EuroLega: Olympiacos implacabile al Pireo, niente da fare per un Brose battagliero

L’Olympiacos vince tra le mura amiche e si tiene in corsa per il primato, al Brose non riesce la rimonta e la zona playoff resta lontana

di Gabriele Leslie Giudice

OLYMPIACOS PIREO 83–77 BROSE BAMBERG (24-13, 17-19, 24-24, 18-21)

L’Olympiacos tiene il ritmo delle grandi sconfiggendo al Pireo il Brose Bamberg. Gli ellenici fuggono nel primo quarto guidati da Papanikolau (12 punti in 20′ di utilizzo) e mantengono alta la propria intensità grazie al buon impatto della panchina, da cui si alza un Lojeski subito in ritmo (13 punti in 23′) e un Waters importante con 6 punti nel secondo quarto, utili a ricacciare indietro il Brose Bamberg, poco ispirato dall’arco – al pari dell’Olympiacos – e in difficoltà nel controllo dei tabelloni (39-23 il computo finale della lotta al rimbalzo), ma munito della consueta testardaggine e ben deciso a vendere cara la pelle al cospetto dei greci. A cavallo tra fine del terzo quarto e inizio dell’ultimo quarto il Brose Bamberg rientra fino a -3, grazie a una difesa aggressiva e a 3 triple filate di Strelnieks (12 punti in 27′) e Melli (14 punti in 26′), ma nei possessi decisivi a farla da padrone è ancora l’Olympiacos, che sfrutta tutta l’esperienza dei propri campioni e ritrova la doppia cifra di vantaggio a 100” dall’ultima sirena, che sancisce la vittoria degli uomini di Sfairopoulos.

La cronaca: Papanikolau prende per mano gli ellenici in avvio guidandoli sul +8 (11-3), che gli 8 punti filati di uno Spanoulis ispirato trasformano nel vantaggio in doppia cifra, sul 21-11 al 9’. Miller è la soluzione offensiva più redditizia per il Brose che, con un parziale di 6-0, riduce il gap a -7, sul 24-17. L’inerzia della partita resta domicilio dell’Olympiacos, che può godere del buon impatto dalla panchina di Lojeski (13 con 5\8 dal campo) e Waters (7 punti in 10’ di utilizzo), che aiutano i greci a trovare l’intervallo a un possesso dalla doppia cifra di vantaggio, sul 41-32. Un Birch attivissimo sotto le plance e 7 punti di Lojeski spingono l’Olympiacos sul massimo vantaggio, sul +14 al 25′. Il Brose stringe le viti in difesa e con l’aumento della pressione produce due palle recuperate che permettono ai tedeschi di generare un parziale di 6-0 che riporta il Brose a -7. Il tentativo di rimonta è però talvolta accompagnato da un quid di frenesia, che porta il Brose a spendere falli e a concedere a Milutinov e Papanikolau, glaciali dalla linea della carità, di riportare l’Olympiacos sul +13. Due triple di Strelnieks, a cavallo tra terzo e ultimo quarto, rimettono ancora in pista il Brose Bamberg, che arma anche la mano di Melli, a segno con la bomba del 69-66 al 35′. 4 punti di un provvidenziale Birch danno ossigeno all’Olympiacos, mentre l’attacco del Brose ora è in rottura e dall’altra parte Lijeski e Spanoulis impazzano, dando la spallata decisiva ai tedeschi, che a 1’39” dall’ultima sirena tornano a -10, sull’81-71. Zisis e Theis tentano ancora di avvicinare il Brose, ma i liberi di Birch chiudono la contesa.

OLYMPIACOS PIREO: Spanoulis 15, Birch 15, Lojeski 13

BROSE BAMBERG: Melli 14, Miller 13, Zisis 13

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy