EuroLega, 7ª giornata: Mirotic e Higgins danno spettacolo, non basta l’orgoglio allo Zalgiris

EuroLega, 7ª giornata: Mirotic e Higgins danno spettacolo, non basta l’orgoglio allo Zalgiris

Il Barcellona espugna Kaunas scappando a cavallo tra i due quarti finali. 51 punti in coppia per il duo Mirotic-Higgins.

di Gabriele Leslie Giudice

ZALGIRIS KAUNAS 86-93 FC BARCELONA (20-23, 20-24, 21-19, 25-27)

Continua la marcia del Barcellona, che espugna Kaunas scappando a cavallo tra terzo e ultimo quarto. Il volto della fuga decisiva è quello di Cory Higgins, che segna la bellezza di 16 punti in 4′ – gli ultimi 2′ del terzo quarto e i primi 2′ del quarto conclusivo – spingendo i blaugrana, per la prima volta nell’incontro, in doppia cifra di vantaggio. Non basta allo Zalgiris la consueta prestazione orgogliosa, poiché i lituani sono costantemente in difficoltà nel gestire il tabellone (21-38 il computo finale dei rimbalzi, con ben 16 offensivi concessi al Barcellona) e nel trovare antidoti per limitare Mirotic – 24 in 26′, 12\12 dalla lunetta -, autentico trascinatore dei blaugrana nei primi 30′ di gioco. Non aver mai concesso al Barcellona più di 10 punti di vantaggio, in una serata da 93 punti con il 64% al tiro da 2, 16 rimbalzi offensivi, 22 tentativi dalla lunetta e rotondo 121 di PIR (87 per lo Zalgiris), è probabilmente la miglior consolazione per coach Jasikevicius, alle prese con una serata troppo complicata anche per il suo Zalgiris.

Parziali alternati nei primi minuti del match, con lo Zalgiris a portarsi sul 5-0 e poi a subire l’8-0 di ritorno dei blaugrana, trainati da Smits. Mirotic fa subito valere il suo talento segnando 7 punti in 1’30” che spingono il Barcellona a +7 (12-19). Jasikevicius opta per la coppia di piccoli Lekavicius – Walkup, che eleva il ritmo dello Zalgiris e lo guida fino al -1 (20-21). 7 punti di Oriola ridanno inerzia al Barcellona nei primi minuti del secondo quarto (25-32), ma lo Zalgiris è bravo a tenersi sempre in scia, stavolta trovando le triple di Milaknis e Walkup (34-36). Il finale di secondo quarto sorride ai blaugrana, che trovano il massimo vantaggio a +9 (38-47) con i punti n.14 e 15 di Mirotic, e chiudono il primo tempo avanti di 7 lunghezze. Gestione dei rimbalzi (10-21 il computo all’intervallo) e ed elevare il livello difensivo sembrano essere le key words per coach Jasikevicius, che concede 47 punti ma soprattutto ben 15 assist al Barcellona al termine dei primi 20′.

LeDay scrive in solitaria il parziale di 7-0 (47-47) con cui lo Zalgiris impatta il terzo quarto, Higgins interrompe la striscia dei padroni di casa, mentre la Zalgirio Arena ora ribolle. Nikola Mirotic è un rebus per i lunghi Zalgiris e, continuando ad accumulare falli subiti e viaggi in lunetta, porta i blaugrana a +5 (51-56). Con la tripla di Londale e 4 punti di Grigonis, velocissimo nel tagliare verso il canestro ospite, lo Zalgiris ricuce (59-61) ma a cavallo tra la fine del terzo e l’inizio del quarto quarto subisce molto Higgins, che piazza 13 punti 2′ e 30” facendo schizzare il Barcellona a +10 (64-74). Milaknis e Grigonis rispondono oltre l’arco ma il cuore stavolta non sembra bastare ai lituani, che per 2 volte toccano il -5 (80-85) ma non riescono a serrare la propria area, consentendo a Davies e Mirotic di segnare i punti che rendono impossibile la rimonta. Delaney e ancora un super Higgins (27 punti) mettono i punti della staffa. Il Barcellona espugna Kaunas 86-93.

ZALGIRIS KAUNAS: Walkup 14, Perez 5, Lekavicius 6, Hayes 8, Jankunas 2, Milaknis 11, LeDay 16, Landale 10, Grigonis 14, Ulanovas.

FC BARCELONA: Davies 4, Hanga 9, Smits 5, Oriola 9, Abrines, Higgins 27, Delaney 7, Kuric, Mirotic 24, Tomic 8.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy