EuroLega, 25ª giornata: Iffe Lundberg è l’eroe… che ti aspetti! La Virtus Bologna batte il Partizan Belgrado in una partita da cardiopalma

0
Virtus Bologna Partizan Belgrado
Virtus Segafredo Bologna Twitter

La Virtus Bologna ospita il Partizan Belgrado in una sfida delicatissima ed importantissima per il proseguo di questa seconda parte di stagione in EuroLega. Entrambe arrivano da due KO, la Virtus a Barcelona mentre il Partizan a Montecarlo.

QUINTETTO VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Hackett, Belinelli, Cordinier, Shengelia, Dunston.

QUINTETTO PARTIZAN BELGRADO: Smith, Avramovic, Ponitka, Smailagic, Caboclo.

Partita intensa e battaglia su ogni pallone sin da subito. Belinelli inizia subito bene ma dall’altra c’è un ex di turno che inizia col piede giusto, Jaleen Smith. L’ex Virtus segna 6 punti e con un altro ex protagonista del nostro campionato, Aleksa Avramovic, il Partizan mette subito il muso avanti. La Virtus però reagisce subito e con un Marco Belinelli già caldissimo dai primi palloni toccati, risponde con già due triple a segno nella prima frazione. Nel finale di quarto, Nunnally segna da 3 punti ma c’è il canestro più fallo di Iffe Lundberg a pareggiare i conti sul 19 pari.

La Virtus Bologna apre meglio il secondo quarto con Jordan Mickey, Iffe Lundberg e un Abass subito incisivo da 3 punti. Il Partizan Belgrado soffre, sbanda, riceve le urla di Obradovic e si rialza grazie al duo Punter – Nunnally. I padroni di casa però sono più pazienti in attacco e difendono duro, costringendo il Partizan a tiri contestati. La tripla di Shengelia segna il nuovo +5 Virtus a 4 minuti dall’intervallo. PJ Dozier cerca e trova il canestro in una partita che sin qui non ha un vero padrone e protagonista indiscusso. Tanto equilibrio e Virtus Bologna con 4 punti di vantaggio sul Partizan Belgrado all’intervallo.

Apre bene il secondo tempo Isaia Cordinier con una tripla che segna il massimo vantaggio sul +7. Aleksa Avramovic non ci sta e con 6 punti in fila riporta subito sotto i serbi ma di fronte c’è un Marco Belinelli caldissimo. L’ex campione NBA con gli Spurs martella il canestro da 3 punti, compreso un canestro e fallo che vale il gioco da 4 punti. L’attacco Virtus gira alla grande, Belinelli continua a segnare e il Partizan tocca la doppia cifra di svantaggio. Intensità e clima da Playoffs stasera alla Virtus Segafredo Arena con tecnici e “botte da orbi”. Il Partizan rischia più volte di sprofondare ma c’è un super Kevin Punter a tenere a galla i serbi, anche lui autore di un gioco da 4 punti nel finale di quarto. 4 punti di vantaggio per la Virtus Bologna a 10 minuti dal termine.

Un paio d’errori gravissimi di Jordan Mickey, sia in fase difensiva che offensiva, sono oro per un Partizan che piazza un parziale di 10-0 e impatta nuovamente la partita. Inerzia completamente da parte dei serbi che con la tripla di James Nunnally operano il sorpasso in una partita equilibratissima. Come detto in precedenza, intensità e contatti da Playoffs questa sera con le squadre consapevoli di quanto sia importante ottenere i 2 punti. Prima Punter, ora è il turno di James Nunnally. Canestri pesantissimi dell’ex Avellino e Olimpia Milano per il +5 Partizan a 4 minuti dal termine. La Virtus non molla, ci prova nel finale e con 6 punti in fila di Cordinier è nuovamente parità. A un minuto dal termine, è parità. Smailagic va dalla lunetta e fa 2 su 2 per il +2 Partizan. Dall’altra parte Lundberg però segna una pazzesca tripla per il sorpasso Virtus che significa GAME SET AND MATCH. I liberi e il recupero di Abass sigillano una vittoria importantissima contro un Partizan che non ha mollato mai neanche sul -12.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – PARTIZAN BELGRADO 88-84 (19-19, 16-12, 27-27, 26-26)

MVP BasketInside: I.Lundberg

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Belinelli 20, Lundberg 20, Shengelia 8, Dunston 7, Hackett 7, Cordinier 12, Mickey 4, Abass 7, Pajola 3.

PARTIZAN BELGRADO: Punter 22, Nunnally 18, Avramovic 16, Dozier 10, Smith 6, Smailagic 4, Kaminsky 2, Koprivica 4, LeDay, Ponitka.