EuroLega: il Maccabi torna a respirare, battuto l’Unics Kazan

0
http://www.sport24.gr/

Dopo tre sconfitte consecutive, boccata d’ossigeno per il Maccabi Tel Aviv che batte l’Unics Kazan e stacca l’ultima posizione lasciandosi alle spalle Galatasaray e Milano. Match condotto per tutta la sua durata dagli isreliani, con l’Unics che più volte ha tentato di riavvicinarsi ma senza mai riuscire ad impattare. Sugli scudi per Maccabi la prestazione di Goudelock autore di 17 punti, mentre per l’Unics Langford (12 punti) e Johnson (13 punti) gli unici a dare un minimo di continuità alla fase offensiva degli ospiti.

CRONACA- Nei primi minuti prevale l’equilibrio, rotto poi dalla tripla di Smith che da il +5 (11-6) a Maccabi dopo cinque minuti. L’Unics continua a non trovare soluzioni offensive, e gli israeliani ne approfittano per provare a scappare già via con Ohayon e Victor che dalla lunetta danno il +10 (16-6) al sesto minuto. A questo punto è l’attacco del Maccabi ad entrare in crisi, in un primo periodo a dir la verità con basse percentuali, quindi Kazan con i punti di Williams e Banic chiude il primo periodo sul punteggio di 16-9.

Nel secondo periodo è ancora Maccabi a partire forte trascinata da  un ispirato Goudelock che scrive il 20-12 dopo tre minuti. La reazione dei russi arriva con Johnson che chiude il suo mini-break personale con la tripla del -3 (22-19) alla metà esatta del quarto. Il match torna dunque ad essere equilibrato fino a due dalla fine con Clarke che trova il -2 (26-24), poi nel finale i padroni di casa scappano di nuova via con un altro break di 7-0 chiuso da Mekel: 33-24 il punteggio alla pausa lunga.

La trama del match non cambia al ritorno dagli spogliatoi, con Kazan che prova ancora una volta a riavvicinarsi fino al -5 (33-28) dopo solo due minuti, poi Maccabi scappa di nuovo via sul +10 con la tripla di Ohayon che fissa il punteggio sul 38-28 alla metà esatta. Le percentuali calano vertiginosamente, con il punteggio che continiua ad essere basso, ci pensa quindi l’ex Sassari Joe Alexander a chiudere il terzo periodo sul punteggio di 45-38.

L’ultimo periodo si apre nel segno di Clarke e Banic che riportano Kazan a -3 (45-42) dopo due minuti, poi Maccabi rispettando quella che è stata l’intera trama della gara, scappa di nuovo con Goudelock sul +10 (52-42) dopo quattro minuti. Da qui fino alla fine Maccabi riesce a gestire i tentativi di reazione degli ospiti, che si avvicinano al massimo fino al -6 (54-48) con Langford a due minuti dal termine. I padroni di casa scappano di nuovo via trascinati dall’ispirato Goudelock, poi la tripla di Langoford (58-52) a 20 secondi dal termine è l’ultimo sussulto dei russi, con la gara che conclude sul punteggio di 60-52 con i liberi neanche a dirlo di Goudelock.

MACCABI FOX TEL AVIV 60- 52 UNICS KAZAN (16-9; 33-24; 45-38)

Maccabi Fox Tel Aviv: Goudelock 17, Rudd 7, Smith 9, Mekel 6, Ohayon 10, Weems 3, Alexander 2, Iverson 6, Seeley, Pnini, Landesberg. All.re Bagatskis

Unics Kazan: Johnson 13, Clarke 6, Langford 12, Stoll 1, Klimenko 2, Banic 5, Panin 5, Kaimakoglou 2, Williams 6, Antipov, Voronov. All.re Pashutin

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here