EuroLega 28ª giornata: Zalgiris, brutto stop in Russia. Lo Zenit esulta all’overtime

EuroLega 28ª giornata: Zalgiris, brutto stop in Russia. Lo Zenit esulta all’overtime

Prima vittoria per coach Pascual dopo sei sconfitte consecutive.

di Fabio Rusconi

Eccola la prima per Xavi Pascual a S.Pietroburgo. Dopo sei stop consecutivi, i russi ritrovano il successo in Eurolega. Lo fanno all’overtime contro uno Zalgiris che nel primo tempo è stato anche a +17. I lituani vedono il proprio periodo positivo e la loro rincorsa playoff subire un’arresto inaspettato, con tanti rimpianti. Oltre al vantaggio dilapidato, infatti, i biancoverdi hanno sprecato varie situazioni per portare a casa il risultato, oltre a mandare in fumo la grande prova della coppia Landale-Walkup. Lo Zenit ringrazia, con un Albicy sontuoso, e vince una partita che può dare fiducia e morale all’ambiente.

Quintetto Zenit: Albicy, Hollins, Ponitka, Thomas, Ayon

Quintetto Zalgiris: Walkup, Milaknis, Landale, Jankunas, Ulanovas

Match di grande intensità difensiva. Pochi i canestri nei primi minuti, in un match equilibrato (5-5 al 4′). Sono gli ospiti ad allungare: 12-0 ispirato da Rivers, Landale e Milaknis e massimo vantaggio. Lo Zenit traballa, abbozza una reazione con Ponitka e Iverson, ma fino a -15 a fine primo quarto. Ottimo gioco dei lituani ospiti: difesa solida, transizione letale, Rivers sugli scudi. I padroni di casa non sono mentalmente in campo, e continuano a subire di un Landale scatenato, senza errori dal campo fin qui. Il suo 14mo punto arriva da una bomba che fa volare lo Zalgiris a +17 (19-36 al 14′). Viaggianti in controllo nella parte centrale di secondo quarto, ma lo Zenit reagisce: dal -16 (24-40) si fino a -4 all’intervallo: notevoli gli sforzi dei ragazzi di coach Pascual, che guidati da un ispiratissimo Iverson vanno al riposo lungo sul 37-41. Parziale di 13-1 che ha rimesso in partita i padroni di casa.

Ripresa più interessante di quella che pareva essere. Anche se gli attacchi ricalano nuovamente di ritmo, si abbassano le percentuali (soprattutto per lo Zalgiris), che comunque tiene il comando della gara nonostante gli assalti avversari a firma Albicy e Iverson. Lo Zenit si trova in un paio di occasioni a un possesso di distanza, con anche la palla in mano per il sorpasso. Ma non concretizza questi possessi chiave, chiudendo la terza frazione a -6 (47-53). Poco male: bastano pochi minuti nell’ultimo quarto ai padroni di casa per rifarsi sotto. 7-0 Zenit in apertura di quarto periodo, con Ponitka, Hollins e Ayon che regalano il sorpasso ai compagni, nonchè il primo vantaggio di serata (54-53 al 34′). Zalgiris ora alle corde, subisce ancora due triple di Thomas e Albicy e scivola a -7. Timeout coach Jasikievicius, che ha i frutti sperati: break biancoverde 5-0 e lo Zalgiris si rifà sotto, regalando ai presenti un finale punto a punto. Ayon prova a prendere per mano i suoi, rispondono Walkup e Landale e a 1′ dal termine ci sono solo 2 punti a separare le compagini (66-64). Albicy ha diverse chance per sigillare il match ma le fallisce, lasciando campo a Walkup di pareggiare dalla lunetta a 16″. Ultimo possesso in mano allo Zenit ma Ponitka getta il pallone in tribuna dopo pochi secondi, dando la chance di vittoria ai lituani. Rivers dall’altra parte si altra dall’arco, ma coglie solo il ferro, si va all’overtime (66-66).

Zalgiris apre il supplementare con un 5-0 a riprendersi la testa della corsa. Si rianima anche lo Zenit con la bomba di Albicy, dopo 2′ abbondanti senza segnare. Leday segna, Thomas risponde e lo Zenit è ancora a -2 (71-73). Lungi dall’essere finita questa sfida: Iverson si inventa il gioco da tre punti del sorpasso. Ma i viaggianti non mollano sulla solita asse WalkupLandale (74-75 al 44′). Lo Zenit non produce punti, ma riesce a difendere garantendosi l’ultimo tiro: Albicy attacca Lekavicius che spende un fallo molto ingenuo, che vale il 2/2 con cui il play francese rimette i suoi avanti a 2″ dalla sirena. Jasikievicius furibondo per la gestione dei suoi, chiama timeout per disegnare il gioco della vittoria per Rivers, che come cinque minuti prima sbaglia. Lo Zalgiris alza bandiera bianca: 76-75 il punteggio per i locali.

Zenit S. PietroBurgo vs Zalgiris Kaunas 76-75 dts (12-27; 34-41; 47-53; 66-66)

Zenit: Iverson 14, Albicy 19, Ponkrashov 0, Hollins 6, Thomas 7, Renfroe 7, Voronov 0 Zubkov 3, Abromaitis 2, Ponitka 8, Ayon 10. All: Pascual

Zalgiris: Walkup 6, Rivers 14, Lekavicius 2, Hayes 2, Jankunas 2, Milaknis 3, Geben 2, Jokubaitis 2 Leday 11, Landale 27, Ulanovas 4, Lukosiunas n.e. All: Jasikievicius

MVP Basketinside: Andrew Albicy

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy