Eurolega: Il punto dopo l’8° giornata!

0

 

LE ITALIANE

E’ doveroso partire dall’impresa della Bennet Cantù, che espugna la Bilbao Arena regalandosi, a meno di cataclismi a dir poco fantasiosi, l’accesso alle Top 16, grazie alla magia di un Gianluca Basile ancora una volta decisivo. Vittoria ampiamente meritata per i brianzoli che conducono per tutta la gara prima di accusare un po’ di stanchezza e paura di vincere nell’ultimo quarto, peraltro un deja-vu per la Bennet versione Eurolega di quest’anno. Importante l’impatto di Nicolas Gianella, arrivato da pochi giorni ma addirittura preferito a Cinciarini nel finale di gara, che ha anche consentito a Basile di dedicarsi semplicemente al ruolo di guardia. Nell’intricatissimo Gruppo A insomma la formazione di Trinchieri è davvero a un passo dal sogno, e queste ultime due gare possono servire anche per provare a scalare posizioni nella griglia finale del girone regalandosi un sorteggio un po’ più morbido nelle Top 16.

Ci si ritrova purtroppo a commentare anche l’ennesima disfatta dell’EA7 Milano, che a Istanbul crolla senza nemmeno lottare dopo pochi minuti ritrovandosi per tutta la gara ad inseguire con margini molto ampi. L’Efes ha davvero vita facile contro una squadra allo sbando in attacco ma soprattutto in difesa, se è vero che i fiebili tentativi di rimonta milanese nel terzo quarto venivano sistematicamente zittiti nella metàcampo difensiva, con i turchi che facevano canestro ad ogni azione e con irridente facilità (emblematico l’assurdo canestro preso allo scadere del terzo quarto). In attacco si sono confermati i soliti problemi acuiti dall’addio di Gallinari: circolazione di palla inesistente, attacchi affidati soltanto ai tiri da 3, pochissimo utilizzo del pick n’ roll e del post basso con giocatori schierati in stile “cinque fuori” e in evidente affanno. Dal Belgio sono arrivate notizie confortanti per Milano che può ancora approdare alle Top 16, ma ora serve battere lo Spirou la prossima settimana (non una passeggiata per la Milano vista fin qui) sperando nel contemporaneo successo del Real sul Partizan, e soprattutto vincere a Belgrado di almeno cinque punti nell’ultima giornata. E’ chiaro però che c’è molto, moltissimo da lavorare per Scariolo …

Positiva invece la prova del Montepaschi Siena, che nonostante il fardello di tre pesantissime assenze come lo sono quelle di Kaukenas, Lavrinovic e McCalebb espugna Istanbul superando un Galatasaray decisamente imbarazzante ma mettendo comunque in mostra una bella prova di squadra e ipotecando così il secondo posto. Indicazioni positive da Rakocevic che si sta inserendo pian piano nei meccanismi di Pianigiani, e in generale una vittoria che fa morale, soprattutto perché arrivata in condizioni di emergenza e su un campo comunque ostico nonostante la pochezza dei padroni di casa, che aldilà dei nomi stanno confermandosi una squadra mediocre.

LE ALTRE

Continua a convincere il Real Madrid, ormai certo del primo posto grazie a una vera e propria asfaltata sul Maccabi nel big-match del Gruppo C con un Mirotic davvero sugli scudi. Proseguono le imbattibilità di Barcelona e CSKA, con i catalani che domano agevolmente la resistenza di uno sterile Unics Kazan e i russi che hanno pochi problemi a liquidare la pratica KK Zagabria. Successo facile anche per il Panathinaikos, che espugna con pochissimi problemi il campo dello Zalgiris Kaunas, e se la settimana scorsa vi avevamo preannunciato che nella furibonda lotta per il quarto posto nel Gruppo B se qualcuna delle tre sfavorite fosse riuscita a piazzare il colpaccio avrebbe fatto un passo enorme nell’economia del girone, è il Brose Bamberg a confezionare l’upset, con la vittoria corsara sul difficile campo di Malaga, aiutandosi con le numerose assenze tra le fila dei padroni di casa. Mantiene l’imbattibilità continentale al Pireo anche l’Olympiacos, che è vicina alla qualificazione alle Top 16 dopo il successo sul Caja Laboral, ancora una volta non irreprensibile in trasferta. Si candida invece per il primo posto del girone il Fenerbahce, che dopo lo 0-2 iniziale piazza un 5-1 portandosi in vetta alla classifica del gruppo dopo il comodissimo + 20 sul campo del Nancy, contro una squadra che sembra aver alzato bandiera bianca dopo l’addio di Batum. Prima vittoria in Eurolega per il Prokom, che supera Lubiana in una partita “falsata” dall’epurazione degli sloveni, presentatisi in Polonia senza molti giocatori a causa della “fuga” della settimana scorsa. Importante infine soprattutto per Milano la vittoria di Charleroi ai danni del solito modesto Partizan da trasferta, che spreca un’enorme occasione per qualificarsi matematicamente alla fase successiva contro una squadra già eliminata come quella belga.

