EuroLega, 6° giornata – Panathinaikos mattatore al Pireo: il derby greco è dei verdi

EuroLega, 6° giornata – Panathinaikos mattatore al Pireo: il derby greco è dei verdi

Il Panathinaikos interpreta fin da subito bene la gara e riesce a portarsi a casa due punti tanto importanti quanto difficili da conquistare

di Ciro Vieni

Probabilmente questa sarà una delle gare più fisiche e intense di tutta la regoular season d’EuroLega e non c’è da stupirsi se in campo ci siano state Olympiacos e Panathinaikos, acerrime rivali da sempre. Nonostante una grande voglia di restare nel match e portare a casa la vittoria, i padroni di casa di Sfeiropoulos pagano un terrificante 21/60 dal campo che non gli ha permesso di rientrare quando ce n’è stata l’opportunità. Dal canto suo, i verdi di Pasqual hanno il merito di essere sempre stati presenti nel match e di avere avuto la capacità di non perdere mai quella garra che tanto ha messo in difficoltà l’attacco biancorosso.

LA CRONACA – E’ il Panathinaikos ad apportare il primo mini parziale di gara con un 2-11, chiuso dall’ex Lojeski, che costringe coach Sfairopoulos al timeout immediato. Un gioco da tre punti di Roberts scalda subito il Pireo che mugugna, poi, al jumper vincente ancora di Lojeski. Grazie a Strelnieks e Mantsaris, l’Olympiacos entra definitivamente nel match al 7′ (12-13): ora è Pasqual a richiedere la sospensione. Puntale, arriva anche il sorpasso biancorosso (17-16) con una tripla di Mantsaris, tra i più in palla dei suoi in questo avvio.
Come nel quarto precedente, sono ancora quelli in verde a partire con la quinta e firmano un break di 9-0 nei primi 3′. 5 punti lampo dell’Oly provano a fermare l’emorragia ma con una calma olimpica, nell’altra metà campo, Rivers mette a referto altri 2 punti che valgano il 22-27, al 15′. Più passano i minuti e più la partita aumenta d’intensità: almeno in questa prima parte di partita, le difese surclassano gli attacchi. La tripla di Gist, al 29′, muove nuovamente lo score dopo minuti in cui era stato inchiodato sul 25-27. Nell’ultimo minuto, c’è una rinnovata sintonia con il canestro da ambo i lati del campo e l’inchiodata al ferro di Gist sancisce la fine del primo tempo sul parziale di 30-35 in favore degli ospiti.
La gara continua ad essere maschia, i contatti sono duri e l’agonismo è alle stelle. L’Olympiacos resta a contatto ma il Pana rimane avanti di 4 lunghezze (38-42) al timeout biancorosso al 25′. La scossa emotiva per i padroni di casa è servita dal solito Strelnieks che con un gioco da 3 punti impatta a 44 e scalda il Peace and Championship Stadium. Il cambio di rotta si nota e la squadra di Sfeiropoulos vola fino al +3 (47-44) ma 5 punti di fila degli atenesi, negli ultimi 30″, chiude il periodo sul 47-49.
La partenza in avvio di quarto è sempre di marca Panathinaikos, e il +7 (49-56) al 32′ è un chiaro segnale: i verdi sono pronto ad impadronirsi della vittoria. L’Olympiacos non riesce a trovare il fondo del secchiello con facilità e così gli ospiti continuano a mantenere un vantaggio rassicurante. Il duo Lojeski-Lekavicius sigla un parziale di 9-0 (che vale il 54-66), a cavallo del 36′ e del 37′, che pare possa tagliare definitivamente fuori dal match la brigata del Pireo. Difatti, i padroni di casa non sono più in grado di ritornare in corsa e il Pana porta a casa un successo importante con il punteggio di 62-70.

Olympiacos – Panathinaikos 62-70 (17-16; 30-35; 47-49)

OLYMPIACOS: McLean 10, Toliopoulos n.e., Papapetrou 11, Agravanis 1, Milutinov 4, Strlnieks 18, Printezis 3, Papanikoulau 2, Mantzaris 9, Roberts 3, Bogris n.e., Thompson 1. All. Sfairopoulos.

PANATHINAIKOS: Singleton 5, Rivers 12, Pappas 2, Denmon n.e., Gist 15, Vougioukas 2, Lekavicius 14, Gabriel 15, Auguste n.e., Lojeski 9, Calathes 6, Antetokoumpo 0. All. Pasqual.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy