EuroLega, 3ª Giornata: il Valencia spaventa l’Efes, che si sveglia nel secondo tempo e porta a casa una vittoria sofferta

EuroLega, 3ª Giornata: il Valencia spaventa l’Efes, che si sveglia nel secondo tempo e porta a casa una vittoria sofferta

Il Valencia spaventa l’Efes nel primo tempo, i turchi però reagiscono con un terzo quarto da 30 punti e riescono a completare la rimonta centrando la seconda vittoria stagionale

di Alessandro Migliore

Il Valencia parte forte, mette energia in difesa e riesce a trovare fluidità in attacco. Dall’altra parte l’Efes è in palese difficoltà e sembra non reggere il confronto con la pressione proposta dagli avversari. Il primo tempo degli spagnoli è quasi perfetto, grazie anche ad un Dubljevic stellare. Al rientro dall’intervallo la musica cambia, Micic inizia a prendersi la squadra sulle spalle e inizia a smazzare assist a tutti i compagni (saranno 12 alla fine dei quaranta minuti), il terzo quarto dell’Efes da 30 punti riporta le cose alla normalità. Il Valencia non ha più energie e non riesce a rientrare in partita, l’ultimo quarto è pura amministrazione per i ragazzi di Ataman che comunque portano a casa una vittoria più sofferta del previsto.

QUINTETTO BASE VALENCIA BASKET: NDOUR, ABALDE, VAN ROSSOM. DUBLJEVIC, SAN EMETERIO

QUINTETTO ANADOLU EFES ISTANBUL: BEAUBOIS, MICIC, PETERS, DUNSTON, SIMON

1° Quarto: Partenza aggressiva del Valencia che inizia con un 8-2 di parziale e costringe Ataman a chiamare subito timeout. L’efes esce bene dal timeout e piazza un contro parziale di 2-8 che riporta il punteggio in partà (10-10). Le squadre eseguono bene in attacco e rispondono colpo su colpo all’avversario. Dopo 6 minuti il Valencia trova la tripla del +1 (17-16). Due triple in fila dei padroni di casa portano il vantaggio a +4 (23-19). L’aggressività del Valencia in difesa mette in crisi l’attacco dell’Efes e dall’altra parte i padroni di casa non sbagliano un colpo, tornando nuovamente sul +6. Il primo quarto si chiude con due buone difese dei turchi e la tripla di Micic che riavvicina l’efes. Dubljevic trova l’appoggio sotto canestro che vale il +4 per chiudere i primi 10 minuti (27-23).

2° Quarto: Continua ad essere super efficace la difesa aggressiva degli spagnoli, l’Efes non riesce a trovare le sue solite sicurezze offensive. Larkin prova a prendersi la squadra sulle spalle, ma il Valencia continua a giocare bene e mantiene tre lunghezze di distanza (30-27). Male in difesa e poche ideee in attacco da parte dei turchi, che si limitano ad accontentarsi della prima scelta offensiva, questo permette un piccolo allungo da parte dei padroni di casa che vanno sul +7 (34-27). Finalmente si sveglia l’efes, con una tripla di Simon e una palla recuperata da Larkin che si conclude con una schiacciata in contropiede si riporta sul -2 (34-32). Il Valencia però non molla un colpo riuscendo a limitare le stelle dell’Efes, che continuano a brillare poco, sbagliando spesso conclusioni agevoli. La squadra si appoggia a Peters che è l’unica certezza della serata per i turchi, con 11 punti in 8 minuti e 5/5 da due. Dall’altra parte è Dubljevic a portare sulle spalle l’attacco spagnolo. La due squadre faticano a trovare punti, grazie anche all’elevata intensità difensiva di entrambe, a due minuti dal termini il Valencia mantiene due punti di vantaggio (41-39). Una tripla allo scadere dei 24 di Colom spezza il ritmo della gara, e sono proprio i padroni di casa ad approfittarne, piazzando un parziale di 5-0 che li porta sul 46-39. Ataman prova a risolvere i problemi chiamando time-out, ma l’azione successiva si conclude con una palla persa e il primo tempo si chiude con il Valencia avanti di 7.

3° Quarto: Il terzo quarto si apre con una tripla di Micic e una grande giocata di Larkin, che portano l’Efes a -2. Il Valencia sembra spaventato dal rientro dei turchi, ma con la difesa riesce a reggere l’urto, Van Rossom trova la tripla del nuovo +5 (49-44). L’energie per gli spagnoli iniziano a calare, e l’Efes trova punti facili, forse i primi di tutta la partita. Nonostante tutto il Valencia mantiene un possesso pieno di vantaggio. Dopo 5 minuti l’Efes trova il primo vantaggio della partita, grazie al facile lay up di Larkin (53-54). Sorpassi e controsorpassi, le due squadre non mollano, ci pensa Micic ad alzare il livello dell’attacco e lascia due punti facili per Dunston che porta il massimo vantaggio ai turchi sul 57-60. Primo vero moment0 di difficoltà per gli spagnoli, che con energia riescono a trovare due punti importantissimi a rimbalzo offensivo. Ma è ancora Dunston a riportare sul +3 l’Efes, Micic sembra finalmente entrato in partita, il suo 2/2 dalla lunetta permette finalmente ai turchi di respirare con 5 lunghezze di vantaggio. L’attacco dei padroni di casa si ferma e dall’altra parte non c’è più l’energia di inizio partita, questo si tramuta in 7 punti di svantaggio. Il quarto si chiude con una tripla di Beaubois e massimo vantaggio per l’Efes sul +8, Motum chiude il periodo con un canestro allo scadere (63-69).

4° Quarto: Le squadre sono in palese difficoltà, nei primi tre minuti dell’ultimo periodo sono ancora zero i punti segnati, con la maggior parte dei possessi che si conclude con una palla persa. Ci pensa il solito Dubljevic a sbloccare il punteggio con un semi-gancio in post-basso d’altri tempi. Dopo i 30 punti del terzo quarto l’attacco dei turchi sembra essersi nuovamente bloccato, grazie come sempre all’intensità difensiva del Valencia. Sono ancora zero i punti segnati dopo 5 minuti di gioco. I padroni di casa però non ne approfittano e si trovano sempre sul -4. Finalmente Simon trova un appoggio facile per riportare i suoi a +6 (65-71). Il tempo continua a scorrere e le squadre faticano a trovare punti, questo fa felice l’Efes che con 6 punti di vantaggio da gestire non ha alcuna fretta. Dubljevic prova ancora una volta a caricarsi la squadra sulle spalle, ma le energie per il Valencia ormai sono terminate e l’Efes può controllare la partita fino al 78-83 finale, nonostante gli ultimi 30 secondi di paura che qualche leggerezza di troppo da parte dei turchi che permettono al Valencia di riavvicinarsi.

MVP BASKETINSIDE.COM: MICIC, sale in cattedra quando la sua squadra ne ha più bisogno e permette ai suoi di completare la rimonta. Non gioca una partita particolarmente brillante, ma quando c’è da prendersi le responsabilità lui risponde sempre presente. I 12 assist della sua gare testimoniano l’enorme importanza e l’immenso talento di questo giocatore.

VALENCIA BASKET-ANADOLU EFES ISTANBUL 78-83 (27-23; 46-39; 63-69) 

PARZIALI: 27-23; 19-16; 17-30; 15-14

TABELLINO VALENCIA: Colom 6, Marinkovic 2, Loyd 2, Ndour 6, Abalde 7, Labeyrie 4, Van Rossom 14, Tobey 0, Motum 11, Dubljevic 22, San Emeterio 4, Doornekamp 0. all.Ponsarnau

TABELLINO ANADOLU EFES ISTANBUL: Larkin 13, Beaubois 9, Singleton 0, Balbay 0, Sanli n.e., Pleiss 2, Micic 15, Anderson 0, Peters 15, Dunston 10, Simon 19. all. Ataman

Puoi trovare altri Recap nella sezione News del Basket Europeo Cliccando qui

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy