EuroLega, 24ª giornata: Mike James torna e fa 37, ma non basta. Il Valencia vince al secondo overtime

Gara pazza in Spagna, con i locali trascinati dalla coppia Kalinic-Prepelic.

di Fabio Rusconi

Due overtime. Tanti ne servono al Valencia per aver ragione del CSKA Mosca. MVP di serata Kalinic, ai viaggianti non basta il ritorno da 37 punti di Mike James, perchè in una gara del genere ogni imprecisione conta e l’ex Milano non è preciso dall’arco. Lo sono molto di più Kalinic e Prepelic (22 a testa, career high per entrambi), che guidano il Vanelcia a una sofferta ma meritata vittoria. Gli spagnoli partono meglio, fanno il vuoto nel secondo tempo ma paiono perdere lucidità nel finale. Con i nervi e con la grinta hanno la forza di tener testa alla corazzata russa (priva di Milutinov e Shengelia) e a vincere dopo tre ko di fila in Eurolega. Prima gara di questa Eurolega con entrambe le squadre oltre quota 100 punti, lo spettacolo non è certo mancato.

Quintetto Valencia: Van Rossom, Marinkovic, Kalinic, Williams, Tobey

Quintetto CSKA: Hackett, Antonov, Hilliard, Bolomboy, Kurbanov

Partenza molto cauta dal punto di vista offensivo da ambo le parti. I punti segnati sono pochi e dopo oltre metà primo quarto il punteggio è fermo sul 11-11. E’ il Valencia che cerca la prima fuga, con i punti di Kalinic a portare avanti i padroni di casa. Il break degli spagnoli è di 14-6 per chiudere il primo quarto sopra di 8 lunghezze e in modo assai convincente (30-17).

Il Valencia non rallenta e apre il secondo quarto con un 5-0 che porta il massimo vantaggio a +13 (30-17). Risponde il CSKA e lo fa affidandosi al talento di Mike James. Il playmaker americano si scalda e prende su di sè le sorti dell’attacco russo, ricuce fino a -11 ma i suoi faticano di fronte a un Valencia compatto: la bomba di Prepelic spedisce i viaggianti a -15 (39-24 al 14′). Risposta del CASKA, che dopo il timeout ricuce con un parziale di 8-0 per tornare a -7. Labeyre pone fine al break avversario ma il CSKA dimostra di essere in gara, tornando a -4 con la bomba di Hackett in chiusura di primo tempo (47-43).

Getty Images

I ragazzi di Itoudis hanno inerzia dalla loro parte e, dopo essere tornati a -2 con una tripla di un positivo James (50-48) trovano finalmente la leadership della gara con il centro dall’arco di Voigtmann (52-53). Il tandem Tobey-Van Rossom risponde rimettendo il Valencia al comando ma è ancora James dai 6,75m a impattare a quota 56 a metà terzo quarto. E’ l’inizio di un parziale 8-0 con cui gli ospiti vanno sul +5 (56-61). La tripla di Strelnieks spinge coach Ponsarnau al timeout, che ha effetti benefici sui suoi ragazzi, che tornano in campo stampando un controparziale 8-2 con cui tornano avanti, ispirati dal top scorer di squadra Prepelic (64-63). Stavolta è Itoudis a fermare la gara, ma per la rimanenza del terzo quarto non arrivano ulteriori punti (64-63).

Strelnieks apre con un bel jumper in allontamento l’ultimo quarto. Segue tuttavia un break di 8-0 del Valencia, che è una doccia fredda per il CSKA, che torna a -7 (72-65) sotto i colpi di Prepelic e Dubljevic. Reazione di squadra, a partire dalla difesa, dei moscoviti, che si affidano a uno Strelnieks ispirato per tornare a -2 (74-72) con la bomba di Mike James. Poco dopo Voigtmann pareggia (74-74 al 37′) ed è finale vero. Kurbanov risponde dall’arco alla tripla di Labeyre, ma sono i russi ad avere in mano il ritmo di gioco e a scaldarsi dalla lunga distanza: James e ancora Kurbanov si scaldano, ma Kalinic risponde presente e a 1′ dalla sirena finale le compagini sono ancora appaiate a quota 82. James spreca un libero per un tecnico fischiato alla panchina spagnola, ma viene omaggiato nuovamente di due liberi, che stavolta converte (82-84). Il Valencia chiama timeout con mano la palla per vincere, riuscendo a far saltare la difesa per una comoda schiacciata di Tobey. Il CSKA spreca l’azione decisiva con James, stoppato al tiro, si va all’overtime (84-84).

Bell’energia messa in campo dal Valencia nell’overtime. 87-87 dopo 2′ di overtime. Kurbanov e Voigtmann siglano un break 4-0 CSKA. Risponde il Valencia con Prepelic e Kalinic (gioco da tre punti), ma gli ospiti tornano avanti con Bolomboy (92-93 al 44′). Kalinic è scatenato e abusa di James dal post basso per il nuovo vantaggio dei locali (94-93). Il Valencia difende un possesso ma butta clamorosamente via la palla della staffa facendo poi fallo su James ingenuamente: 94-95. Ultima palla per il Valencia, che la affida a Hermansson, che subisce fallo ma fa 1/2. Pari, il CSKA non trova canestro, e dunque ancora overtime (95-95).

Voigtmann inaugura il secondo overtime con un gioco da tre punti. I locali riescono ancora a pareggiare (98-98 al 47′). James torna a segnare un tiro complicato in fadeaway, ma Van Rossom segna la sua prima tripla di serata, aiutato anche dal ferro (101-100). James non ci sta e segna ancora, stavolta da tre punti (101-103). Dubljevic dalla lunetta impatta ancora i viaggianti e Kalinic lo segue a ruota per il vantaggio. Sontuosa partita dell’ex Fenerbahce, il migliore tra i suoi e il suo canestro è quello che rompe l’equilibrio, decisivo. Finisce 105-103.

Valencia Basket vs CSKA Mosca 105-103 2dts (30-17; 47-43; 64-63; 84-84; 95-95)

Valencia: Marinkovic 8, Prepelic 22, Puerto 0, Labeyre 8, Van Rossom 5, Tobey 9, Kalinic 22, Dubljevic 14, Williams 0, Hermansson 17, Pradilla n.e., Ferrando n.e.. All: Ponsarnau

CSKA: Bolomboy 10, Khomenko 0, James 37, Hilliard 2, Ukhov 0, Hackett 8, Antonov 2, Strelnieks 8, Voigtmann 19, Kurbanov 17, Kochergin n.e.. All: Itoudis

MVP Basketinside: Nikola Kalinic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy