EuroLega, 8ª giornata: un Larkin incontenibile rilancia l’Efes. Il Real vince il derby con Valencia e rimane imbattuto, il Fener affonda a Belgrado e l’Olympiacos supera il Maccabi.

0

Martedì dell’ ottavo Round di Turkish Airlines Euroleague ricco di sfide interessanti, tra duelli individuali e derby. Nel Principato Larkin e Beaubois vincono la sfida tra coppie realizzatrici contro James e Loyd, mentre nel neutro della Aleksandar Nikolic Hall l’Olympiacos trova un importante successo in ottica playoff contro il Maccabi grazie alla leadership di Walkup. Bologna si aggiudica il derby tricolore con Milano, mentre quello iberico è vinto da un Real Madrid ancora imbattuto – anche in Liga e Supercopa ACB, per un totale di 19 gare. A Belgrado la Stella Rossa annichilisce un Fener mai in partita ed offensivamente sterile.

AS MONACO 82 – 89 ANADOLU EFES INSTANBUL (44-48)

(25-28, 19-20, 22-21, 16-20)

Partono meglio gli ospiti, trascinati dal proprio backcourt con Larkin e Beaubois sugli scudi, autori di 13 ed 11 punti all’intervallo. Sul fronte opposto si fa attendere invece Mike James (ancora a secco a livello realizzativo ma con 3 assist a referto). La formazione del principato rimane a contatto grazie ai dardi di Loyd (8 con 2/2 da tre) e alle giocate di Motiejunas (13).

Nella ripresa James (12, 5 rimbalzi e 4 assist a fine gara per l’ex Olimpia) ed ancora Loyd provano ad innescare la rimonta casalinga ma le giocate dei singoli non bastano a superare il gioco corale dell’Efes (24 assist e solo 7 perse), che ha in Larkin (MVP con 25 e 4 assist), Beaubois (21) e Thompson (16) i principali terminali.

Monaco: Okobo 5, Loyd 19, Blossomgame, Brown 13, Diallo 10, Cornelie 2, Jaiteh n.e., Walker 2, Motiejunas 13, Ouattara 3, Hall 3, James 12. All. Obradovic

Efes: Larkin 25, Beaubois 21, Gazi n.e., Clyburn 4, Thompson 16, Pleiss 7, Hollatz, Osmani n.e., Ylmaz, Willis 8, Zizic 6, Jones 2. All. Can.

MACCABI PLAYTIKA TEL AVIV 74 – 79 OLYMPIACOS PIRAEUS (36-51)

(19-27, 17-24, 19-13, 19-15)

Un primo tempo offensivamente perfetto vale all’Olympiacos il successo nel neutro della Aleksandar Nikolic Hall sul Maccabi, che viene agganciato in classifica a 4 vittorie – ma gli israeliani hanno una partita, contro il Real Madrid, da recuperare. Walkup (13 e 4 assist) è il motore degli ateniesi e trova i compagni sia sul perimetro – Canaan 10 con 2/3  da tre – che internamente – Peters 13 e 8 rimbalzi, Fall 10. Dopo il -15 dell’intervallo gli uomini di coach Kattash tentano la rimonta stringendo le maglie difensive e trovando buoni spunti grazie alla regia di Lorenzo Brown (5 e 8 assist) e alle finalizzazioni di Sorkin (16) e Blatt (13). I greci però resistono e nel finale chiudono l’incontro con le giocate di Walkup ed i liberi di Brazdeikis e Canaan.

Maccabi: Cleveland 5, Webb III 10, Brown 5, Menco, Sorkin 16, Dibartolomeo 2, Rivero 10, Cohen 3, Mayer n.e., Nebo 5, Blatt 13, Colson 5. All Kattash.

Olympiacos: Walkup 13, Williams-Goss 8, Canaan 10, Lountzis 3, Larentzakis 4, Papas n.e., Fall 10, Papanikolau 7, Brazdeikis 3, Peters 13, Sikma 8, Tanoulis n.e.. All Bartzokas.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 86 – 79 EA7 OLIMPIA MILANO (45-40)

(21-26, 24-14, 20-23, 21-16)

Clicca per la cronaca approfondita del match.

Virtus: Cordinier 8, Lundberg 19, Belinelli 8, Pajola, Smith 2, Dobric 8, Mascolo n.e., Cacok 1, Shengelia 14, Hackett 10, Dunston 2, Abass 14. All Banchi.

Olimpia: Lo 13, Poythress, Bortolani n.e., Tonut, Melli 10, Ricci, Flaccadori, Hall, Shields 21, Mirotic 16, Hines 8, Voigtmann 11. All. Messina.

VALENCIA BASKET CLUB 73 – 76 REAL MADRID BALONCESTO (49-43)

(26-24, 23-19, 13-20, 11-13)

Grande partenza dei taronja che tra le mura amiche fanno valere la propria difesa, limitando le soluzioni offensive dei blancos per tutto il primo tempo. In attacco a farsi valere ci pensa un incontenibile Brandon Davies, già a quota 18 dopo i primi 10’ di gioco.

Il Madrid rientra meglio dagli spogliatoi e con un parziale da 6-15, propiziato dalle giocate di Musa e Deck, mette la testa avanti prima dell’ultima pausa. Nel finale sono invece Campazzo (15+5+5) ed un Hezonja chirurgico (12 con 5/7 dal campo) a prendersi la scena e piazzare i punti che valgono la prosecuzione dell’incredibile imbattibilità stagionale dei madrileni.

Valencia: Claver, Puerto, Reuvers 2, Pradilla, Lopez-Arostegui 4, Jones 12, Inglis 12, Jovic 4, Toure 4, Robertson, Davies 22, Ojeleye 13. All Mumbu.

Real: Causeur, Fernandez 6, Abalde, Campazzo 15, Hezonja 12, Rodriguez, Deck 17, Poirier, Tavares 6, Llull 5, Yabusele 5, Musa 10. All. Mateo.

CRVENA ZVEZDA BELGRADO 87 – 56 FENERBAHCE BEKO  ISTANBUL (45-26)

(25-16, 20-10, 15-14, 27-16)

Partita senza storia alla Stark Arena, con il divario di 31 punti propiziato da una serata tanto positiva al tiro per i padroni di casa (20/37 da due e 13/27 da tre) quanto negativa per i turchi (15/33 e 8/24 e privi di Guduric e Calathes). Match già virtualmente chiuso dopo i primi 20’, con i serbi già avanti di 19 lunghezze ed in pieno controllo. Alla ripresa del gioco gli uomini di Itoudis tentano una timida reazione alzando l’intensità difensiva (solo 15 punti subiti nel quarto) ma le mani gelide frustrano il tentativo ancor prima che possa sembrare realizzabile. MVP un sontuoso Teodosic da 18 punti e 3 assist in 19 minuti, ma Sfairopulos si gode la grande serata del collettivo, con 5 uomini in doppia cifra e 18 assist totali.

Belgrado: Lazarevic 11, Teodosic 18, Davidovac 3, Mitrovic 8, Napier, Tobey 3, Bolomboy 14, Ilic, nedovic 12, Giedraitis 7, Kuzmic, Dos Santos 11. All. Sfairopulos.

Fenerbahçe: Motley 8, Hazer 2, Wilbekin 6, Papagiannis 6, Mahmutoglu 3, Hayes-Davis 7, Guduric n.e., Dorsey 3, Calathes n.e., Madar 3, Sestina 6. All. Itoudis.

Immagine di copertina: profilo X ufficiale Anadolu Efes Istanbul