EuroLega: Darussafaka Dogus più lucido sul finale e fattore campo rispettato

Il Darussafaka Dogus sfrutta bene il fattore campo e si aggiudica la vittoria contro un Panathinaikos che è sembrato confuso in attacco, soprattutto nei momenti decisivi. Per i turchi prova fondamentale di Wanamaker e due punti importanti per la corsa ai play off.

di Alessandro Mercanti

Darussafaka Dogus – Panathinaikos 77 – 72 (17-17; 18-16; 18-20; 24-19)

Arbitri: Perez Perez (Spagna), Paternicò (Italia), Laurinavicius (Lituania)

Darussafaka Dogus: Wilbekin 2, Arslan, Batuk, Wanamaker 24, Clyburn 12, Moerman, Aldemir, Savas, Anderson 16, Zizic 9, Bertans 12, Harangody 2. All. Blatt.

Panathinaikos: Singleton 23, Nichols, Rivers 12, James 9, Fotsis, Pappas 7, Feldeine 6, Charalampopoulos, Gabriel, Gentile, Bourousis 10, Calathes 5. All. Pascual.

Quintetti
Darussafaka: Wanamaker, Clyburn, Moerman, Anderson, Zizic.
Panathinaikos: Singleton, Feldeine, Gentile, Bourousis, Calathes.

Il Darussafaka sfrutta bene il fattore campo e si aggiudica la vittoria contro un Panathinaikos che è sembrato confuso in attacco, soprattutto nei momenti decisivi. Per i turchi prova fondamentale di Wanamaker e due punti importanti per la corsa ai play off.

L’equilibrio di inizio frazione viene spezzato dai padroni di casa intorno al 5’ di gioco con Anderson e Zizic che segnano i canestri del temporaneo +7. I greci reagiscono prontamente e rimangono incollati, Singleton e Calathes accorciano, Harangody e Wanamaker rispondono e la tripla di James fissa il punteggio sul 17 pari alla fine del primo periodo.
La gara procede in botta e risposta e come nella prima frazione, l’equilibrio si spezza intorno al 5’, questa volta però in favore del Panathinaikos che, grazie a due triple consecutive di Bourousis e una di James, riesce a creare un gap di 7 lunghezze. Il Darussafaka reagisce con Wanamaker che buca la difesa e appoggia in terzo tempo, Bertans va a canestro e Anderson impatta dalla massima distanza. Prima della pausa lunga è ancora Wanamaker ad andare a segno, consentendo ai turchi di rimettere il naso avanti alla fine delle prime due frazioni, 35 a 33 per il Darussafaka.

Alla ripresa del gioco il Panathinaikos fa confusione in attacco e non sfrutta bene i possessi offensivi, il Darussafaka non resta a guardare e trascinato da Wanamaker sale a +10 costringendo Pascual al time out. La situazione in campo cambia una volta che i greci aumentano l’intensità difensiva. Rivers sblocca il tabellino, Singleton segna da 3 e Bourousis riporta il divario a sole 3 lunghezze. La rimonta dei greci si completa con la tripla di Feldeine e solo in questo momento il Darussafaka si scuote. In sequenza Rivers risponde a Bertans che colpisce subito dopo dalla massima distanza, prima della sirena Singleton raccoglie il tiro sbagliato di Gabriel e appoggia la parità a 53 con dieci minuti ancora da giocare.
Si continua ad andare avanti a strappi. Il Panathinaikos allunga, il Darussafaka rimonta e la bimane di Clyburn illude i padroni di casa. La squadra ospite rimette il naso avanti e sembra poter tenere botta, ma  così non è, e ci pensa ancora Wanamaker che impatta e sigla la tripla del sorpasso. Dall’altro lato i greci cercano di compensare in difesa un attacco statico e privo di coralità: Singleton stoppa Wanamaker ma raccoglie Clyburn che allo scadere dei 24’’ alza la parabola sul raddoppio e si inventa il canestro impossibile che risulta essere in realtà quello decisivo. Sul -5 il Panathinaikos lotta e conserva almeno il vantaggio nello scontro diretto (all’andata vittoria Panathinaikos 86-80), finisce 77 a 72 per il Darussafaka.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy