EuroLega 9ª giornata: Bayern in rimonta! Lo mette K.O. l’Olympiacos

EuroLega 9ª giornata: Bayern in rimonta! Lo mette K.O. l’Olympiacos

Il playmaker tedesco con 8 punti in fila in un finale tiratissimo consegna la vittoria ai teutonici che all’inizio dell’ultimo quarto di gioco erano sotto di ben dodici punti!

di Marco Novello

Un Bayern che prima fa e poi disfa riesce a portarsi a casa comunque la vittoria ai danni di un Olympiacos davvero sciupone! Gli ellenici cestinano un vantaggio di ben dodici punti (a 9′ dalla fine Spanoulis & Co. comandavano sul 55-67) facendosi rimontare dai teutonici e sparendo dal campo nel momento decisivo del match. Nel concitato finale si erge protagonista Maodo Lo che con 8 punti in fila, frutto di due triple ed una coppia di liberi, trascina di forza i tedeschi alla quarta vittoria in stagione interrompendo la striscia di tre stop consecutivi! Il finale dall’Audi Dome recita Bayern 85-82 Olympiacos.

 

QUINTETTO BASE BAYERN MONACO: Micic, Monroe, Lo, Zipser, Barthel

QUINTETTO BASE OLYMPIACOS: Koniaris, Spanoulis, Mulitinov, Printezis, Papanikolaou

Partita dai ritmi compassati in avvio, le due formazioni si studiano e tentano di prendersi le misure vicendevolmente. Printezis e Papanikolaou mettono a segno i primi punti sul tabellino del match; ma Zipser e Lo rispondono per le rime ai giocatori ateniesi. Dopo i primi minuti di studio, il Bayern prova ad affondare il colpo; i biancorossi teutonici piazzano un parziale di 9 a 2 che spezza gli equilibri e costringe Kemzura a chiamare un immediato time-out. Il minuto di sospensione non ha l’effetto sperato in quanto i biancorossi di casa non accennano a fermarsi ed anzi grazie ai centri di Monroe e Barthel i teutonici veleggiano addirittura sul +11 (17-6). Papanikolaou prova a scuotere i suoi con tre punti in fila, Baldwin ne mette altri due costringendo questa volta Radonjic a sospendere la partita con un minuto (17-11) Lessort rintuzza il vantaggio dei bavaresi, ma Rochestie e Baldwin mantengono in partita l’Oly. Alla prima sirena il Bayern è davanti per 23 a 17.

 

Paul apre i giochi nel secondo quarto con la tripla del -3 (23-20) a cui Monroe risponde prontamente dall’altra parte del campo con un gioco da tre punti per il momentaneo 26-20. La partita si accende regalando canestri e spettacolo, Rochestie da una parte Monroe dall’altra mettono a segno diversi canestri, tuttavia il Bayern ha ancora le mani sul ritmo partita rimanendo avanti di due possessi. Quando meno te lo aspetti ecco la fiammata d’orgoglio ellenica; l’asse play-pivot, in tal caso Rochestie-Milutinov, funziona alla perfezione ed in men che non si dica gli ateniesi ritornano decisamente nel match (33 a 31 Bayern a 5’40” dalla fine). Si va avanti per inerzia, ad un canestro dei padroni di casa, gli ospiti replicano con la stessa moneta; Flaccadori in entrata mette a segno i primi punti della sua partita mantenendo il Bayern avanti, ma questo sarà l’ultimo vantaggio dei bavaresi nel quarto. Spanoulis e Printezis, infatti, guidano la rimonta Oly ed è proprio il numero 15 in bianco stasera a firmare il sorpasso sul 41 a 42. La sfida però ha ancora molto da dire visto che le due sfidanti giungono all’intervallo sul parziale di 43-44 in favore degli ospiti.

La ripresa è letteralmente una sinfonia greca, o forse per meglio dire è una sinfonia suonata magistralmente da Baldwin. Il numero 2 ellenico è ispirato; arresto e tiro, in penetrazione o su scarico, i canestri cominciano a fioccare e l’Oly vola addirittura sul +8 (49-57). Il Bayern accusa il colpo scivolando addirittura sul -10 (49-59) prima di abbozzare un tentativo di rimonta guidato da Lessort e Barthel. I due big men però non riescono a fare molto in quanto l’Olympiacos in questo frangente gioca senza pressioni mantenendo il proprio vantaggio costante sugli otto punti di scarto. Al 30’ all’Audi Dome il tabellone luminoso recita il seguente punteggio Bayern 55-63 Olympiacos.

 

I greci sono intenzionati a chiudere fin da subito la questione e con un mini break di 4 a 0 alzano il sipario sull’ultimo quarto di gioco (55-67 a 9‘06” dalla fine). I teutonici non ci stanno, incassare così davanti al proprio pubblico la quarta sconfitta consecutiva sarebbe davvero troppo; Barthel si carica sulle proprie salle il peso offensivo della propria squadra mettendo a segno un mini break di 5 a 0 che riaccende le speranze biancorosse (65-69). Peccato però che Rubit, con un pregevole fade-away, ammutolisca un caldissimo pubblico di casa con due punti davvero importantissimi. Poco dopo Papanikolaou regala una giocata da highlights stoppando Lucic con un favoloso recupero, sul continuo dell’azione Barthel mette tutti d’accordo con la tripla del momentaneo -3 (68-71 a 4’30” dalla fine).Il #22 tedesco è letteralmente on fire e con un semigancio riporta il Bayern avanti prima che Spanoulis riporti in parità la sfida dalla linea della carità (72 pari a 3 minuti dalla fine). Con la sfida in equilibrio sale in cattedra l’uomo che fino a quel momento forse aveva un po’ deluso, Lo, infatti, si prende di forza le luci dei riflettori trascinando i bavaresi alla vittoria. In un minuto poco più il play tedesco mette a segno un paio di liberi, ma soprattutto, le due bombe da distanza siderale che spaccano la sfida e consegnano la vittoria ai padroni di casa. Gli ultimi sessanta secondo sono interminabili in quanto sia il Bayern che l’Olympiacos ricorrono alla strategia del fallo sistematico per bloccare il cronometro; ma i teutonici sono glaciali dalla linea della carità portandosi a casa meritatamente il match.

MVP BASKETINSIDE.COM: Maodo LO. Partita a tratti anonima per il play tedesco che decide di svegliarsi nel finale e portare il Bayern alla vittoria. 8 punti pesantissimi per una partita decisiva in volata fanno la differenza, i teutonici così ripartono dopo 3 K.O. consecutivi.

BAYERN MONACO – OLYMPIACOS  85-82 (23-17, 43-44, 55-63)
[Progressivo 23-17, 20-27, 12-19, 30-19]

Bayern Monaco: King 0, Koponen 0, Monroe 15, Lucic 13, Lo 19, Zipser 13, Nelson 0, Flaccadori 2, Barthel 18, Lessort 5, Radosevic 0, Grant n.e, all. Radonjic

Olympiacos: Punter n.e, Rochestie 9, Baldwin 19, Paul 3, Koniaris 0, Spanoulis 6, Milutinov 14, Vezenkov n.e., Printezis 12, Papanikolaou 10, Rubit 7, Reed 2, all. Kemzura.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy