccabi. A chiudere la sfida e regalare quindi due punti pesantissimi ai viaggianti ci pensa Hunter che, a fil di sirena, infila il canestro del definitivo 77 a 78!

 

QUINTETTO BASE FENERBAHCE BEKO: De Colo, Sloukas, Kalinic, Williams, Vesely

 

QUINTETTO MACCABI FOX TEL AVIV: Acy, Bryant, Caloiaro, Hunter, Jackson

 

L’avvio del match è davvero equilibrato; il Fenerbahce, infatti, prova a sorprendere il Maccabi imponendo un ritmo davvero forsennato, ma gli israeliani rispondono colpo su colpo. Dopo l’iniziale 6 a 2 targato Vesly-Williams; i gialloblu ospiti recuperano immediatamente lo svantaggio grazie ai propri lunghi, Hunter ed Acy, che approfittano delle disattenzioni turche all’interno del pitturato per appoggiare comodamente a canestro (6-6 al 2′).
Dopo quest’iniziale fase di studio Sloukas decide di rompere gli indugi; con sette punti in fila il play greco consegna ai padroni di casa due possessi di vantaggio (17-13 al 6’) costringendo coach Sfairopoulos al time-out immediato. Rientrati in campo gli israeliani accorciano le distanze ad un solo canestro coi liberi di Jackson, tuttavia un piccolo parziale di 4 a 0 messo a segno da Kalinic regala ai padroni di casa il massimo vantaggio sul 21 a 15. Avdija si iscrive a referto coi primi punti della sua partita sbloccando così l’attacco del Maccabi, ma Vesely replica immediatamente al giovane talento israeliano; ci pensa quindi Dorsey a chiudere le prime ostilità con la tripla del -3 che manda le due squadre al riposo dopo dieci minuti intensi oltre che divertenti (23-20 al 10’).

 

Il secondo periodo ricopia in toto l’avvio del match; Kalinic riporta il Fener a +5, ma Acy ed Avdija impattano la sfida a quota 25. Il baby fenomeno col numero 8 si erge protagonista in questo avvio segnando complessivamente sette punti che consentono al Maccabi di mettere per la prima volta la testa avanti in quest’incontro (27-30 al 15’). Nunnally si iscrive al referto del match con un “long-two”, ma Caloiaro sul ribaltamento di campo riscrive il +3 in favore degli ospiti. Finiti i botta e risposta, Jackson si prende le luci della ribalta; con un mini break di 5 a 0 il #9 aggiorna il massimo vantaggio israeliano sul 31 a 37 facendo imbestialire e non poco Obradovic costringendo quindi il coach serbo ad interrompere le ostilità chiamando un minuto. Come lecito aspettarsi dopo un time-out di Obradovic, il Fener torna a chiudere le maglie difensive mentre in attacco ci pensa il solito Sloukas a firmare il contro sorpasso sul 38 a 37. Caloiaro dai liberi e Vesely con un semplice appoggio aggiungono altri punti sui tabellini delle rispettive squadre lasciando inalterato il vantaggio del Fener, ci pensa quindi Jackson a scrivere la parola fine ai primi 20’ di gioco con una penetrazione con lay-up rovesciato per il definitivo +1 Maccabi all’intervallo (40-41 al 20’)

 

La ripresa riparte mantenendo inalterato lo spartito dei primi 20’; Williams continua a fare il bello ed il cattivo tempo in attacco, ma il problema per i turchi è la difesa in quanto non si trovano soluzioni per arginare lo strapotere israeliano vicino ai tabelloni. Una nuova fiammata di Kalinic riporta il Fener sul +6 (52-46); Acy e Bryant però ricuciono in un amen lo strappo ristabilendo la parità tra le due formazioni. Hunter, con un prezioso gioco da tre punti, aggiorna il parziale sul 52 a 55 in favore degli ospiti; ma la squadra di Obradovic è viva replicando col centro dell’ala croata. Le due formazioni continuano a rimpinguare il proprio score azione dopo azione, ma la situazione di equilibrio non si schioda tanto che al suono della penultima sirena il tabellone luminoso dell’Ulker Spor Salonu recita il parziale di Fenerbahce 63-64 Maccabi.

 

L’ultimo quarto di gioco è un’altalena di emozioni; dopo i primi minuti di “ciapanò”, il Maccabi prende il centro del ring e con un parziale di 7 a 0, targato Dorsey-Caloiaro-Avdija, scappa sul +8 (63-71 al 35′). A 5′ dalla fine e sotto di 8 il Fenerbahce butta il cuore oltre l’ostacolo rimontando il passivo grazie soprattutto ad un immenso Williams. Si arriva così all’ultimo minuto di gioco; dopo il canestro del -2 firmato dall’ex Bayern è Westermann con la prima bomba di serata a riconsegnare il vantaggio ai turchi che guidati dagli 11 mila spettatori dell’impianto di Istanbul sognano di fare l’impresa. Il canestro di Dorsey sembra una doccia gelida per Datome & co.; ma a 4″ dalla fine Sloukas si guadagna un prezioso fallo che lo manda in lunetta. Il play greco non trema e fa 2/2; ma la sfida deve ancora giungere al suo culmine. Sfairopoulos spende saggiamente l’ultimo time-out a propria disposizione e disegna una rimessa per liberare vicino a canestro uno dei suoi giocatori; tornati in campo i gialloblu israeliani eseguono alla perfezione lo schema del proprio coach trovando Hunter che mette a segno il canestro della vittoria! Il Maccabi espugna quindi Istanbul col punteggio di 77 a 78. Una vittoria incredibile per i gialloblu ospiti che agganciano al quinto posto il CSKA battuto ieri dall’Olympiacos; beffa tremenda invece per i padroni di casa che erano da poco tornati nelle prime 8 del continente e da stasera rischiano di tornarci fuori.

 

MVP BASKETINSIDE.COM: Othello Hunter. Ovviamente il migliore in campo non può non essere colui che ha deciso il match. 13 punti e 2 rimbalzi il fatturato del numero 5 stasera, ma gli ultimi due punti hanno consentito al Maccabi di strappare un foglio rosa davvero importante ai fini della classifica!

 

FENERBAHCE BEKO – MACCABI FOX TEL AVIV 77-78 (23-20, 40-41, 63-64)
[Progressivo 23-20, 17-21, 23-23, 14-14]

 

Fenerbahce Beko: Nunnally 2, Westermann 3, Mahmutoglu n.e., Kalinic 18, Sloukas 18, De Colo 2, Williams 22, Thomas, Vesely 12, Muhammed n.e., Duverioglu n.e., Datome, all. Obradovic

Maccabi Tel Aviv: Bryant 7, Wilbekin, Acy 11, Reynolds 2, Caloiaro 8, Hunter 13, Cohen, Avdija 13, Jackson 12, Dorsey 8, Cohen 2, Stoudemire 2, all. Sfairopoulos

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy