EuroLega preview: Zenit San Pietroburgo

Nella nostra penultima preview dedicata all’EuroLega analizzeremo la terza ed ultima squadra russa che prenderà parte al torneo 2020-21, lo Zenit San Pietroburgo.

di Marco Novello

Lo Zenit San Pietroburgo per la seconda annata consecutiva parteciperà alla EuroLega, il massimo campionato per club del vecchio continente. Per non farsi trovare impreparato come nella passata stagione il magnate Roman Agapov ha messo mano al portafogli per creare una squadra ambiziosa. Molti volti nuovi quindi costituiranno il roster della squadra della città fondata dallo zar Pietro “Il Grande”; alcuni si sono visti recentemente nel campionato italiano, altri invece in uscita da top team ed in cerca di riscatto. Gudaitis, Pangos, KC Rivers e Fridzon avranno l’arduo compito di trascinare lo Zenit in zone tranquille di classifica e cancellare l’ultimo posto (quasi matematico) della passata stagione; sotto la regia di un coach esperto come Pascual tuttavia l’impresa pare essere, sulla carta, meno ardua.

 

QUINTETTO BASE

Pangos (PG), Hollins (G), Rivers (F), Poythress (PF), Guidaitis (C)

 

PANCHINA

Zakharov (G), Fridzon (G), Volkhin (F), Thomas (F), Baron (G), Khvostov (G), Pushkov (C), Trushkin (F), Zubkov (F), Ponitka (F)

 

PUNTI FORTI

Il roster russo si è indubbiamente arricchito di talento nell’ultima finestra di mercato; Agapov come detto sopra non ha badato a spese acquistando giocatori con leadership ed esperienza. Fridzon e Rivers dovranno dare una mano nei momenti chiave del match alla truppa di Pascual, ma l’uomo da osservare con scrupolo sarà, senza ombra di dubbio, Kevin Pangos. Il play sloveno è reduce da un grave infortunio che lo ha tenuto lontano dal rettangolo di gioco per tutta la passata stagione, ora però è pronto a riprendersi la scena oltre che la ribalta internazionale. L’ex Zalgiris vuole tornare ad essere protagonista nella competizione come nella stagione 2017-18 quando guidò i lituani fino alle Final Four di Belgrado.

PUNTI DEBOLI

Una squadra con tanti elementi nuovi, una scommessa oltre che incognita come Pangos; l’allenatore ex Barca e Pana avrà il suo bel da fare per allestire una formazione competitiva come sperano invece nella vecchia capitale russa. Il roster infatti ha, come detto, si uomini di esperienza e qualità, ma non è lungo e profondo come quello di altre squadre che invece puntano alla post season. La freschezza atletica quindi giocherà un ruolo importante nelle partite dei russi.

 

PRONOSTICO

La squadra è nettamente migliorata rispetto alla passata edizione; quindi sarà difficile trovarla nuovamente in fondo alla graduatoria. Pare altrettanto proibitivo però per i russi centrare un posto tra le prime otto; ci si aspetta piuttosto un torneo da media classifica con magari qualche vittoria eccellente nell’arco della competizione.

EuroLeague.net
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy