Eurolega 27ª giornata: Panathinaikos che colpo. Lessort e Nunn trascinano i greci contro il Real Madrid

0
Real Madrid Panathinaikos
Real Madrid Basket Twitter

Negli ultimi 18 precedenti tra Real Madrid e Panathinaikos soltanto in una occasione i greci erano riusciti a vincere. Il successo degli ateniesi mancava dalla regular season 21/22, unico punto verde nella lunga lista bianca. Con una gara perfetta la squadra di Ataman è riuscita ad infliggere alla capolista la prima sconfitta casalinga della sua Eurolega. Un successo nato in una partita dove il Pana ha retto bene al buon inizio del Real e poi ha alzato il volume nel secondo quarto e ha saputo reggere ottimamente alle spallate dei blancos che nel finale hanno dovuto arrendersi per la prima volta davanti al proprio pubblico.
Il Real va avanti nel primo quarto affidandosi a Tavares e Yabusele. Il francese è già a quota 9 punti al 10′ con i locali avanti 24-18 e capaci di un 4/6 da tre punti. Il Panathinaikos tira male da tre punti (175) e insegue.
Nel secondo quarto il Panathinaikos alza subito la voce. Sloukas e Hernangomez aprono benissimo il periodo con gli ospiti che sorpassano dopo 1′ e mezzo (26-27).Nella parte centrale del periodo arriva lo show di Mathias Lessort che segna 9 punti mettendosi a maltrattare il ferro avversario. 28-36 per i greci a -3’22” dall’intervallo per con il francesono di Ataman che torna negli spogliatoi con 13 punti e 6/6 dal campo e il Panathinaikos avanti 36-45.
Il Real impiega un minuto e mezzo per recuperare lo svantaggio a inizio di ripresa. Hezonja e Tavares propiziano il buon avvio di terzo quarto, Causeur e Yabusele completano la rimonta per il 52-50 a -5’56” dalla fine del terzo quarto. L’inerzia è nelle mani dei blancos ma solo per un attimo. Nunn colpisce da tre punti, poi c’è un incredibile autocanestro di Hernangomez ma l’episodio non rovina il nuovo buon momento del Pana che conduce 56-62 dopo un halley-hoop di Nunn per Lessort. Mateu chiama time out (-2′ , 56-62) ma non serve a limitare i greci che vanno all’ultima minipausa con il 61-67.
Musa e Mitoglou illuminano la scena di inizio ultimo periodo. Il Pana conduce 70-73, c’è l’ennesima schiacciata di Lessort, e poi la nuova tripla di Sloukas per il 74-78 a -4′ dalla fine. E’ il regista greco adesso l’uomo in più per Ataman che vola sul 74-82 a -3’32” dalla fine. A -3’06” c’è il gioco da tre punti di Campazzo (80-85) per tenere aperte le speranze, ma Musa sbaglia la tripla del -2 e dall’altra parte c’è la tripla di Grigonis che è una prima sentenzza (80-88). Un minuto e mezzo alla fine con il Panathinaikos in vantaggio 81-90 grazie al contropiede di Lessort. Il Real smette di crederci e allora c’è il punto esclamativo di Grigonis che chiude i discorsi con la tripla del +12 (83-95) prima dell’88-93 conclusivo.

Real Madrid-Panathinaikos 86-97 (24-18, 12-27, 25-22,25-30)


Real Madrid
: Causeur 13, Abalde 6, Campazzo 9, Hezonja 12, Alocen, Rodriguez 2, Deck, Poirier, Tavares 10, Llull, Yabusele 18, Musa 16. Coach: Mateo.
Panathinaikos: Kalaizakis, Moraitis, Balcerowki 2, Sloukas 16, Papapetrou 7, Grant 4, Nunn 17, Lessort 26, Grigonis 11, Hernangomez 6, Mitoglou 8, Mantzoukas. Coach: Ataman