EuroLega, 26ª giornata: Kostas Sloukas sulla sirena! Olympiacos, che vittoria al fotofinish. Cade l’Efes al Pireo

0

La sfida in zona play-off si fa sempre più calda, l’Efes sta provando a rientrare tra le prime otto mentre l’Olympiacos con quattro sconfitte nelle ultime cinque ha perso il treno di testa ma rimane ben saldato in zona quinto posto. I turchi si presentano al Pireo con la spinta di due successi consecutivi, CSKA e Asvel, e con la convinzione di poter sorprendere la compagine greca mettendogli il fiato sul collo. L’Oly dal canto suo ha interrotto la moria di sconfitte con la vittoria in casa del Baskonia ma rimane una squadra fragile in questo momento della stagione.

OLYMPIACOS 87 – 85 ANADOLU EFES (26-17; 42-41; 61-61; 75-75)

Inizio equilibrato al Pireo con le due squadre che sono subito molto attive offensivamente, con Sloukas protagonista per i padroni di casa. Singleton e Simon tengono in partita i turchi e si viaggia sul filo del pareggio prima della tripla di Dorsey che prova a lanciare l’Oly sul 15-12. Nel finale di periodo Vezenkov e Sloukas, come nei primi minuti, tornano mattatori del match e i greci si trovano avanti di 9 alla fine del primo quarto, 26-17.

L’Olympiacos prova ad abbassare i ritmi e sembra anche allungare con McKissic ma l’Efes risale almeno in parte e per due volte si riporta sul -4, anche grazie ai punti di Moerman e Beaubois. Il controllo del match non è il forte dei padroni di casa e la tripla dell’ex Barca riporta la squadra turca sul -1, 37-36. L’Efes sa di averne di più e prova anche a mettere il naso avanti nel finale di tempo, ma la tripla di Dorsey chiude la contesa con l’Olympiacos in vantaggio 42-41.

Al rientro dalla pausa lunga è sempre la squadra del Pireo a guidare la contesa, tenendo un minimo vantaggio con Sloukas e Vezenkov sempre più decisivi nell’economia della squadra greca. Dall’altra parte Micic disegna basket, serve assist a ripetizione con Moerman e Dunston che ringraziano e mettono a segno i canestri del pareggio, prima a quota 52 e poi al 30′ con le squadre sul 61-61.

Il match è stato equilibrato per trenta minuti e il quarto finale non smentisce le due squadre che rallentano decisamente i ritmi, la tensione è troppo alta perché nessuno vuole perdere il match. La squadra turca prova a lanciare il forcing andando avanti di 4, 63-67, ma arriva subito il controbreak da 5-0 per l’Olympiacos che si rimette davanti con il minimo vantaggio. Dorsey prova fino all’ultimo ad evitare l’overtime ma Pleiss ha altri programmi e le squadre chiudono il match, tanto per cambiare, in parità a quota 75.

Nel supplementare sono i dettagli a fare la differenza, Dorsey ben servito da una parte segna e mette i suoi in posizione di vantaggio, dall’altra parte arriva la tripla di Shane Larkin e il canestro di Micic con l’Efes che sente la vittoria vicina, avanti 84-85 ma con la palla in mano che è dell’Olympiacos per l’ultima azione del match. Il Pireo con il fiato sospeso, la palla arriva nell’angolo, Sloukas spara la tripla sulla sirena e realizza il canestro della vittoria. Finisce 87-85 in favore dei padroni di casa.

Tabellino

Olympiacos: Acy, Dorsey 19, Lountzis, Larentzakis 5, Fall 10, Sloukas 23, Martin 1, Vezenkov 16, Printezis 4, Papanikolaou 3, Jean-Charles, McKissic 6.

Efes: Larkin 11, Beaubois 13, Singleton 4, Bryant 3, Gazi, Moerman 11, Tuncer, Pleiss 14, Micic 12, Petrusev, Dunston 9, Simon 8.