EuroLega Final Four – SF: Anadolu Efes domina, rischia il crollo, ma batte un CSKA enorme e va in Finale

0
EuroLega Final Four
EuroLeague.net

Prima semifinale nella Final Four di EuroLega. Si sfidano i turchi dell’Anadolu Efes, vero e proprio mattatore del girone di ritorno trascinato da un colossale Vasilije Micic, contro il CSKA Mosca di Daniel Hackett, il quale ha vissuto una stagione piena di colpi di scena tra esclusioni eccellenti ed infortuni.

QUINTETTO ANADOLU EFES ISTANBUL: Micic, Beaubois, Simon, Singleton, Sanli.

QUINTETTO CSKA MOSCA: Hackett, Hilliard, Kurbanov, Shengelia, Eric.

Si inizia subito con le due squadre che cercano di correre, imponendo entrambi ritmi alti. L’Anadolu Efes prova subito una mini fuga con un ex Olimpia protagonista, Kruno Simon. Il croato si fa trovare pronto, sia a rimbalzo che fuori dalla linea da 3 punti, confermando la sua grande stagione sin qui. Il CSKA cerca di rimanere attaccato alla partita con il duo Hackett – Shengelia, due tra i migliori dell’intera “faticata” stagione dei russi. L’Efes però non si scompone e comincia a bombardare da 3 punti con un Rodrigue Beaubois onfire. Il francese chiude il primo quarto con un 3 su 3 dalla lunga distanza ed è uno dei protagonisti del grande primo quarto turco. Micic gioca da MVP, insieme ad un ottimo Simon. +10 Efes dopo 10 minuti.

Il CSKA soffre un Efes molto concentrato che tira con percentuali altissime, ma si aggrappa al talento di Will Clyburn. L’MVP delle Final Four di Vitoria si mette al lavoro e si prende responsabilità offensive. Johannes Voigtmann colpisce da 3 punti per il CSKA, ma di fronte c’è un uomo in missione ed è Vasilije Micic. Il neo MVP di EuroLeague, segna a ripetizione e fa segnare i compagni, giocando una pallacanestro eccezionale in questo primo tempo e trascinando l’Efes al massimo vantaggio sul +15. Molto bene il centro turco Sanli, sempre pronto sugli scarichi e fattore difensivo nel pitturato. Gli uomini di Itoudis soffrono terribilmente l’Anadolu Efes ma se non crollano il merito è di un super Will Clyburn. 15 punti con due soli errori dal campo per l’americano del CSKA, incluso il buzzer beater che segna il -12 CSKA all’intervallo.

EuroLeague.net

Intervallo? Nessun problema per Vasa Micic. Il serbo è scatenato, segna con grandissima facilità e una fiducia nei suoi mezzi spaventosa. I turchi di Ataman piazzano l’ennesimo, probabilmente questa volta decisivo, parziale che permette Micic e compagni di scavallare i 20 punti di scarto. Micic è devastante, talmente in forma che non c’è bisogno di impiegare Shane Larkin per molti minuti, ma c’è anche da segnalare un Sanli vero fattore sotto canestro. Il lungo turco flirta con la doppia doppia e colpisce a ripetizioni l’area russa. Ma guai ad abbassare la guardia, perché se oltre il solito Clyburn, si aggiunge un Lundberg molto buono da 11 punti nel terzo quarto, il CSKA fa capire che non ha nessuna intenzione di mollare. +16 per i turchi a 10 minuti dalla finalissima di EuroLeague.

L’ultimo quarto si apre come desideravano i russi, con due triple immediate e un Lundberg sempre più coinvolto in attacco. Timeout obbligatorio per Ataman, con i russi sul -10. Il CSKA c’è, consapevole che sarà un’impresa durissima per i russi ma che ci proveranno fino alla fine. Fantasmi madrileni per l’Efes, dove già avevano sprecato dei vantaggi importanti nella serie. Gli uomini di Itoudis danno tutto quello che hanno, tentando la rimonta. Daniel Hackett, tra i più impiegati in campo, difende al massimo e attacca con forza l’area ed è il trascinatore dei russi. Il pesarese segna con il fallo per il -5 con i fantasmi del passato sempre più ingombranti nella mente dell’Efes. Vasilije Micic deraglia in attacco, su super difesa di Hackett e commette il quinto fallo! A 3 minuti dal termine, solo 3 punti separano le due squadre. Senza Micic, Rodrigue Beaubois e Shane Larkin si prendono più responsabilità e tiri nel finale, togliendo spesso le castagne dal fuoco per Coach Ataman. Ma l’inerzia è dalla parte del CSKA, che ora ci crede tantissimo. Hackett prima, Kurbanov poi dalla lunetta, portano i russi sul -1 che hanno l’occasione di vincere la partita, ma sbagliano 3 volte da 3 punti. Shane Larkin a 8 secondi del termine però non chiude la partita, con un 1 su 2 dai liberi. Mosca ha nuovamente l’opportunità di vincere con l’ultimo possesso della partita sul 2. Palla a Clyburn, tripla che si stampa sul ferro! Anadolu Efes Istanbul in Finale, ma che sofferenza!

ANADOLU EFES ISTANBUL – CSKA MOSCA 89-86 (25-15, 24-22, 22-18, 18-31)

MVP BasketInside: Vasilije Micic.

ANADOLU EFES ISTANBUL: Larkin 11, Beaubois 15, Singleton 1, Balbay, Sanli 19, Moerman 6, Tuncer, Pleiss, Micic 25, Anderson 2, Dunston, Simon 10. All: Ergin Ataman.

CSKA MOSCA: Lundberg 15, Khomenko, Hilliard, Ukhov 8, Hackett 17, Antonov, Strelnieks 2, Voigtmann 6, Clyburn 26, Shengelia 10, Kurbanov 2, Eric. All: Dimitris Itoudis.