EuroLega: Bogdanovic trascina alla vittoria il Fenerbahce

Il Fenerbahce rimonta dal -11 di inizio quarta frazione e ottiene una vittoria importante ai fini della classifica. Ottime le prove di Bogdanovic e Datome.

di Alessandro Mercanti

Fenerbahce  – Olympiacos 67 – 64 (22-22; 18-12; 7-22; 20-8)

Arbitri: Rocha (Portogallo), Garcia (Spagna), Latisevs (Lettonia)

Fenerbahce: Udoh 6, Mahmutoglu, Antic, Bogdanovic 27, Bennett, Sloukas, Nunnally, Vesely 5, Kalinic 4, Dixon 8, Duverioglu, Datome 17. All. Obradovic

Olympiacos: Green 17, Birch 5, Toliopoulos, Papapetrou 2, Waters 4, Agravanis 1, Milutinov 2, Printezis 10, Papanikolaou 13, Mantzaris 6, Lojeski 4, Athinaiou. All. Sfairopoulos

Quintetti
Fenerbahce: Antic, Bogdanovic, Vesely, Dixon, Datome.
Olympiacos: Green, Birch, Printezis, Papanikolaou, Mantzaris.

Il Fenerbahce si aggiudica la gara contro l’Olympiacos rimontando dal -11 di inizio quarto periodo e chiudendo avanti di 3 lunghezze, che non sono sufficienti a ribaltare il risultato dell’andata ma che valgono comunque un passo in avanti proprio verso i greci e che consentono contemporaneamente di tenere a distanza il Panathinaikos. L’Olympiacos, orfano di Spanoulis, arriva sul finale stanco e si accontenta di mantenere a favore lo scontro diretto, interrompendo così la striscia di 3 vittorie consecutive.

I greci partono decisi con un parziale di 7 a 0 in poco più di un minuto. I padroni di casa smuovono il tabellino dalla linea della carità con Bogdanovic, Green risponde, Datome e Dixon tengono vivo il Fenerbahce ma l’Olympiacos continua a condurre, + 3 a metà frazione.  Obradovic richiama i suoi per cercare di trovare il giusto ordine, Datome impatta con un’altra tripla e il primo periodo si chiude in batti e ribatti per la parità a quota 22 punti.
I turchi riprendono con un gioco da 3 punti di Bogdanovic al quale risponde Lojeski con una tripla dall’angolo. La formazione di casa prova a scappare, trascinata dal giocatore serbo tocca anche il +6. I greci rimangono incollati ma fanno fatica contro la difesa avversaria e prima del riposo l’unico ad andare a canestro è Udoh che fissa il punteggio sul 40 a 34 per il Fenerbahce.

Alla ripresa delle ostilità prevalgono le difese. L’Olympiacos riporta prima in parità la gara, grazie a due triple di Papanikolaou, e poi, dopo il canestro di Datome, rimette il naso avanti con un’altra bomba, questa volta di Mantzaris e insiste andando ad allungare sul +6 con la bimane di Green in contropiede su palla rubata. Obradovic è costretto a chiamare time out ma il Fenerbahce continua a non trovare comode soluzioni in attacco. Dall’altro lato i greci invece vedono il canestro come una vasca, toccano il +10 con la bomba di Papanikolaou e Bogdanovic accorcia a cifra singola dalla linea della carità, 56 a 47 per gli ospiti alla fine della terza frazione.
L’intensità cresce ancora nell’ultimo periodo, sia nella corsa che nei contatti. Il Fenerbahce, sospinto dal pubblico, risale fino al -4 e Datome sfrutta bene il bonus, raggiunto frettolosamente  dagli avversari, facendosi un giro in lunetta che vale il -2 a 5’ dalla fine. Dopo un giro di lancette senza canestri, torna tra i protagonisti Bogdanovic che infila la tripla del sorpasso, Datome non è da meno e sempre dalla massima distanza porta i suoi a +4 completando il parziale di 18 a 4 per i turchi. Di fatto la gara cambia volto in questo momento. L’Olympiacos accusa la stanchezza e gioca male diversi possessi, accontentandosi sul finale di perdere di soli 3 punti mantenendo il vantaggio nella differenza canestri con la gara di andata. Vince il Fenerbahce 67 a 64.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy