EuroLega: l’Olimpia sfiora un altro colpaccio, ma Real prevale nel finale

0

A soli due giorni dall’impresa contro l’Olympiacos, sfiora un altro colpaccio l’Olimpia che per 38’ minuti accarezza l’idea di poter espugnare Madrid. Gli uomini di coach Repesa infatti se la sono giocata alla pari con Real, privo di Rudy Fernandez, per tutta la gara grazie ad un’ottima fase offensiva. L’altra faccia della medaglia la disattenzione a rimbalzo dell’Olimpia, che ha concesso ben 11  rimbalzi offensivi ai madrileni che hanno trovato sempre al secondo possesso i punti decisivi per la vittoria. Llull, Doncic e Carroll, autori rispettivamente di 20, 17, e 16 punti i veri trascinatori degli spagnoli, invece per Milano in evidenza i 20 punti di Simon. Ancora segnali positivi nonostante la sconfitta, che non fanno altro che aumentare i rimpianti per quasi mezza stagione di EuroLega buttata al vento.

QUINTETTO REAL MADRID: Maciulis, Llull, Reyes, Taylor, Ayon.

QUINTETTO OLIMPIA MILANO: Mclean, Hickman, Kalnietis, Macvan, Sanders.

CRONACA-  Milano parte bene e concentrata in difesa, quindi è Mclean a trovare il primo canestro della serata. Real risponde con Ayon e con la tripla di Taylor che da il primo vantaggio (6-4) agli spagnoli dopo tre minuti. L’Olimpia ritrova la parità con Macvan, poi la tripla di tabella di Llull scrive il 9-6 dopo quattro minuti. Ayon colpisce dal pitturato, poi Abass e Mclean riavvicinano Milano fino al -1 (11-10) al sesto minuto. La tripla dell’ex Maciulis prova a riportare l’inerzia da parte dei padroni di casa, ma Simon risponde in lay-up (14-12). Da qui fino alla fine è elastico tra il +4 e il +2 per Real, con Llull che con uno dei suoi colpi da fuori classe chiude il primo periodo sul punteggio di 22-18.

In avvio di secondo periodo Milano trova la parità con un parziale di 0-4 ad opera di Radjulica e Dragic, poi Doncic con la tripla dall’angolo riporta avanti i suoi (25-22). Simon risponde in transizione da tre, poi Hunter risponde con la schiacciata. Persiste l’equilibrio, e Cinciarini dopo quattro minuti penetra operando il sorpasso (30-31). Doncic poi fa 2/2 dai liberi, invece Mclean 1/2 e Real alla metà del quarto si riporta sul +2 (34-32) con il tiro dalla media di Randolph. Inizia poi il festival delle triple, prima con LLull , al quale risponde Sanders e poi Doncic scrive il 40-37. Real punisce le disattenzioni a rimbalzo di un’Olimpia molto più lucida in fase offensiva, con Hunter che da il +5 (46-41) al settimo. A questo punto sale in cattedra Hickman che con 6 punti di fila riporta avanti Milano, poi Macvan permette di chiudere addirittura sul +3: 46-49 il punteggio all’intervallo.

Milano esce concentratissima anche dagli spogliatoi, e tocca anche il +6 (50-56) con i punti di Mclean e Sanders dopo tre minuti. Real continua a trovare molte seconde soluzioni a causa dell’assenza milanese a rimbalzo, e con un break di 7-0 condito dalla tripla di Caroll e dai punti da sotto di Reyes e Taylor si riporta avanti (57-56) quasi alla metà del periodo. E’ la tripla di Simon ad interrompere il parziale spagnolo, poi Carroll colpisce in contropiede con i ritmi del match che diventano sempre più alti. Al 7’ l’Olimpia rimette il naso avanti con Simon dalla lunetta (62-63), poi Maciulis si becca il tecnico e Radjulica con un 2/3 dalla lunetta scrive il 62-65. Doncic fa 2/2, poi è ancora Radjulica a viaggiare dalla lunetta (64-67) a due minuti dalla fine. Dragic va a segno ancora con i liberi, poi ancora una volta al secondo tentativo Real segna da 3 con  Carroll. Dall’altra parte Milano risponde con Dragic (67-71) a 40 secondi dalla fine, poi gli spagnoli si riavvicinano con Carroll, ma è Simon ancora dalla lunetta a chiudere il terzo periodo sul punteggio di 69-73.

L’ultimo quarto è aperto dalla tripla di Doncic, poi Simon appoggia a tabellone. Dopo due minuti altro tecnico fischiato a Real, stavolta a Llull, e Milano tocca il +4 (72-76). Doncic riavvicina i suoi, ma Hickman risponde con una tripla di pura classe (74-79) al 3’ minuto. Carroll penetra e poi Hunter appoggia il -1 (78-79) per Real alla metà del quarto. E’ il solito Llull ad inventarsi la tripla del sorpasso, poi Radjulica ristabilisce la parità. Ancora botta e risposta tra le due squadre, quindi  il tap in di Macvan dice ancora parità all’ottavo (85-85). Negli ultimi minuti il ferro rifiuta i vari tentativi dalla lunga distanza di Milano, e la punizione del Real non tarda arrivare chiudendo  difatti il match con un parziale di 7-0 chiuso dalla schiacciata di Doncic (92-85). Nel finale sono Ayon e Radjulica a chiudere il match sul punteggio di 94-89.

REAL MADRID 94-89 EA7 EMPORIO ARMANI MILANO (22-18; 46-49; 69-73)

Real Madrid: Randolph 7, Draper, Nocioni, Doncic 17, Maciulis 3, Reyes 4, Ayon 10, Carroll 16, Hunter 12, Llull 20, Taylor 5, Thompkins. All.re Pablo Laso

Ea7 Milano: Mclean 9, Hickman 9, Kalnietis 4, Radjulica 12, Dragic 13, Macvan 8, Fontecchio, Pascolo, Cinciarini 4, Sanders 8, Simon 20, Abass 2. All.re Jasmin Repesa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here