EuroLega, 25ª giornata: Il Real Madrid è una macchina perfetta! Fenerbahce asfaltato ad Istanbul

Super prestazione del Real Madrid che non solo vince, ma domina il Fenerbahce ad Istanbul. Le assenze non sono un problema per gli uomini di Pablo Laso.

di Matteo Andreani, @matty_vanpersie

Fenerbahce e Real Madrid si sfidano in un big match di EuroLega, valevole per la 25ª giornata di EuroLega. I turchi cercano continuità nella lotta per un posto ai Playoffs, mentre il Real Madrid cerca risposte dopo i numerosi infortuni che hanno colpito la casa blanca, reduce da una dominante prestazione nell’ultimo weekend che ha valso l’ennesima Copa del Rey della sua gloriosa storia.

 

QUINTETTO FENERBAHÇE BEKO ISTANBUL: Sloukas, De Colo, Kalinic, Thomas, Vesely.

QUINTETTO REAL MADRID: Campazzo, Carroll, Deck, Garuba, Tavares.

 

PRIMO QUARTO:

Inizio di gara contratto per entrambe le squadre, in cui le difese hanno spesso la meglio sugli attacchi. Si sfidano Deck e Kalinic da una parte all’altra del campo, in una sfida tra due eccezionali difensori e ottimi attaccanti. Il giovane Garuba soffre sotto canestro contro l’esperienza di Thomas, un veterano rispetto allo spagnolo, con ben 14 anni di differenza tra i due. Domina sotto i canestri Walter Tavares. Il lungo del Real Madrid fa il vuoto a rimbalzo ed è incontenibile, qualsiasi difensore venga messo su di lui da Obradovic. Buonissima anche la seconda parte di quarto per Garuba, più a suo agio e ottimo nella fase difensiva. I 10 punti e 4 rimbalzi di Tavares, uniti ai 7 punti di Carroll e ai 5 assist di Campazzo, sono decisivi per il primo tentativo di allungo Madrid. Dopo 10 minuti è +7 per gli uomini di Laso, nonostante le assenze importantissime.

SECONDO QUARTO:

Nessun riposo per Facundo Campazzo, che continua ad illuminare l’attacco del Real Madrid. 0 punti per l’argentino ma una capacità di mettere in ritmo praticamente chiunque. Senza Llull, il Madrid dipende ancora di più dal suo folletto argentino. Non segna più il Fenerbahçe e il Real Madrid non accenna ad alzare il piede dall’acceleratore. Dominio sotto le plance del Real Madrid e Facundo Campazzo, sono questi i fattori principali della prima vera fuga del Madrid. Dopo appena 2 minuti di gioco nel secondo quarto, Obradovic è costretto a fermare il gioco sul -12 per i suoi uomini. Difesa a dir poco eccezionale del Real Madrid, il quale ha praticamente costretto a soli tiri forzati il Fenerbahçe sin qui. La scossa per i turchi, arriva da Jan Vesely. Il ceco è autore di una super schiacciata con fallo che gasa l’intera Arena e rianima i gialli. Esce Campazzo, si spegne subito la luce per il Madrid che subisce un 8-0 di parziale che costringe Laso al timeout, con il Fener a soli 5 punti di distanza. Al rientro in campo, è un altro Real Madrid, nuovamente devastante. Parziale impressionante dei campioni di Spagna. Rudy e Laprovittola trovano nuove soluzioni in attacco e il Fener è travolto dal parziale spagnolo. Si va all’intervallo sul +16 Real Madrid sul Fenerbahce, con gli ospiti ai limiti della perfezione per qualità di gioco e apporto fisico.

TERZO QUARTO:

Prova a reagire il Fenerbahçe, ma Jaycee Carroll e Walter Tavares non sono d’accordo. Evergreen Carroll, tiratore eccezionale e in grado di offrire ancora prestazioni di assoluta qualità per il Madrid. L’Ulker Arena però non smette mai di supportare i suoi ragazzi e grazie alla bolgia creata dai suoi tifosi, il Fener prova a rientrare, sotto la doppia cifra di svantaggio, ma la consapevolezza nei propri mezzi del Real Madrid è strepitosa. Gli uomini di Laso colpiscono con Carroll e Rudy Fernandez, letali da 3 punti, e con la solidità offensiva e difensiva di Tavares e Garuba. Il 17enne spagnolo, dopo un’inizio timido, si conquista il grande palcoscenico grazie alla qualità difensiva. Difesa, stoppate e nessuna paura di stare in un campo così importante come quello di Istanbul. Fuga, forse decisiva, per il Real Madrid a 10 minuti dal termine sul +20 e con un Fenerbahçe alle corde. L’unico a provarci per i turchi è De Colo, perfetto dalla linea con un 11 su 11 e 21 punti totali.

ULTIMO QUARTO:

Le prova tutte Coach Obradovic, ma nulla sembra riuscire per i turchi. Il Real Madrid sembra una macchina perfetta in questa notte turca di EuroLega, una macchina che non sta risentendo minimamente delle pesanti assenze. Thompkins si unisce al party blancos, segnando dalla lunga e media distanza in apertura di ultimo quarto. Il Fener alza bandiera bianca e molla ufficialmente. Il pubblico, completamente zittito, non ci crede più e il Real Madrid gestisce con tranquillità assoluta nel finale. La maggior parte dell’ultimo quarto è puro garbage time. Vittoria super per il Madrid che lancia un segnale chiarissimo a tutti i rivali in EuroLega. Infortuni o non, puntano dritti alla undecima della loro storia.

FENERBAHÇE BEKO ISTANBUL – REAL MADRID 65-94 (15-22, 16-25, 20-24, 14-23)

FENERBAHÇE:Nunnally 2, Westermann 2, Kalinic 9, Sloukas 5, De Colo 21, Williams 2, Thomas, Vesely 16, Muhammed 3, Duverioglu, Datome 5, Lauvergne. All: Obradovic.

REAL MADRID: Causeur, Fernandez 9, Campazzo 2, Laprovittola 9, Deck 5, Garuba 3, Nakic 4, Carroll 20, Tavares 16, Mickey 12, Thompkins 14, Mejri. All: Laso.

MVP BasketInside – Walter Tavares. Un Real Madrid di EuroLega perfetto, in cui è anche difficile scegliere un migliore campo. Il centro capoverdiano è un gigante in entrambi i lati del campo. 16 punti e 8 rimbalzi per lui, che non rispecchiano l’impatto dominante avuto in questa partita.

PROGRESSIVI: 15-22, 31-47, 51-71.

Clicca qui per vedere tutti i recap di EuroLega.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy