EuroLega, 6ª giornata: Stella Rossa perentoria per 30′, la difesa del Khimki non c’è

EuroLega, 6ª giornata: Stella Rossa perentoria per 30′, la difesa del Khimki non c’è

Vittoria netta dei padroni di casa, che nel terzo quarto fuggono definitivamente toccando anche il +27. Male il Khimki, con 50 punti concessi nei primi due quarti e incapace di trovare una vera reazione. Prima vittoria in EuroLega per Gavrilovic.

di Gabriele Leslie Giudice

STELLA ROSSA BELGRADO 90-78 KHIMKI MOSCA (28-22, 22-19, 30-15, 10-22)

La Stella Rossa centra la seconda vittoria in EuroLega, in maniera molto più netta di quanto la sirena finale non racconti. Gli uomini di Gavrilovic, che trova la prima vittoria in carriera in EuroLega da quando è stato promosso capo allenatore al posto di Milan Tomic, conducono per larghi tratti prima di trovare l’allungo decisivo nel terzo quarto, in cui i padroni di casa arrivano a condurre anche di 27 punti. Le chiavi dell’incontro si possono ritrovare nel parziale di 19-5 della Stella Rossa a metà terzo quarto, oltre alle ottimi percentuali al tiro, con i belgradesi che chiudono con il 51% da 2 (71% abbondante all’intervallo) e il 48% da 3. In ultimo, i 50 punti già messi a segno all’intervallo. Male il Khimki, ancora privo di Jovic e dalle polveri bagnate in attacco (24\64 complessivo al tiro), che riesce solo a buoi scappati a ricucire parzialmente il gap.

Cronaca: Simanic guida i suoi in avvio, con un parziale di 8-0 interamente condotto in attacco dal giovane prodotto del vivaio, che punisce l’approccio distratto dei russi – già 4 palle perse al 3′ -. Khimki riesce a scuotersi sfruttando la mano calda oltre l’arco di Booker e i primi squilli di Shved, che colpisce con lo step back (19-16). I russi trovano il -1 (23-22) con la zingarata di Zaytsev che ruba e finisce in contropiede, ma il finale di quarto è di nuovo di marca belgradese, con Brown e con la tripla in transizione di Perperoglou che dà 6 lunghezze di vantaggio alla Stella Rossa al primo mini intervallo (28-22). I padroni di casa allungano ancora toccando il +9 (33-24), cavalcando un Perperoglou mortifero sugli scarichi. Il Khimki risente in termini di soluzioni offensive dei minuti di riposo di Shved, trova qualcosa dai suoi lunghi ma in generale continua a soffrire, scivolando a -16 (45-29) sul 2+1 di Gist. I russi rispondono con un parziale di 7-0 che dà un po’ di inerzia agli ospiti (45-36), puniti dal pick and roll di Jenkins-Gist e sotto di 9 punti all’intervallo (50-41).

Bertans apre il terzo quarto segnando la tripla con libero supplementare (50-45), il Khimki è molto più aggressivo sul perimetro ma a volte pecca in lucidità e organizzazione aprendo spazi a Baron, che è letale nell’andare a bersaglio con un long two e con due triple che ridanno presto alla Stella Rossa la doppia cifra di vantaggio (58-47). Kurtinaitis ferma la partita ma gli ospiti continuano a imbarcare, arrivando a toccare il -17 (64-47) al 25′. La tripla di Timma spezza il parziale di 14-0 (66-50), senza scatenare, però, un’efficace reazione. La replica della Stella Rossa è veemente: Simanic e Perperoglou colpiscono da 3, Gist condisce dalla lunetta e il Khimki precipita a -24 (80-56) al principio dell’ultimo quarto. Nella parte centrale dell’ultimo quarto il Khimki ha un sussulto, recuperando parte del gap con un parziale di 11-0 che costringe Gavrilovic al timeout (83-67). Nel finale la Stella Rossa gestisce il vantaggio senza ulteriori problematiche. Il finale è 90-78.

STELLA ROSSA BELGRADO: Kuzmic 4, Covic, Brown 10, Perperoglou 15, Davidovac 2, Lazic, Baron 17, Dobric 3, Gist 12, Jenkins 8, Simanic 18, Ojo 1.

KHIMKI MOSCA: Shved 14, Booker 13, Timma 8, Karasev, Zaytsev 7, Desiatnikov 4, Jerebko 9, Monia 2, Gill 11, Evans 5, Bertans 5.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy