EuroLega, 2ª giornata: Real Madrid inguardabile. Il Valencia di Dubljevic fa il colpo

Derby spagnolo ancora indigesto al Real. Dopo quella con il Baskonia arriva la sconfitta in casa contro il Valencia che bissa il successo dell’esordio. La squadra di Ponsarnau dilaga nella ripresa (+25 metà ultimo quarto) trascinata da Bojan Dubljevic (24 punti, 6/9 da tre).

di Alessandro Elia

Dopo il Baskonia ecco il Valencia. Doppio k.o. tutto iberico per il Real Madrid che viene travolto sul proprio campo dalla squadra di Ponsarnau dilagante con sorprendente facilità nella ripresa. A guidare per mano gli ospiti c’è Bojan Dubljevic che segna 24 punti con un 6/9 da tre in 18′, quanto basta per mettere alle corde un Real sfasato e crollato alla prima spallata ricevuta.

Eppure i blancos non erano partiti male. Campazzo e Tavares si sono messi a capeggiare i locali che hanno trovato anche una buona intensità difensiva. Nel primo quarto il Valencia ha già due triple di Dubljevic e beneficia del solito ottimo Kalinic. Il vantaggio dei madrileni al 10′ è di due punti (19-17) e si dilata sul 25-17 a inizio di secondo quarto quando irrompe sulla partita Rudy Fernandez. Ma l’inerzia nelle mani dei padroni di casa dura un attimo. Sul 29-22 arriva il parziale di 7-0 che porta tutti in parità. Il Valencia prende grande fiducia e trova con sorprendente facilità l via del ferro. E’ un buon momento per Mike Tobey, il resto lo fa Dubljevic con tre triple che portano il Valencia sul 34-42 a 4′ dall’intervallo. Laso cerca di affidarsi a Llull con il Real sotto di 5 lunghezze alla pausa lunga.

Nella ripresa arrivano subito altre due triple di Dubljevic che tolgono il fiato ai già cianotici madrilisti. 41-52 che diventa 43-55 con il gioco da tre punti di Prepelic. Nel Real ci prova Caseur ma Kalinic e Vives portano ancora più al largo il Valencia (47-61). Il terzo quarto si chiude con gli ospiti in controllo e avanti 53-68 con la tripla di Williams.

Una squadra come il Real Madrid avrebbe tutte le carte in regola per provare il recupero ma il parziale di 2-12 che apre l’ultimo periodo è più di una sentenza. Nel Valencia c’è adesso il marchio del veteranissimo San Emeterio e dopo 3′ di quarto finale è davvero tutto finito (55-80). Thompkins è l’ultimo del Real a mollare ma i suoi punti servono solo ad ornare il proprio tabellino. Il Valencia finisce sul velluto con il 77-93 del 40′. E

MVP: Bojan Dubljevic. Il montenegrino ha colpito con insistenza e incredibile precisione la retina del Real proprio nei momenti critici del match. 24 punti con 6/9 da tre e 4/4 ai liberi

REAL MADRID-VALENCIA BASKET CLUB 77-93 (19-17, 39-44, 53-68)
REAL MADRID: Caseur 2, Randolph 4, Fernandez 12, Abalde 5, Campazzo 14, Alogen 2, Deck 2, Garuba 4, Carroll, Tavares 15, Llull 5, Thompkins 12. Coach Pablo Laso
VALENCIA: Marinkovic, Prepelic 5, Pradilla, Labeyrie 9, Van Rossom 5, Tobey 14, Kalinic 10, Dubljevic 24,  Vives 4, San Emeterio 9, Williams 7, Hermannsson 6. Coach: Jaume Ponsarnau

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy