Eurolega, quarti di finale G1: Real in scioltezza, Maccabi annichilito in gara1

0

Foto: www.as.comReal Madrid – Maccabi Electra 79-53 (14-23; 38-27;59-43; 79-53)

 

Il Real Madrid schianta il Maccabi in gara 1 della serie playoff grazie ad un terrificante secondo quarto da 24-4 di parziale, poi agevolmente controllato nella seconda metà di gara. E dire che i primi 10′ avevano visto un Maccabi brillante, capace di costruirsi un cospicuo vantaggio a suon di triple. Ancora una tripla in avvio di secondo quarto, poi il black-out: non sono bastati a coach David Blatt due timeout per interrompere la striscia del Real, che saliva da 14-26 al 38-27 con cui si chiudeva il primo tempo. La seconda metà di gara serve ad arrotondare le statistiche dei padroni di casa, con l’MVP di serata Sergio Rodriguez che agguanta la doppia doppia da 10 pt e 10 assist. Ora David Blatt avrà due giorni per resettare la mente dei suoi giocatori e provare l’assalto a quella vittoria esterna necessaria per staccare il biglietto delle Final 4. Un dato in particolare dovrà far riflettere il coach di Lousiville: il saldo a rimbalzo di questa sera recita 44-28 per i blancos. Bisognerà partire da qui per provare ad intaccare il gioco di Fernandez e soci. E non è detto che basti.

 

Pronti, via e la coppia Fernandez-Llull porta subito il Real sul 5-0 dopo 30”. La risposta del Maccabi non si fa attendere, con James molto bravo ad eludere Begic in post basso per il controsorpasso (5-6). Fernandez trova il 2+1 che vale il pareggio 10-10. Dal lato Maccabi, è Caner-Medley il migliore in quintetto: il naturalizzato azero trova due triple che lanciano gli israeliani sul 14-20, alle quali fa seguito il pesantissimo centro di Hickman sulla sirena e chiude i primi 10′ sul 14-23.

 

In avvio di secondo quarto Landesberg illude i tifosi israeliani, mettendo a segno la tripla del massimo vantaggio ospite (14-26). Il Real Madrid si desta, approfittando di un Maccabi improvvisamente impreciso dai 6,75: nell’arco di un minuto gli spagnoli trovano la via del canestro per quattro volte, ispirati da un Sergio Rodriguez in serata di grazia nelle assistenze. Il timeout di Blatt non sortisce l’effetto sperato ed è proprio “El Chacho” a siglare il nuovo vantaggio dei padroni di casa. I rimbalzi offensivi condannano definitivamente il Maccabi, che sprofonda -9 prima della salvifica sirena.

 

Cinque punti consecutivi di Mirotic al rientro degli spogliatoi (42-28) mettono subito in chiaro agli ospiti che non sarà serata di rimonte: il Maccabi non rientra più dalla doppia cifra di svantaggio, soprattutto a causa delle numerose palle perse. Il divario, anzi, si dilata fino al +16 (59-43) con cui si va nell’ultima pausa.

 

L’ultimo periodo è garbage time e Blatt pensa a far rifiatare gli uomini più importanti in vista di gara2 in programma tra due giorni. Il Real ne approfitta per un po’ di show-time, così che il punteggio assume i contorni di una disfatta per il Maccabi, che termina le sue sofferenza sul 79-53, non prima di aver regalato a Rodriguez il decimo assist della serata. Giusto premio per l’uomo che ha dato la svolta all’inconto.

 

 

Real Madrid: Draper, Fernandez 15, Suarez 4, Reyes 8, Mirotic 14, Rodriguez 10, Hettsheimer 2, Begic 5, Carroll 8, Llull 8, Slaughter 5. All. Laso.

 

Maccabi Electra: Logan 2, James 9, Smith 7, Hickman 9, Eliyahu 2, Roth 1, Pnini 1, Caner-Medley 8, Ohayon 4, Planicic 5, Landesberg 5, Zalmanson n.e. All. Blatt.