EuroLega, 8ª giornata: ASVEL non si ferma. Regolato l’UNICS Kazan in casa

0
via eurolegue.net

Terza vittoria di fila per l’ASVEL Villeurbanne, che regola in casa un UNICS Kazan opaco, che ritorna nella pancia della classifica. Quasi sempre sotto gli ospiti, con gli uomini di coach Parker che si affida al trio Jones-Lighty-Okobo, che combinano per 61 punti complessivi. Il primo è l’MVP della serata, nella quale i francesi scattano bene ma vengono ripresi nel primo quarto. Da lì svariati tentativi di rimonta dell’UNICS, a cui non basta un ottimo Hezonja (solo 10′ di gioco per Spissu), tutti respinti al mittente, sintomo di grande maturità dell’ASVEL, anche quando nei minuti finali l’aria e la palla si fanno pesanti. L’Astroballe può festeggiare perchè la sorpresa di questa regular season di EuroLega flirta con i piani della classifica. E ha intenzione di continuare a farlo.

Quintetto ASVEL: Okobo, Jones, Lighty, Gist, Osetkowski

Quintetto UNICS: Brown L., Brantley, Uzinskij, Hezonja, Brown J.

Bella partenza dei padroni di casa, che aprono con un 8-0 che fa ben sperare. Risposta immediata dell’UNICS: break 7-0 ispirato da John Brown, a riportarsi sotto. Si procede a strappi, con i padroni di casa che cercano nuovamente la fuga ma vengono ripresi al 7′ di gioco (14-14). Difendono meglio ora gli ospiti, che chiudono avanti il primo quarto 21-24.

Gara in sostanziale equilibrio nella seconda frazione, con i russi ospiti a comandare le operazioni e con l’ASVEL a cercare di rimanere a contatto. Jones è sicuramente il più in palla per i francesi, che ritrovano la parità al 18′ di gioco proprio con una sua giocata (32-32). Si segna abbastanza poco, ma è l’ASVEL a chiudere meglio il primo tempo con un break 12-4 di buona qualità sui due lati del campo. 39-36 all’intervallo lungo.

via eurolegue.net

Terzo periodo di maggior efficienza offensiva delle due compagini. Nell’ASVEL si scatenano Okobo e Lighty, mentre l’UNICS prova a rispondere con Hezonja. Ma il momento è favorevole ai locali, che scappano via grazie a diverse triple convertite: a metà quarto toccano il +11 (62-51), massimo vantaggio della serata fin qui. La squadra ospite è in difficoltà, sostenuta in attaco solo dalle iniziative dell’ala croata ex Magic e Knicks. L’UNICS scivola anche a -12, rientrando a -8 al 30′ (65-57).

Ultimo quarto in cui l’ASVEL cerca di amministrare il vantaggio, riuscendoci nei primi minuti (68-59 al 32′). Poi la squadra di coach Parker si ferma in attacco, dando il là alla rimonta avversaria. L’UNICS rimonta fino al -3 (71-68 al 34′) con le sortite di Lorenzo Brown e del solito Hezonja, donandoci un finale sul filo di lana. Brown prova a dare tutto per ricucire il gap, ma l’ASVEL trova risorse in tutti i suoi effettivi, con Okobo e Jones a donare ai francesi i punti necessari per una nuova splendida vittoria, nonostante gli sforzi finali di Hezonja. Il finale sorride ai locali: 85-82.

LDLC ASVEL Villeurbanne vs UNICS Kazan 85-82 (21-24; 39-36; 65-57)

ASVEL: Lighty 19, Okobo 17, Jones 25, Gist 6, Osetkowski 4, Kahudi 5, Howard 2, Strazel 3, Antetokoumpo 4, Lacombe 0, Diot 0, Wembayama n.e. All: Parker

UNICS: Spissu 5, Brown J. 9, Canaan 10, Brown L. 12, Brantley 0, Hezonja 27, Uzinskij 5, Jekiri 12, Mayo 2, Klimenko n.e., Zaitcev n.e., Komolov n.e. All: Perasovic

MVP Basketinside: Chris Jones