EUROLEGA, Gir. D: Maccabi corsaro a Oaka. Il Pana rischia il 4° posto: derby in vista nelle Top16?

0
sports.walla.co.il

Il Maccabi non fa sconti a nessuno e passeggia abbastanza facilmente su un Panathinaikos piuttosto deludente. Pana che ad oggi sembra una lontanissima parente dello squadrone che ha dettato legge in Europa negli ultimi anni.

Intanto va pian piano delineandosi la composizione dei gironi di Top16: il Maccabi, già certo del primo posto, sapeva di finire nel girone F assieme a Real Madrid e Galatasaray. Dopo i risultati della giornata si uniscono a queste 3 anche seconda e quarta del gruppo A (CSKA e Partizan Belgrado), terza del gruppo B (Zalgiris), quarta del gruppo C (Bayern Monaco), rimanendo con un’ultima casella da riempire: la terza del girone D (Pana, Vitoria o Kuban). Greci che a questo punto rischiano grosso: in caso di vittoria dei baschi domani, finirebbero certamente nel girone E, scrivendo l’ennesima pagina della lunga storia del derby ellenico. Girone con Olympiacos e Olimpia Milano già certe, e che da stasera annovera Fenerbahce, Barcellona, Efes, Malaga, seconda e quarta del girone D (come detto, tutto dipenderà dal match di Vitoria di domani sera, coi russi che vantano al momento una vittoria in più, precisamente quella con uno scarto di 1 punto nel match di andata). A domani per gli ultimi verdetti.

La cronaca: partivano bene i padroni di casa che dopo 3 minuti si portavano già sul 10-7 grazie ad un ispirato James Gist. Il Maccabi non stava con le mani in mano e controbatteva con un Pnini in gran spolvero. I verdi ellenici iniziavano un blackout offensivo che praticamente durava fino al primo intervallo, così gli israeliani guidati da Devin Smith ne approfittavano per issarsi sul +9 (14-23) della prima sirena.
Nel secondo periodo la musica cambiava poco: sugli scudi Blu e Ingles tra gli ospiti, Lasme e Mavrokefalides tra gli ospitanti.
Difese che la facevano da padrone (parziale di 13-13, con distacco quindi immutato), nonostante la posta in palio in apparenza sembrasse di poco rilievo: entrambe le compagini, con la qualificazione già in tasca, avrebbero dovuto avere, almeno sulla carta, un occhio alla partita di domani sera tra Vitoria e Kuban, per comprendere a chi andare incontro nei gironi di Top 16.
Nel terzo quarto, il Maccabi prendeva definitivamente il largo: Pnini, Rice e Hickman scavavano il solco, concedendo solo 8 punti ai padroni di casa, che portava i gialli sul +23 (35-58) dell’ultimo intervallo.
Ultima frazione utile solo per le statistiche: un orgoglioso Lasme cercava di far rientrare i suoi (-11 per il 49-60 al 36esimo), ma ormai era troppo tardi. Risultato finale con affermazione del Maccabi col punteggio di 68-55.

Tabellino:

PANATHINAIKOS ATENE-MACCABI TEL AVIV (14-23, 13-13, 8-22, 20-10)

Panathinaikos Atene: Charalampopoulos N.E., Bramos 2, Curry 7, Batiste 0, Fotsis 3, Ukic 4, Lasme 16, Mavrokefalides 5, Diamantidis 5, Gist 6, Giankovits 7, Apostolidis 0.
Maccabi Tel Aviv: Rice 7, Smith 7, Hickman 10, Ingles 10, Tyus 6, Pnini 9, Cohen 2, Ohayon 2, Blu 13, Altit N.E., Landesberg 0, Schortsanitis 2.

CLASSIFICA GIRONE D:
MACCABI TEL AVIV 16 (8-2)
LOKOMOTIV KUBAN KRASNODAR 12 (6-3)
KUTXA LABORAL VITORIA 10 (5-4)
PANATHINAIKOS ATENE 10 (5-5)
STELLA ROSSA BELGRADO 6 (3-6)
LIETUVOS RYTAS VILNIUS 2 (1-8)