EuroLega, PO – G3: Il Real Madrid sbanca l’OAKA e va alle Final Four

EuroLega, PO – G3: Il Real Madrid sbanca l’OAKA e va alle Final Four

Gli spagnoli chiudono la serie ad Atene eliminando il Panathinaikos con autorità.

di Fabio Rusconi

Poca, pochissima storia ad Atene. Il Real Madrid vince con merito gara 3 dei quarti di finale all’OAKA, batte il Panathinaikos e chiude la serie con uno sweep che consegna alla squadra di Pablo Laso il pass per le Final Four di Vitoria. La superiorità del Real è stata evidente, non solo nel corso di stasera, per la verità, ma nel corso di tutta la serie. Più profondi i blancos, capaci di avere bocche da fuoco temibili e che trovano, nella serata in casa del Pana, un Campazzo illuminante. Il “piccolo grande” playmaker argentino si prende la scena, vince la sfida a distanza con Calathes (limitato alla perfezione dalla difesa madrilena nella serie, soprattutto nel non trovare linee di penetrazione e di passaggio facili) e si prende la palma di MVP della partita grazie a una doppia doppia da 16 punti e 10 assist, costruita tutta nell’ultimo quarto. Pitino prova a mescolare le carte, pescando jolly in Lojeski in un primo tempo complicato ma non trovando, alla lunga, soluzioni degne per arginare la fisicità che il Real mette sul parquet in difesa. Calathes mette tutto sè stesso ma è spesso impreciso, Lekavicius è un’entità assente e Kilpatrick non riesce a trovare spazi nella difesa spagnola. Il Madrid meraviglia comunque anche in attacco, per pazienza, copetura degli spazi e circolazione palla. Insomma, una vittoria strameritata che spedisce i madrileni a Vitoria con un aereo sola andata. E’ la sesta Final Four nelle ultima sette edizioni per i Blancos: è un record che solo il CSKA può eguagliare. Non solo i russi, ma tutti quanti, sono tuttavia avvisati: questo Real fa sul serio.

Quintetto Panathinaikos: Calathes, Lojeski, Papapetrou, Gist, Papagiannis

Quintetto Real Madrid: Campazzo, Fernandez, Taylor, Randolph, Tavares

Campazzo è il primo a trovare la retina nella bolgia dell’OAKA. Thomas reagisce ma l’inizio è favorevole al Madrid, che con un parziale 9-2 costruito soprattutto in difesa trova il massimo vantaggio a +8 (4-12 al 4′). Molto bene il Real all’interno dell’arco e nel pitturato in attacco e, anche grazie a un metro arbitrale parecchio permissivo, i Blancos se la cavano molto bene anche nella propria metà campo. Il Pana non ci sta e inizia a ingranare, rosicchiando punti nella seconda parte di primo periodo arrivando in vantaggio con la tripla di Calathes (16-14). Il parziale è di 12-2 in favore dei locali, ma il Real non si intimorisce, si compatta e impatta prima a quota 16 e poi a quota 18, chiudendo i primi 10′ di gioco avanti di 5 lunghezze 18-23. Buon contributo di Taylor sul finale di frazione: è lui a ispirare il break 5-0 a fine primo quarto, che si allarga a un parziale di 9-0 tra primo e secondo (13-2 se contiamo dal 16-14 precedente) e che fa volare il Madrid al massimo vantaggio +9 (18-27 al 12′). Il medesimo vantaggio viene replicato poco dopo (21-30) con Thompkins che risponde alla bomba di Papapetrou, l’unico tra i giocatori del Panathinaikos a togliere le castagne dal fuoco in attacco. Il greco, assieme a Langford, prova a guidare la riscossa biancoverde, spingendo i suoi fino a -5 con un break 4-0 (25-30 al 15′). Gli spagnoli rispondono con la stessa moneta, ristabiliscono il gap a +9 ma devono fare i conti con il ritorno di Calathes in regia: il playmaker ex Grizzles viene limitato bene al tiro e in penetrazione, ma è comunque in grado di distribuire assist importanti per costruire il parziale di 9-0 che, con i punti uno scatenato Papapetrou e di un solido Thomas, riporta il Pana sul pareggio (34-34 al 19′). I greci riescono anche a trovare il vantaggio con il 2/2 in lunetta di Vougioukas, pareggio Fernandez ma il Panathinaikos sulle ali dell’entusiasmo trova un gioco da quattro punti pazzesco di un altrettanto pazzesco Lojeski. Il tiro libero di Papapetrou manda i suoi avanti di 5 all’intervallo lungo (41-35). Ottimo secondo quarto per la squadra di coach Pitino, che limita il Real a soli 12 punti grazie a grandi letture difensive, rotazioni veloci e aiuti puntuali.

5-0 Real in apertura di ripresa, con un grande apporto di Tavares a rimbalzo. Parità e timeout Pitino. Il Pana recepisce bene le indicazioni del leggendario coach NCAA e, ispirata da un Calathes che alza i giri del motore, cala un nuovo allungo 5-0 (46-41 al 23′). Si procede a elastico, com’è stato nel primo tempo, di break in break. Match molto godibile nella parte centrale di terza frazione, dove Pitino rinuncia a un positivo Vougioukas per far spazio a Gist, non concedendo riposo a Calathes. Il Pana non lascia il comando della sfida nonostante coach Laso giochi per larghi tratti con gli uomini di maggior affidamento, anche se il Real ritrova la parità a poco più di 1′ dalla penultima sirena (54-54 al 29′). Le compagini sono ancora appaiate al 30′ (58-58). Il duello prosegue nell’ultimo quarto, dove dopo 3′ l’equilibrio non si spezza (64-64). Ayon nel Real sfrutta bene i minuti a sua disposizione ma ora la qualificazione per il Panathinaikos è appesa a un filo (66-66 al 35′). I viaggianti spendono presto il bonus e si ritrovano nuovamente a inseguire a -2, ma Campazzo risponde con tre assist dei suoi per rimettere il Madrid avanti (68-72 al 36′). L’argentino è preziosissimo nel rigirare nuovamente la partita e nel trovarsi alla perfezione con un Ayon tra i migliori della stagione e a cui coach Laso concede giustamente quasi tutti i minuti dell’ultimo periodo. La tripla di Taylor prova a far scappare via il Real (70-75), risponde Calathes in contropiede ma il Real è cinico e spietato, costruendo tiri aperti anche nei momenti iù delicati del match: bomba Randolph, pesantissima, e +6 Madrid (72-78 al 38′). Pitino ferma il gioco nel momento più difficile, ma Campazzo ha deciso chi va a Vitoria: tripla decisiva e titoli di coda. Il +7 (74-81) a 60″ dalla fine è un divario troppo ampio da recuperare per il Panathinaikos: Il Real Madrid sbanca l’OAKA ed è la prima squadra a raggiungere le Final Four: finale 82-89.

PANATHINAIKOS OPAP ATENE vs REAL MADRID 82-89 (18-23; 41-35; 58-58)

PANATHINAIKOS: Thomas 11, Langford 10, Papagiannis 4, Papapetrou 9, Gist 4, Vougioukas 8, Lekavicius 3, Kipatrick 0. All: Pitino

REAL MADRID: Causeur 2, Randolph 14, Fernandez 16, Campazzo 16, Reyes n.e., Ayon 12, Carroll 0, Tavares 3, Deck 2, Prepelic 0, Thopkins 9, Taylor 13. All: Laso

MVP BASKETINSIDE: Facundo Campazzo

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy