EuroLega, 3ª giornata – Il Monaco sfiora la remuntada ma cede al Real Madrid

0

Il Real Madrid batte il Monaco e infligge la prima sconfitta stagionale ai monegaschi che, fino a questo momento, avevano vinto due partite su due. Il match si è indirizzato fin da subito in direzione dei blancos ma gli ospiti sono stati capaci di una rimonta che ha seriamente fatto tremare il Real Madrid nel finale. Alla fine decisiva è stata la tripla di Rudy Fernandez a un minuto dalla fine che ha definitivamente chiuso i giochi.

LA CRONACA – L’avvio di partita è un vero e proprio incubo per il Monaco che per quasi tutto il primo quarto subisce in maniera assolutamente passiva il gioco del Real Madrid il quale, anche grazie a un Hanga in grande spolvero, sfiora in varie occasioni addirittura il ventello di vantaggio. Solo nelle fasi finali del quarto di apertura il Monaco inizia a trovare una qualche pericolosità offensiva che gli consente di andare al primo mini intervallo in svantaggio solo per 30-12.

I timidi buoni segnali mostrati dal Monaco nel finale di prima frazione svaniscono subito in avvio di secondo quarto quando il Real, grazie alla tripla di Llull, trova il +21 sul 33-12. Il linguaggio di corpo dei giocatori monegaschi non sembra assolutamente dare l’idea di una squadra intenzionata tentare la rimonta e così i padroni di casa possono gestire il loro abbondante margine di vantaggio senza spendere troppe energie. L’occasione di riaprire il match per il Monaco arriva dall’abbassamento delle percentuali a tiro del Real Madrid e l’entrata in partita di Mike James il quale è alla base del miglioramento dell’attacco dei monegaschi. La schiacciata di Hall fissa il punteggio alla fine del secondo quarto sul 51-39 in favore di un Real Madrid che, visto l’andamento della partita, sarebbe potuto andare all’intervallo con un margine decisamente più ampio.

In avvio di terzo periodo la partita è davvero bella: infatti, il Monaco riesce finalmente a portarsi in maniera abbastanza stabile in singola cifra di svantaggio grazie anche alle grandissime giocate di Mike James ma dall’altra parte il Real Madrid riesce a difendere la sua posizione di vantaggio tornando a tirare dall’arco con percentuali davvero notevoli. Gli ospiti riescono a portarsi fino al -7 (64-57) ma non riescono a concretizzare realmente la rimonta a causa dei preziosi punti portati a casa da Heurtel e Tavares che ridanno la doppia cifra di vantaggio al Real Madrid sul 72-62. Solo un grandissimo canestro dall’angolo di James permette al Monaco di andare all’ultimo mini intervallo in singola cifra di svantaggio sul 72-65.

A inizio quarto quarto il Real Madrid prova a scappare definitivamente ma per sua sfortuna il Monaco resta orgogliosamente attaccato alla partita. In questa fase, come è naturale che sia, la palla pesa non poco e non si segna con grandissima continuità. La rimonta monegasca è portata a termine da Thomas che a circa 4’ dalla sirena finale porta il punteggio in parità sull’81-81. È ancora Thomas a trascinare i suoi al vantaggio con un appoggio al vetro irregolarmente intercettato dalla difesa del Real Madrid che a sorpresa si ritrova sotto per 83-81. La partita in questa fase è estremamente equilibrata e il Real prova ad approfittarne per scappare verso la vittoria. La tripla da oltre sette metri di Rudy Fernandez porta i padroni di casa a +5 (89-84) a un minuto dalla fine e entusiasma il pubblico madrileno che vede il successo della propria squadra avvicinarsi. Negli ultimi possessi della partita il Monaco è costretto a dover fare a meno anche di Mike James, portato fuori dal campo per infortunio, e così il Real vince per 94-86.

REAL MADRID 94-86 AS MONACO (30-12; 51-39; 72-65)

Real Madrid: Williams-Goss 4, Causeur 12, Heurtel 13, Fernandez 7, Abalde 2, Hanga 9, Alocen, Poirier 8, Tavares 9, Llull 4, Yabusele 18, Taylor 8. All. Pablo Laso

AS Monaco: Lee, Westermann 8, Thomas 11, Diallo 7, Motum 5, Boutsiele, Motiejunas 9, Faye, Gray 2, Andjusic 8, Hall 12, James 24. All. Zvezdan Mitrovic

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here