QUINTETTO IDEALE

Nell’impresa del Brose Bamberg che ipoteca le Top 16 dopo il colpaccio di Malaga è fondamentale l’apporto di Julius Jenkins che non stava entusiasmando finora ma ha offerto una prestazione di altissimo livello chiudendo con 23 punti e 5 assist per un 25 di valutazione. Ha scelto la gara giusta per il riscatto …

Nelle vittorie dell’Olympiacos è quasi una presenza fissa della nostra rubrica Vassilis Spanoulis, che anche ieri sera in una gara importantissima per i destini dei Reds non ha fatto mancare il suo apporto e la sua leadership con 21 punti, 5 assist e 8 falli subiti e la solita decisiva impronta nel successo della formazione di Ivkovic che adesso è davvero vicina alle Top 16.

Impossibile ovviamente non premiare la magia di Gianluca Basile, che in una serata storta (a 3 secondi dalla fine del match era a 4 punti e 1/7 dal campo) trova il modo di cancellare tutto con un canestro incredibile, per difficoltà e importanza, che consente alla sua Bennet Cantù di ipotecare la qualificazione alle Top 16 con due turni di anticipo. Incredibile davvero la magia del Baso che può rappresentare il fotogramma della stagione canturina fino a questo momento …

Sempre più prepotente l’ascesa di Nikola Mirotic. Il montenegrino naturalizzato spagnolo, MVP degli Europei Under 20 della scorsa estate ed esploso a livello-pro nella scorsa edizione di Eurolega quando fece un brutto scherzo a Siena ieri sera ha dato sfoggio di una prestazione a dir poco clamorosa contro il Maccabi: 26 punti (di cui 24 nei primi due quarti!), 8 assist e 6 falli subiti per un 33 di valutazione totale, ormai non si può parlare più di sorpresa e considerando la giovanissima età del ragazzo chissà dove potrà arrivare tra qualche anno …

Ultimo componente del nostro quintetto ideale di giornata è David Andersen, uno dei protagonisti del successo del Montepaschi Siena sul difficile campo del Galatasaray. Il pivot australiano ha chiuso con 18 punti e 8 rimbalzi, particolarmente responsabilizzato dall’assenza di Lavrinovic che lo rende il terminale principale dell’attacco biancoverde sotto le plance. Importante ora trovarlo al meglio nelle Top 16 che considerati i problemi di infortuni nel roster menssanino si presentano piuttosto complicate …

NEXT

Nel Gruppo A Fenerbahce e Caja Laboral ospitano rispettivamente Bilbao e Nancy cercando di affossare le rispettive residue speranze di qualificazione alle Top 16, importante anche la sfida del Pireo dove l’Olympiacos cerca la matematica certezza del posto nella fase successiva ospitando Cantù.

Nel Gruppo B Bamberg ha il match-point per le Top 16 sulla racchetta nella sfida interna contro lo Zalgiris, occhio ovviamente al big-match CSKA-Panathinaikos che ha regalato emozioni e spettacolo all’andata, Malaga è invece di scena sul campo del KK Zagabria.

Gruppo C dove Milano per tenere in vita le sue chanches di qualificazione deve battere Charleroi con un occhio a quel che accade alla Caja Magica tra Real Madrid e Partizan, il programma è chiuso dal big-match della Nokia Arena dove il Maccabi ospita l’Efes.

Infine il Gruppo D con la sfida tra Siena e Barcelona ridotta quasi a un amichevole, impegni sulla carta piuttosto agevoli anche per Galatasaray e Unics che ricevono rispettivamente Lubiana e Prokom.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here