Eurolega QF G1 – L’Efes non sbaglia, sconfitto il Real a Istanbul

0
Credit: euroleague.net

Inizia l’avventura play-off per Efes e Real Madrid e va in scena in Turchia il primo atto della sfida tra i ragazzi di Ergin Ataman e i blancos. In regular season le due squadre si erano divise il bottino, con il Real che aveva superato a Istanbul la squadra turca nell’ultima partita del 2020, mentre l’Efes aveva restituito il favore a fine marzo vincendo 83-108 al WiZink Center.

Quintetto Efes: Beaubois, Micic, Simon, Moerman, Sanli

Quintetto Real Madrid: Laprovittola, Taylor, Abalde, Vukcevic, Tavares

ANADOLU EFES – REAL MADRID (20-18; 44-40; 64-50)

Inizio di gara di marca madrilena, 0-8 di parziale nei primi due minuti di gioco e immediato time-out chiamato da Ataman. L’Efes muove il tabellino con i liberi di Sanli e si rimette subito in carreggiata con la tripla di Shane Larkin. Il Real si appoggia sulle spalle di Laprovittola che prima piazza un gioco da tre punti e poi confeziona rimbalzo difensivo e assist per il canestro di Taylor. Gli ospiti vanno anche avanti di 7, ma l’Efes piazza il break da 8-0 chiuso dal canestro di Simon e i turchi mettono il naso avanti, costringendo stavolta Laso a fermare la partita. Il match si gioca punto a punto e dopo dieci minuti l’Efes è avanti 20-18.

Nel secondo periodo i turchi sono concentrati sin dal primo possesso, controllano il vantaggio rispondendo colpo su colpo ai canestri dei blancos, mantenendo tre possessi di vantaggio fino al 14′. Il Real, però, non ci sta e si rifà sotto con le triple di Thompkins e Fernandez, tornando a stretto contatto fino al -1, 36-35. La partita è equilibrata, l’Efes sembra averne di più ma viene imbrigliato dalla difesa ospite e non riesce a mettere distanza con l’avversaria, andando negli spogliatoi avanti di 4 punti, 44-40.

Al rientro dalla pausa lunga il Real Madrid è irriconoscibile, spegne la luce e riesce a mettere a segno appena due punti in quasi sette minuti di gioco. L’Efes ne approfitta, Sanli domina nell’area avversaria e con anche il canestro di Larkin colleziona il 55-42 al minuto 27. E’ Tavares a realizzare il canestro dal campo che potrebbe scuotere i blancos, ma il finale di terzo quarto è ancora di marca turca, con Micic, Moerman e Dunston che si abbattono su un Real moribondo. A dieci minuti dalla fine l’Efes è avanti 64-50, con una buona fetta di gara 1 in tasca.

Credit: euroleague.net

Il Real Madrid sale sul “ring” per il quarto periodo a pezzi, dovendo rimontare quattordici punti ad un Efes solido sui due lati del campo. Nel giro di pochi possessi, però, i blancos si trovano sotto di 21, 74-53, con lo strappo che viene ulteriormente aumentato da Beaubois che spara la sua terza tripla della serata. L’obiettivo del Real sembra essere quello di uscire dal campo il prima possibile per cancellare due quarti disastrosi. La tripla di Carroll è l’ultimo segnale degli ospiti, l’Efes infierisce e chiude il match sul 90-63. Il primo atto dei quarti di finale va alla squadra di Ergin Ataman che nel secondo tempo ha dimostrato una superiorità netta sul parquet, con cinque giocatori in doppia cifra e Beaubois top scorer del match (19 punti e 5 rimbalzi). Il Real ha appena due giorni di tempo per resettare e provare a mettere in parità la serie al WiZink Center.

Tabellino

Anadolu Efes: Larkin 14, Beaubois 19, Singleton, Gazi 3, Sanli 16, Moerman 7, Tuncer, Pleiss, Micic 7, Anderson 3, Dunston 11, Simon 10. Coach: Ergin Ataman

Real Madrid: Causeur 6, Fernandez 3, Abalde 5, Laprovittola 9, Vukcevic, Alocen 2, Garuba 5, Carroll 4, Tavares 10, Llull 3, Thompkins 13, Taylor 3. Coach: Pablo Laso