EuroLega, 7ª giornata: Micic show al Pireo! Anadolu Efes a valanga sull’Olympiacos

EuroLega, 7ª giornata: Micic show al Pireo! Anadolu Efes a valanga sull’Olympiacos

Una grandissima prestazione del playmaker serbo, unita ad un sontuoso gioco di squadra, sono le chiavi di una netta vittoria dell’Anadolu Efes al Pireo.

di Matteo Andreani, @matty_vanpersie

Partita molto importante quella di stasera in EuroLega tra Olympiacos e Anadolu Efes. Importante per entrambe, perché chiamate a dare continuità. I padroni di casa sono partiti con un non entusiasmante 2-4, mentre i turchi sono chiamati a riscattare il brutto tonfo di settimana scorsa sempre ad Atene contro il Panathinaikos.

QUINTETTO OLYMPIACOS: Spanoulis, Cherry, Paul, Printezis, Milutinov.

QUINTETTO ANADOLU EFES: Micic, Beaubois, Simon, Peters, Pleiss.

 

PRIMO QUARTO:

Tanto equilibrio al Pireo, con un Olympiacos molto concentrato e autore di un buon inizio. L’Efes accusa il colpo all’inizio, con Ataman autore di un quintetto sperimentale con Singleton, Larkin e Dunston in panchina all’inizio. Risponde Vasilije Micic, autore di una grande reazione dopo una pessima prestazione contro il Panathinaikos. 10 punti nel primo quarto per il serbo, leader indiscusso di questa squadra. Il finale di quarto vede un protagonista inatteso, quel Taylor Rochestie appena ritornato in EuroLega. L’ex Stella Rossa è autore di una pazzesca giocata da quattro punti che permette ai rossi di chiudere avanti nel punteggio.

SECONDO QUARTO:

Il primo quarto dell’Efes? dimenticatevelo pure. Accenni di grande Efes in questa seconda frazione, simile a quanto visto nella scorsa stagione. Micic non si raffredda, anzi continua il suo show personale. 19 punti all’intervallo per il serbo, autentico mattatore di questa partita. Ma non solo Micic, l’Anadolu Efes gioca un secondo quarto magistrale. Larkin e Dunston dalla panchina hanno un super impatto che produce un parzialone in favore dei turchi. Si va all’intervallo lungo sul +18 Efes, con un Olympiacos in crisi nera dopo i primi ottimi 10 minuti.

TERZO QUARTO:

Nel terzo quarto, i padroni di casa provano la reazione. Brandon Paul, ex della partita, è ispirato e trova con facilità la via del canestro. L’Efes gestisce con autorità il vantaggio, non andando mai sotto la doppia cifra. Beaubois è protagonista in questa terza frazione, togliendo responsabilità e pressioni al duo Micic – Larkin. Ataman usa una rotazione ampia, in cui tutti hanno minuti e spazio importante. Nel finale di terzo quarto, pazzesco buzzer di Paul che ricuce lo scarto a 9 lunghezze per la squadra del Pireo.

ULTIMO QUARTO:

Massimo sforzo per la squadra del Pireo, che tenta il recupero anche se l’Efes non sembra avere una grande difficoltà. Difficoltà? parola sconosciuta nel vocabolario di Vasilije Micic. L’ex Zalgiris continua nel suo personale show, con percentuali al tiro stratosferiche. Che reazione alle critiche per Micic! Dall’altra parte prova di grande solidità per Milutinov, in doppia doppia anche stasera. Brutta prestazione di Vassilis Spanoulis, negativo in questa serata. Nel finale non c’è nulla da fare, con l’Olympiacos sempre a rincorrere oltre la doppia cifra di svantaggio e un Efes autore di una grandissima prestazione. Si può parlare di crisi al Pireo dopo un avvio fatto di 2 vittorie e 5 sconfitte? Probabile, probabilissimo.

 

OLYMPIACOS – ANADOLU EFES  67-86 (24-21, 11-32,  23-14, 9-19).

 

MVP BasketInside – Vasilije Micic. Che partita e che risposta alle critiche per Vasilije Micic! Il serbo fa capire sin da subito che la partita di OAKA è solo una brutta parentesi, segnando 10 punti nei primi 10 minuti. Poi non si ferma più. 29 punti, sempre al centro del gioco, fondamentale per i sogni di conferma di questo Anadolu Efes.

 

OLYMPIACOS: Punter 8, Rochestie 4, Paul 15, Koniaris 5, Spanoulis 4, Cherry 2, Milutinov 10, Vezenkov, Printezis 14, Kuzminskas, Rubit 2, Reed 3. All:Kemzura.

ANADOLU EFES: Larkin 24, Beaubois 10, Singleton 7, Balbay, Gecim, Sanli, Pleiss, Micic 27, Anderson 3, Peters 3, Dunston 10, Simon 2. All: Ataman.

 

PROGRESSIVI: 24-21, 35-53, 58-67

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy