EuroLega, 26ª giornata: Un grande Shields trascina alla vittoria il Kirolbet Baskonia

Decisiva la prestazione dell’ex Aquila Trento ai fini della vittoria basca. I rossoblu agganciano in classifica proprio la Stella Rossa e da stasera si ritrovano ad una sola vittoria dall’ottavo posto!

di Marco Novello

Un grande Shields trascina alla vittoria il Kirolbet Baskonia che piega, davanti ai 9 mila spettatori della Buesa Arena, la Stella Rossa. Un referto rosa davvero importante per i baschi che agganciano in classifica proprio i serbi e si accodano al gruppone in lotta per l’ottavo posto. In una sfida bloccata come quella di stasera, i dettagli alla fine fanno la differenza; Ivanovic ingabbia molto bene con la propria difesa il pericolo numero uno Lorenzo Brown tenendolo a soli 10 punti. Non si può dire lo stesso per i serbi che soffrono le folate dell’ex Trento e del solito Shengelia a dir poco decisivi ai fini del successo dei padroni di casa. La sfida si concluderà sul punteggio di 71 a 56 in favore del Baskonia

 

QUINTETTO BASE BASKONIA: Christon, Janning, Shengelia, Shields, Eric

 

QUINTETTO BASE STELLA ROSSA: Brown, Lazic, Baron, Jagodic-Kuridza, Stimac

 

Avvio di gara favorevole agli ospiti; sospinti da un ottimo Baron i serbi prendono in mano le redini del match e dopo 2’30” di gioco si ritrovano avanti per 2 a 7. Shengelia e Shields ricuciono lo strappo iniziale, ma Stimac col quarto punto della sua serata mantiene avanti gli ospiti seppur solo di un punto (8-9 al 5’). Il botta e risposta tra le due sfidanti si prolunga per qualche minuto; ci pensa Shields a spezzare questa situazione d’impasse portando i rossoblu addirittura sul +4 (15-11 al 9’). Brown col primo canestro della propria serata dimezza lo svantaggio, ma il Baskonia è cinico nell’approfittare delle disattenzioni degli ospiti in difesa ed allungare sul +7 grazie ai centri di Fall e Janning (20-13). Il canestro che segna la fine a queste prime ostilità è dell’ex Virtus Bologna Punter che vale il -6; il primo quarto si chiude quindi sul punteggio di 21 a 15 in favore dei padroni di casa.

 

Il secondo periodo sembra poter raccontare una partita diversa rispetto a quella ammirata nei primi 10’ di gioco. Shengelia, da una parte, Punter ed Ojo, dall’altra, di fatti, centrano con continuità il fondo del secchiello ravvivando un incontro che stentava a decollare (26-19 al 12’). Gli ospiti si rifanno sotto grazie agli spunti dell’ex Virtus, ad ora vera spina nel fianco per la difesa di coach Ivanovic; ma le paure per una possibile rimonta serba durano giusto l’arco di un paio di azioni. Nella parte centrale del quarto per l’appunto sale in cattedra Michael Eric; il centro dei padroni di casa si impossessa del pitturato da ambo i lati del campo recuperando rimbalzi sia in attacco che in difesa oltre a convertire in canestri i preziosi assist forniti dai compagni che valgono il nuovo +8 al Saski (32-24 al 16’). Punter prova a prendere per mano la Stella Rossa, ma i compagni non riescono a fornirgli un supporto adeguato; i baschi dal canto loro approfittano di questa secca offensiva ospite per dilatare ulteriormente il gap che al 20’ sarà di ben 11 punti. Il Baskonia rientra negli spogliatoi quindi avanti nel punteggio per 39 a 28.

 

La ripresa ricalca quanto visto nel primo quarto di gioco; parte decisamente meglio la Stella Rossa che, guidata da un ritrovato Lorenzo Brown (inspiegabilmente silente nei primi 20’ di gioco), torna in partita dimezzando lo svantaggio rispetto al Baskonia. Come precedentemente detto, il gran protagonista in questi primi minuti della terza frazione è il play ospite col numero 4 che segna ben 8 punti in fila in cinque minuti scarsi di gioco che aiutano la squadra serba a mettersi alle spalle il momento di difficoltà palesato ad inizio match (44-39 al 25’). Il Baskonia tuttavia si aggrappa ai propri fari; Shields e Shengelia rispondono per le rime al play avversario sbloccando l’attacco dei padroni di casa che si era inceppato da qualche minuto. L’ex Trento soprattutto non sbaglia praticamente mai una scelta; il tiro dalla lunga questa sera non vuole saperne di entrare ed allora il numero 31 sfrutta il proprio fisico per fare ciò che vuole vicino a canestro mettendo a segno punti importanti o smazzando assist in favore dei propri compagni di squadra (50-43 al 28’). La terza frazione si chiuderà poco dopo sul parziale di Baskonia 53-44 Stella Rossa, lasciando in sostanza inalterato il gap tra le due sfidanti.

 

Il quarto ed ultimo quarto diviene subito un lungo “garbage-time” grazie alla concretezza dei padroni di casa che approfittano delle nuove disattenzioni difensive dei serbi per sbrigare la pratica e portarsi a casa il referto rosa di questo incontro. Il canestro della staffa a 5’ dal termine dell’incontro lo segna come al solito Shields autore di una prova a tutto tondo questa sera; l’ex Trento, ben coadiuvato da Shengelia, si è rivelato un fattore determinante ai fini della W del Saski questa sera. Gli ultimi giri di orologio servono solamente ad arricchire il tabellino dello statistiche in quanto ormai il verdetto del campo è già stato emesso; Baskonia cancella il passo falso accusato contro lo Zalgiris e torna in zona Play-Off. Non si conclude invece il momento no per la formazione di Belgrado giunta ormai al terzo K.O. consecutivo; ma nonostante ciò i Play-Off per i ragazzi Gravilovic restano a portata di mano.

 

MVP BASKETINSIDE.COM: Shavon Shields. Nettamente il migliore in campo, assieme a Shengelia regala una vittoria dal peso specifico incalcolabile al Baskonia. Punti, rimbalzi, assist, questa sera l’ex Aquila Trento ha giocato una sfida pressoché totale risultando chirurgico nelle scelte nei momenti cruciali del match. Per il 31 alla fine il tabellino recita lo score di 15 punti col 7/12 dal campo, 6 rimbalzi, 5 assist, 5 falli subiti e ben 23 di valutazione finale.

 

KIROLBET BASKONIA – STELLA ROSSA BELGRADO 71-56 (21-15, 39-28, 54-43)
[Progressivo 21-15, 18-13, 15-15, 17-13]

 

Saski Baskonia: Gonzalez 3, Christon 5, Henry 3, Janning 3, Diop 8, Garcia, Fall 3, Shengelia 18, Dragic 3, Shields 15, Polonara, Eric 10, all. Ivanovic

 

Stella Rossa: Punter  12, Brown 10, Perperoglu 1, Davidovac 2, Lazic 3, Baron 7, Gist, Lucas 2, Jagodic-Kuridza 4, Simanic, Ojo 2, Stimac 13, all. Gravilovic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy