EuroLega, 9ª giornata – il Real archivia la pratica Maccabi e continua la risalita in classifica

Buonissima prova del Real Madrid che ha la meglio sul Maccabi senza troppi patemi d’animo.

di Emanuele Terracciano

Continua il momento positivo del Real Madrid che non si è più fermato dalla dolorosa sconfitta nel Clasico del 23 ottobre. Il quarto successo consecutivo in Eurolega è arrivato al termine di una partita che ha visto i blancos gestire da grande squadra un avversario che, pur non avendo offerto una prestazione collettiva clamorosa, poteva contare su individualità di tutto rispetto. I migliori marcatori tra le fila madrilene sono stati Randolph e Deck autori di percentuali al tiro davvero notevoli ma, probabilmente, è Tavares il giocatore del Real che maggiormente ha impattato sulla partita grazie al suo dominio in quella fase di terzo quarto in cui la squadra è andata leggermente in difficoltà.

LA CRONACA – L’avvio di partita è molto divertente grazie a due squadre che si affrontano imponendo ritmi alti e tirando con percentuali notevoli. La più efficace appare essere da subito il Real Madrid che tira dall’arco con straordinaria precisione con giocatori come Randolph e Deck, inoltre, difende con tanta intensità. Il primo tentativo di fuga dei padroni di casa li porta a sfiorare la doppia cifra di vantaggio ma il Maccabi ferma riesce a evitare gli avversari prendano il largo grazie ai canestri di Zizic e Bender che però non possono impedire che alla dine del primo quarto il Real conduca per 29-18.

Nella prima fase del secondo quarto il tono della partita inevitabilmente scende e di conseguenza lo spettacolo si fa meno gradevole rispetto alla prima frazione di gioco. In questa fase entrambe le squadre sembrano fare un’enorme fatica a trovare la via del canestro e ciò, ovviamente, va a tutto vantaggio dei padroni di casa che non solo non vedono gli avversari rientrare ma riescono addirittura a incrementare leggermente il loro vantaggio che all’intervallo è di tredici lunghezze sul 45-32 successivo all’appoggio a fil di sirena di Abalde.

Dopo l’intervallo il Maccabi prova ad alzare l’asticella per tentare la rimonta e per farlo si affida a Wilbekin che, dopo un primo tempo di non grandissimo impatto, prova a prendersi la squadra sulle spalle. Gli israeliani riescono a portarsi fino al -7 (50-43) e cos’ Pablo Lado decide di interrompere il gioco per parlare con i suoi e trovare una soluzione. Al rientro in campo il Maccabi viene ricacciato indietro da un Tavares in grado di imporre il suo predominio fisico da entrambi i lati del campo martellando in attacco e sigillando l’area in difesa. All’ultimo mini intervallo i padroni di casa sono avanti per 62-50.

In avvio di quarto quarto la partita non sembra uscire tanto dallo spartito del finale di terzo periodo di gioco: infatti, il Real Madrid gestisce il suo vantaggio in doppia cifra e il Maccabi non sembra trovare chiavi di volta per riaprire il match. I padroni di casa sono completamente in controllo della partita e trovano in due occasioni il +16 che di fatto stronca anche le residue speranze di rimonta israeliane. I minuti finali di garbage time sono utili solo a fissare il punteggio finale sul 79-63 in favore del Real Madrid.

REAL MADRID 79–63 MACCABI TEL AVIV (29-18; 45-32; 62-50)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy