EuroLega, Playoffs – La preview di CSKA – Fenerbahce

0
Ulanovas e Shengelia, CSKA Mosca Fenerbahce Istanbul, 2020-21
EuroLeague.net

CSKA Mosca contro Fenerbahce Istanbul. Un grande classico dell’ultimo lustro di EuroLega, dato che entrambe le squadre hanno sempre raggiunto le Final Four nelle ultime 5 edizioni, dal 2015 ad oggi. Nel 2016 si sono addirittura incrociate nella finalissima, con i moscoviti vincitori all’overtime, dopo 45 minuti di basket straordinario. Ma quest’anno, solo una delle due pretendenti potrà decollare verso Colonia. Per scoprire chi tra CSKA e Fener ha più chance, addentriamoci nell’analisi.

#2 CSKA MOSCA – #7 FENERBAHCE ISTANBUL

CSKA MOSCA
QUINTETTO
: Daniel Hackett (g), Darrun Hilliard (g), Nikita Kurbanov (f), Tornike Shengelia (f), Michael Eric (c)
PANCHINA: Janis Strelnieks (g), Iffe Lundberg (g), Ivan Ukhov (g), Aleksander Khomenko (g), Will Clyburn (f), Semen Antonov (f), Johannes Voigtmann (f), Joel Bolomboy (c)

PUNTI DI FORZA: il CSKA è campione in carica. Difficile pensare che una squadra sostanzialmente abbonata alle Final Four possa mancare l’appuntamento abituale proprio nell’anno in cui è chiamata a difendere il titolo. I russi hanno inoltre fatto meglio di tutte le altre formazioni per punti segnati e rimbalzi catturati in stagione. In particolare, dai tanti rimbalzi offensivi catturati derivano una valanga di seconde opportunità e viaggi in lunetta. Come se non bastasse, Itoudis può contare sostanzialmente su 10 titolari. Basti pensare a Will Clyburn: non tutti possono concedersi il lusso di far partire dalla panchina l’MVP delle ultime Final Four, le cui qualità dovranno fare la differenza come nel match di andata in Regular Season. In quell’occasione, WIll The Thrill segnò 26 punti trascinando il CSKA alla vittoria dopo un tempo supplementare.

PUNTI DI DEBOLEZZA: coach Dimitris Itoudis a inizio stagione pensava di arrivare a metà aprile con il nuovo asse play-pivot James-Milutinov ben collaudato e pronto a fare sul serio in post season. Così non sarà. Il serbo ha terminato anzitempo la sua stagione, infortunandosi alla spalla a fine gennaio. Il playmaker nato a Portland, invece, ha definitivamente rotto con la società dopo un lungo, capriccioso tira e molla – e da poche ore ha firmato con una contender NBA!
Non mancheranno Will Clyburn, Toko Shengelia, il veterano di mille battaglie Kurbanov… Mentre invece rischia il forfait il nostro Daniel Hackett, ancora alle prese con un problema alla spalla. Già il CSKA deve rinunciare al capocannoniere e al miglior rimbalzista dell’intera competizione (se si considerano le medie stagionali); perdere anche un guerriero e un leader come l’ex Pesaro, eventualmente, complicherebbe le cose di molto per Itoudis.

ANDAMENTO STAGIONE REGOLARE: travagliata, ma soddisfacente. Nonostante lo spogliatoio dei campioni in carica non sia mai sceso dalle “montagne russe” dovute alle lune storte di Mike James, i campioni in carica non si sono scomposti. Il secondo posto conquistato dunque non è per nulla banale.
Non dimentichiamo anche che il CSKA a inizio stagione è stata una delle squadre maggiormente penalizzate dal Covid-19, che ha debilitato giocatori fondamentali come Strelnieks e Milutinov. Ma dopo la “falsa partenza” da 2 vittorie e 3 sconfitte nei primi cinque match, il CSKA ha vinto 12 incontri di fila al tramonto del 2020, rilanciandosi nelle zone di classifica che abitualmente frequenta. Il 2021 comincia male (2 W e 5 L), ma ancora una volta la squadra di Itoudis non perde la bussola e conclude la Regular Season con 8 vittorie nelle ultime 10.

CSKA Mosca 2020-21 Dimitris Itoudis
Dimitris Itoudis dovrà trovare soluzioni alternative al formidabile tandem James – Milutinov per conquistare le Final Four [EuroLeague.net]

FENERBAHCE ISTANBUL
QUINTETTO
: Nando De Colo (g), Marko Guduric (g), Edgaras Ulanovas (f), Danilo Barthel (f), Ahmet Duverioglu (c)
PANCHINA: Lorenzo Brown (g), Ali Muhammed (g), Melih Mahmutoglu (g), Kenan Sipahi (g), Tarik Biberovic (f), Jarell Eddie (f), DyShawn Pierre (f), Kyle O’Quinn (c)

PUNTI DI FORZA: il Fenerbahce affronterà questi playoff con la leggerezza di chi l’impresa l’ha già fatta, qualificandosi alla post season. Traguardo che a fine 2020, ricordiamolo, sembrava irraggiungibile. Invece gli uomini di coach Igor Kokoskov hanno ribaltato come un calzino la loro stagione e ora non hanno nulla da perdere. Battere i campioni in carica non sarà affatto semplice, ma le guardie del Fenerbahce non hanno nulla da invidiare a quelle avversarie. Brown, Guduric, l’eterno Bobby Dixon e ovviamente il grande ex, Nando De Colo, sono clienti scomodi per tutti. Specie se giocano a livello corale: il Fener risulta uno dei migliori attacchi della stagione per assist e percentuali al tiro di squadra. Muovere la palla, muoversi senza palla e far uscire dal pitturato i lunghi del CSKA sarà senza dubbio uno degli obiettivi di De Colo e compagni.

PUNTI DI DEBOLEZZA: quasi sicuramente non vedremo Jan Vesely scendere in campo in questi playoff tanto faticosamente conquistati dal Fener, trascinato proprio dalle prestazioni da MVP del girone di ritorno del lungo ceco. Purtroppo però, quella brutta scavigliata rimediata alla penultima giornata ha cambiato le prospettive in casa Fenerbahce. La fortuna sarà anche cieca, ma la sfortuna ha visto benissimo il ceco… E non solo. Oltre a Vesely, Kokoskov probabilmente dovrà rinunciare ad altri giocatori importanti: è notizia di settimana scorsa infatti che si sono verificati nuovi contagi all’interno del gruppo squadra e dello staff turco. Ancora non è noto chi di preciso.
Dal punto di vista tecnico, invece, c’è un dato a dir poco preoccupante. Il Fenerbahce è stata la peggior squadra dell’intera EuroLega a rimbalzo, mentre il CSKA la migliore, catturando oltre 5 carambole di media in più rispetto ai turchi. Tale divario, se confermato, peserà tantissimo.

ANDAMENTO STAGIONE REGOLARE: una settimana prima di Natale 2020, il Fenerbahce era penultimo in classifica. 5 vittorie e 10 sconfitte, l’ultima delle quali di 27 punti sul parquet dello Zalgiris. Coach Kokoskov sembrava sulla graticola, alle prese con una squadra senz’anima. E invece magicamente, qualcosa è cambiato: dalla NBA fa ritorno Marko Guduric e la sua aggiunta, insieme a quella di Kyle O’Quinn, rivitalizza l’ambiente. Il Fener inanella subito 10 vittorie consecutive e solo un formidabile Efes riesce ad arrestare un’imbattibilità durata quasi due mesi. Ma i giallo-blu nel frattempo hanno acquisito una fiducia tale da rimontare fino al quinto posto, terminando poi al settimo. Solo una caviglia piegatasi sul più bello, quella di Jan Vesely, pare aver stravolto di nuovo gli equilibri in quel di Istanbul…

In una serie che sarà fortemente influenzata dalle assenze, quella di Jan Vesely sarà senza dubbio la più pesante

PRONOSTICO BASKETINSIDE: sarà la serie playoff più condizionata dalle assenze, soprattutto in casa Fenerbahce che senza Vesely perde simbolicamente mezza squadra. Certo, ai russi mancano James e Milutinov che non sono proprio due comprimari… Ma considerando la profondità e qualità del roster, coach Itoudis dispone di tutte le carte in regola per saltare senza troppi problemi l’ostacolo sul Bosforo. Il Fenerbahce pagherà con ogni probabilità la scarsa indole ad andare forte a rimbalzo di squadra, cosa nella quale il CSKA invece eccelle. Se i turchi vogliono avere delle chance, dovranno resistere in area agli assalti di Shengelia, Eric e soci.
Con Vesely in campo, il pronostico sarebbe stato più incerto; senza però l’impressione è che il CSKA abbia la pista di decollo spianata. Il volo, naturalmente, è quello diretto a Colonia. Il Fener avrà comunque il dovere di provare a vincerne almeno una. (CSKA alle Final Four in 4 gare)