EuroLega, Playoffs: Olimpia Milano, il cuore oltre ogni ostacolo! Shields e Rodriguez impattano la serie sul 1-1

0
EuroLega Olimpia Milano
Flickr Olimpia Milano

Gara 2 tra Olimpia Milano e Anadolu Efes in questi Playoffs di EuroLega, già partita decisiva per le sorti della serie, soprattutto in caso di vittoria turca che porterebbe i turchi ad avere due match point tra le fila casalinghe.

QUINTETTO OLIMPIA MILANO: Rodriguez, Hall, Shields, Bentil, Hines.

QUINTETTO ANADOLU EFES ISTANBUL: Larkin, Simon, Anderson, Moerman, Dunston.

Tanta intensità in questo inizio di gara per l’Olimpia Milano, che cerca di alzare il ritmo, anche con qualche contatto in più, sin da subito. L’Efes però non si scompone e con un Bryant Dunston dominante, piazza subito il primo break importante per l’Efes che vola sul +6 dopo metà primo quarto. Ettore Messina blocca subito il gioco con un timeout e al rientro è parziale firmato Sergio Rodriguez, con l’Olimpia che si rifà subito sotto. Lo spagnolo si accende ed è un vero e proprio trascinatore, scaldando anche il pubblico del Forum. 11 Punti, nessun errore dal campo per il Chacho e soprattutto per il vantaggio Olimpia al termine di un primo quarto di grande personalità.

Si segna poco, come abbiamo visto praticamente sempre in questa serie sin qui, ma per l’Olimpia si sblocca finalmente Malcolm Delaney. L’americano, con Rodriguez a riposare in panchina, si prende più responsabilità e insieme ad un positivo Troy Daniels mantiene l’Olimpia in partita, in ritmo e soprattutto avanti nel punteggio. Shane Larkin però non sembra di questo avviso ed è il protagonista del parziale di 8-0 per l’Anadolu Efes che rimette prepotentemente il muso avanti. Shavon Shields gioca bene in difesa, ma in attacco non riesce a segnare praticamente mai, mentre buono è l’impatto di Kaleb Tarczewski contro un Bryant Dunston versione Dikembe Mutombo in questa serata. L’Olimpia ci mette un grande cuore ed è proprio un buzzer del danese che impatta sul 33 pari all’intervallo.

Problemi per segnare? Tutto dimenticato per Shavon Shields. L’ex Baskonia e Trento segna il primo canestro e non si ferma più con un parziale di 7-0 tutto interamente firmato dal 31 Olimpia. Shields prima, Rodriguez poi, segnano il massimo vantaggio Olimpia Milano sul +10, con lo spagnolo in uno stato di grazia eccezionale in questa serata, già a quota 17 punti e 5 assist, faro illuminante della squadra di Ettore Messina. Efes in difficoltà? Mai dirlo con Larkin e Micic in campo. Prima il “turco” poi il serbo si rimettono al lavoro e in un amen l’Anadolu Efes è di nuovo lì. Olimpia a +1, 10 minuti da giocare, spettacolo Playoffs in EuroLega.

Tante botte e tanta tensione in quest’ultima parte di partita dove soprattutto l’Olimpia si fa prendere un pò troppe volte dai nervi in proteste. Piove sul bagnato per l’Olimpia, già martoriata dagli infortuni. Prima Delaney, problema muscolare, poi Rodriguez, che cade sulla caviglia di Singleton, sono costretti ad andare in panchina e salutare la partita in anticipo. Il finale è molto teso, con l’Olimpia che prova il tutto per tutto nonostante gli infortuni e l’Efes che si affida al duo Larkin-Micic. Gli ultimi sono da cardiopalma. Larkin segna da 3, ma Bentil e Hall segnano due triple di grandissima importanza. No Rodriguez? Ci pensa Shavon Shields in attacco e Kyle Hines in difesa, con una reazione da grandissima squadra. Le stelle dell’Olimpia fanno la voce grossa e “decidono” che questa serie andrà ad Istanbul sul 1-1.

Che cuore in questi Playoffs di EuroLega per l’Olimpia Milano che dimostra di non avere nessuna intenzione di mollare, nonostante le immensi difficoltà sopratutto dovute agli infortuni. Si va ora ad Istanbul, per gara 3 e 4 il prossimo martedì e giovedì.

OLIMPIA MILANO – ANADOLU EFES ISTANBUL 73-66 (19-17, 14-16, 20-19, 20-14)

MVP BasketInside: Shavon Shields.

OLIMPIA MILANO: Shields 21, Rodriguez 17, Tarczewski 7, Daniels 6, Bentil 5, Hall 5, Hines 5, Delaney 3, Ricci 3. All:Ettore Messina.

ANADOLU EFES ISTANBUL: Larkin 19, Micic 18, Bryant 7, Pleiss 5, Dunston 4, Moerman 4, Singleton 3, Anderson 2, Beaubois 2, Simon 2. All: Ergin Ataman.