EuroLega: l’Efes cala il tris, Baskonia sconfitta a Istanbul

L’Efes batte il Baskonia per 96-85.

di Emanuele Terracciano

L’Efes vince in maniera autorevole la partita contro il Baskonia, portando a casa il terzo successo consecutivo in questa competizione. I baschi sono partiti bene, ma i turchi hanno giocato una grandissima partita dal punto di vista dell’intensità che ha permesso loro di prendere il controllo del match fin dalla fine del primo quarto. Decisivo il break dell’Efes di fine terzo quarto che, soprattutto grazie all’ottima prova balistica di Thomas, ha consentito ai turchi di prendere un discreto margine di vantaggio. Dal punto di vista dei singoli, segnaliamo la doppia doppia di Heurtel fatta di 21 pt + 11 assist, mentre per Andrea Bargnani da registrare un buon secondo quarto e poi la totale assenza nella seconda metà di gara.

LA CRONACA – Hanga apre le marcature del match, ma Dunston dalla media risponde prontissimamente. Nella prima fase di partita l’attacco dell’Efes è poco fluido e il Baskonia, grazie a un ottimo Beaubois, trova il +5 sul 7-2. L’Efes rientra con Brown e Dunston, ma Beaubois non si ferma e permette ai suoi di mantenere un seppur minimo vantaggio. Dopo un timeout Tillie sigla il canestro del +4 (13-9) Vitoria, ma Dunston è un problema per la difesa spagnola che fatica a contenerlo. Anche Tellie fa la voce grossa sotto il tabellone avversario, ma Brown e Heurtel sono gli artefici del parziale che consente all’Efes di trovare il vantaggio sul 17-15. Nel finale di quarto la formazione ospite prova a cavalcare un Tillie in grande spolvero, ma Bargnani concede un po’ troppo dal punto di vista difensivo. Dopo dieci minuti di gioco l’Efes conduce per 23-21.

Il gioco a due tra Kirk e Heurtel apre le marcature del secondo quarto e da il via al 4-0 di parziale dei turchi che si portano a a +6 (27-21) e costringono la panchina avversaria a un immediato timeout. Al rientro in campo Bargnani interrompe il parziale avversario, ma Honeycutt realizza cinque punti in fila che portano l’Efes a +9 sul 32-23. In questa fase è il “Mago” a provare a caricarsi il Baskonia sulle spalle, ma si fa anche sanzionare un tecnico per proteste su una fiscale chiamata di violazione di passi. L’ingenuità di Bargnani frutta solo un punto all’Efes, mentre i baschi reagiscono di orgoglio e si portano in un amen fino al -3 sul 33-30. Dopo il timeout voluto dalla panchina turca, Thomas dall’arco da ossigeno ai suoi. Bargnani commette ingenuamente il suo secondo fallo personale e viene richiamato in panchina da Sito Alonso mentre il punteggio resta fermo sul 38-30 per svariati possessi. Dunston dalla lunetta regala il +10 (40-30) ai suoi, ma Beaubois e Hanga non sono d’accordo e provano a tenere a contatto la formazione ospite che però non difende con la giusta intensità nella sua area. Alla fine del primo tempo l’Efes conduce per 47-38.

Ci vuole più di un minuto prima che Beaubois metta a segno la tripla che sblocca il punteggio nel terzo quarto e che porta il Baskonia a -6 sul 47-41, ma l’Efes risponde prontamente con un 7-0 di parziale firmato principalmente da Paul. In questa fase l’attacco basco è abbastanza confusionario e i turchi possono difendere abbastanza agilmente la doppia cifra di vantaggio, anche se non sfruttano le occasioni di allungare che si presentano. Dopo un timeout, Voigtmann schiaccia i punti del -8, ma l’Efes risponde con due triple in fila che gli permettono di ritornare in doppia cifra di vantaggio. In questo finale di quarto Thomas è una sentenza dall’arco dei 6,75 m e permette ai suoi di chiudere il terzo quarto in vantaggio per 73-60.

In avvio di quarto quarto la situazione non cambia di molto, ma per il Baskonia arriva la brutta notizia del quinto fallo di Diop che naturalmente lascia la partita. L’inerzia del match sembra essere tutta dalla parte dei padroni di casa che, con la tripla dall’angolo di Honeycutt, trovano il +17 sul 79-62. Il Baskonia non molla  e ci prova con orgoglio, ma la montagna da scalare sembra davvero molto alta per la compagine basca che si dimostra molto poco lucida. Le speranze degli ospiti si riaccendono a poco più di tre minuti dalla fine quando Hanga piazza la tripla del -10 sull’88-78. Dopo il timeout voluto da coach Perasovic, l’Efes torna a girare bene la palla e trova con Brown una tripla pesantissima che, insieme al fallo tecnico fischiato a Sito Alonso, riporta tranquillità nel pubblico di casa. Alla fine vince l’Efes per 96-85.

ANADOLU EFES 96-85 BASKONIA (23-21; 47-38; 73-60)

Anadolu Efes: Heurtel 21, Honeycutt 16, Dunston 15

Baskonia: Beaubois 23, Hanga 20, Tillie 15

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy