EuroLega: Milano sconfitta in casa dal Panathinaikos

0

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO-PANATHINAIKOS SUPERFOODS ATENE 72-86 (21-16; 29-40; 42-64)

Continua il periodo negativo di Milano, che non riesce a trovare la vittoria tra le mura amiche contro un Panathinaikos che, tolto il primo quarto, si è dimostrato troppo superiore. Con questa sconfitta, la squadra di coach Repesa va a completare il quartetto con Bamberg, Unics Kazan e Galatasaray in fondo alla classifica.

LA CRONACA

Apre le danze Calathes dopo due minuti in cui gli attacchi non giravano. Per Milano arriva immediatamente la risposta di Rakim Sanders, che si guadagna e realizza due liberi (2-2 al 2′), ma Calathes segna ancora, e dopo di lui anche Singleton, così i greci si portano sul 2-6. Per i meneghini si iscrive a referto Raduljica, che segna e nell’azione successiva serve l’assist per la tripla di Dragic che regala ai padroni di casa il primo vantaggio della partita sul 7-6. Poi ancora il centro serbo segna su rimbalzo offensivo ed esce per dare spazio a Jamel McLean. Calathes segna due triple di fila e ridà il vantaggio ai suoi sul 9-12 (6′). Per Milano rispondono McLean, su assist di Simon, e Dragic con due iniziative personali per il 15-12. Va a referto anche l’ex canturino James Feldeine, a cui risponde Simon (17-14 all’8′). Calathes segna il dodicesimo punto personale assistito dal dominicano, ma dall’altra parte Jamel McLean inchioda con la schiacciata a centro area del 19-16 facendo saltare sulle sedie il pubblico del Forum. A 2 secondi dalla fine Hickman segna per dare il massimo vantaggio a Milano che chiude un ottimo primo quarto sul 21-16.

Cambio di marcia nel secondo periodo con il Panathinaikos che non concede un canestro agli italiani fino al 15′. Nella prima parte del quarto ha segnato solo la squadra di Xavi Pascual portandosi sul 21-27. Ci pensano Sanders e Hickman a ridare ossigeno ai biancorossi che rientrano sul 25-27. K.C. Rivers segna da 3, mentre Raduljica e McLean portano il punteggio sul 29-30 a 2 minuti dalla fine del quarto. Da qui in poi solo Pana: Calathes da 2, Fotsis da 3 e infine Mike James con 5 punti negli ultimi 30 secondi, portano gli ospiti all’intervallo con una rassicurante doppia cifra di vantaggio, con il tabellone che recita 29-40.

Anche ad inizio terzo quarto le scarpette rosse, nonostante le strigliate in spogliatoio di coach Jasmin Repesa, non riescono a reagire, subendo subito due triple da parte di Singleton e Rivers (29-46). Sanders e McLean provano a prendere la squadra in mano avvicinando il gap di svantaggio alla doppia cifra (35-47 dopo 4′), ma non basta perché il Panathinaikos fa un altro parziale, interrotto solo dal tiro libero di Hickman, e rimette sedici lunghezze di vantaggio con la tripla di Feldeine sul quinto assist di Calathes che vale il 36-52. Dragic segna da due, ma Feldeine mette un’altra tripla che sembra il copione della precedente e porta i suoi sul 38-55. Il vantaggio aumenta però, perché Milano non segna e i greci continuano a macinare gioco, mandando a segno Calathes e Fotsis (38-59 al 28′). Sanders segna due liberi, ma Singleton segna e riporta i greci oltre i venti punti di vantaggio. Lo stesso Singleton viene stoppato subito dopo da Raduljica, ma subito dopo Mike James segna la tripla del 42-64 che chiude il terzo periodo.

Per iniziare l’ultimo quarto subito palla sotto a Raduljica, che si guadagna due liberi, segnandone però uno solo. Mike James inizia l’ultimo periodo così come aveva finito il terzo, con la terza tripla della sua gara che gli vale il quindicesimo punto. Simon non si fa attendere e immediatamente segna dalla lunga per il 46-67. Raduljica commette due falli in 30 secondi ed è costretto ad uscire, mentre segnano Macvan da una parte e Rivers e Bourousis, entrambi su tiri liberi, dall’altra (48-70 al 32′). Mike James continua a far male alla difesa milanese, mentre McLean raggiunge la doppia cifra personale con il canestro del 50-72, ma subito dopo commette fallo antisportivo e gli ospiti ne approfittano per segnare quattro punti in un’azione e aumentare ancora il divario (50-76). Macvan Kalnietis e McLean segnano uno dopo l’altro e i tiri liberi di Macvan che valgono il 58-76 riportano milano sotto i venti punti di svantaggio. Sono ancora K.C. Rivers (12) e Mike James (19) a infierire sui biancorossi e mentre si entra negli ultimi tre minuti di gioco il tabellone recita 58-81. Kalnietis e McLean concretizzano un parziale di 7-0 quando ormai però manca solo un minuto e mezzo al termine (65-81). Spazio anche al diciannovenne Charalampopoulos per il Pana e a Bruno Cerella per Milano, che vanno entrambi a segno (68-83). Nell’ultimo minuto segnano Bourousis da una parte e McLean e Cerella dall’altra e la partita termina con il punteggio di 72-86.

TABELLINI

EA7 Milano: McLean 16, Hickman 5, Kalnietis 7, Raduljica 7, Dragic 9, Macvan 8, Pascolo ne, Cinciarini, Sanders 10, Abass, Cerella 5, Simon 5. / All. Repesa.

Panathinaikos: Singleton 8 (10 rimbalzi), Nichols, Rivers 12, James 19, Calathes P. ne, Fotsis 5, Pappas 4, Feldeine 10, Charalampopoulos 2, Gabriel, Bourousis 10, Calathes N. 16. / All. Pascual.

MVP BASKETINSIDE: Mike James. L’americano è stato un vero e proprio punto di domanda per la difesa milanese, dopo che Calathes ha dominato il primo tempo, con la partita in equilibrio, Mike James è il giocatore che più ha contribuito allo strappo nel punteggio dei greci.

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari