EuroLega, recupero 10ª giornata: L’Olympiakos soffre ma batte l’Asvel all’overtime, Sloukas decisivo

Partita pazza quella andata in scena a Villeurbanne. Asvel col solito atteggiamento: sotto tre quarti, mette la testa avanti nell’ultimo andando ad un passo dalla vittoria. Sloukas e McKissic hanno però altri piani…

di Francesco Iorio

Inizio settimana dedicato ai recuperi in EuroLega. Dopo Real – Stella disputata ieri, è il turno di Asvel (6-13) e Olympiakos (10-9), che si ritrovano avversarie dopo il confronto di venerdì, valevole per la 20ª giornata. Asvel che in terra greca ha fermato un Olympiakos reduce da quattro vittorie consecutive, impedendogli di agganciare il treno Playoff. Stasera i ragazzi di coach Bartzokas avranno una nuova opportunità per raggiungere Anadolu, Zalgiris e Valencia. Vedremo se l’Asvel avrà o meno idee differenti.

Quintetti iniziali

Asvel: Norris Cole, Matthew Strazel, David Lighty, Ismail Bako, Guerschon Yabusele

Olympiakos: Kostas Sloukas, Aaron Harrison, Charles Jenkins, Georgios Printezis, Octavius Ellis

 

1° quarto:

Dopo l’inizio gara sulla scia di un sostanziale equilibrio, a rompere quest’ultimo ci pensa il pick and roll Sloukas-Ellis. Il play dell’Olympiakos porterà 4 assist, mentre dall’altro lato Bako martella dal mid range il canestro avversario, firmando 8 dei primi 11 punti Asvel. Printezis in grande spolvero (7 punti) e Martin subito impattante dalla panchina, consentono agli ospiti di allungare, chiudendo il quarto sul 15 a 23. 

2° quarto:

Cambia marcia l’Asvel in difesa, tornando a contatto grazie ad un immediato parziale di 6 a 0. Protagonista un solido Charles Kahudi da 2 rubate e 5 punti, che assieme al ritorno di Bako consente ai francesi di ritrovare la parità. Alla tripla del primo sorpasso Villeurbanne firmata Norris Cole, segue una fase confusionaria, che culmina con le schiacciate di Ellis, per lui 8 punti col 100% dal campo. Sulla fine del quarto, i canestri di Printezis e Martin riportano in controllo l’Olympiakos, che va a riposo con 7 lunghezze di vantaggio.

Getty Images

3° quarto:

Non dei migliori il rientro in campo delle due squadre, caratterizzato da tanti errori ed amnesie difensive. Passa a zona l’Olympiakos, per bucarla l’Asvel si affida a Norris Cole, che con 10 punti realizzati nel quarto riporta i suoi a stretto contatto. Le entrate di McKissic e la tripla di Spanoulis danno un pò di ossigeno alla squadra di Atene, ma Villeurbanne a suon di dribble handoff rimane lì, chiudendo il quarto sul 61 a 63 dopo l’emplein in lunetta di Diot.

4° quarto:

Howard e Hayes sono gli assoluti protagonisti della prima parte di quarto: 5 punti a testa nei primi 4 minuti e l’Asvel rimette la testa avanti. L’Olympiakos perde palloni su palloni e la difesa che collassa su Hayes porta Lighty a mettere la tripla che vale il +5. Saranno ancora McKissic e Martin, con penetrazioni a testa bassa, a prendere sulle spalle la squadra greca. Al 7′, si rivede Sloukas, sparito dopo il buon inizio, che attacca Hayes nel miss match prendendosi un importante gioco da tre punti che vale la parità a quota 79. Il vantaggio arriva dopo una furiosa lotta al rimbalzo vinta da Martin che converte in due punti, ma torna subito in vantaggio l’Asvel, grazie alla tripla di Howard su scarico di Cole. A 20” dal termine, Kahudi sbaglia il tiro del potenziale +3, ma arriveranno due rimbalzi in attacco che manderanno Cole in lunetta. L’ex Avellino fa 2 su 2 ma con 6” da giocare, l’Asvel paga la scelta di non fare fallo con la tripla sulla sirena di Sloukas, che manda la partita all’Overtime!

Getty Images

Overtime

David Lighty e ancora Norris Cole cercano di tirare avanti un Asvel stremato, ma l’Olympiakos, con tutta l’inerzia dalla propria parte, sembra averne di più. Harrison e Sloukas, che chiuderà con 23 punti, non sbagliano un colpo ai tiri liberi e la partita comincia ad essere per gli ospiti tutta in discesa. Villeurbanne non segna più e la partita si chiude sul punteggio di 93 a 101. 

Vincendo stasera, l’Olympiakos raggiunge il gruppone coinvolto nella selvaggia lotta playoff. Kostas Sloukas si dimostra ancora una volta decisivo, in grado di incidere anche in serate in cui non sembra poter dare quel qualcosa in più. Esce comunque a testa alta l’Asvel, sembrata ad un passo dal poter bissare il successo ottenuto venerdì.

Progressivi: 1° quarto: 15-23 (15-23), 2° quarto: 37-44 (22-21), 3° quarto: 61-63 (24-19),  quarto: 86-86 (25-23), overtime: 93 – 101 (7-15)

 

Tabellini

Asvel: Cole 21, Lighty 18, Howard 16, Hayes 13, Bako 10, Kahudi 6, Diot 4, Freeman, Yabusele, Strazel 2

Olympiakos: Sloukas, McKissic 23, Martin 15, Harrison 12, Printezis 11, Ellis 8, Jenkins 6, Spanoulis 3

 

MVP BasketInside: Kostas Sloukas per il finale da protagonista, Shaquille McKissic per la prestazione generale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy