Eurolega recupero 4a giornata: Lo Zenit continua lo show in trasferta. Vinto anche a Valencia

I russi di Xavi Pascual mantengono la propria imbattibilità fuori casa in Eurolega. Sesta vittoria su altrettanti viaggi per lo Zenit che vince con autorità anche a La Fontaneta di Valencia. Hollins, l’ex Thomas, Pangos e Poythress i protagonisti principali. Tra gli spagnoli Dubljevic si ferma dopo un buon primo tempo. Espulso nel finale Kalinic.

di Alessandro Elia

Valencia e Zenit San Pietroburgo cercavano dal recupero della 4a giornata l’occasione giusta per alimentare la loro buona classifica di Eurolega e nello stesso tempo di riemergere dalle sconfitte rimediate in casa nell’ultimo turno. E al termine di una bella partita, giocata tra due squadre in salute, hanno vinto i russi di coach Pascual che allungano così la loro serie positiva in trasferta. Sesto successo consecutivo per lo Zenit che rimane così imbattuto fuori casa aggiungendo il colpo de La Fontaneta a quelli di Instanbul, sponda Efes, Vitoria, Villeurbanne, Berlino e Kaunas.

C’era anche curiosità per vedere la sfida tra il miglior attacco dell’Eurolega (quello del Valencia che viaggiava a una media di 83,4 punti a partita) e la seconda miglior difesa (71.0 punti di media subiti dai russi). A conti fatti ha prevalso la retroguardia dello Zenit che ha saputo contenere l’offensiva degli uomini di Ponsarnau e nel contempo ha messo le mani sulla partita con le proprie di fuoco.

Primo quarto livellato con squadre a contatto e lo Zenit in vantaggio 12-16 al 10′. Un gioco da tre punti di San Emeterio mette il Valencia avanti a inizio di secondo periodo (21-20). Entra in scena Dublljevic (13 dei suoi 18 punti finali realizzati nel primo tempo) che segna 4 punti di fila e tiene i suoi avanti. Negli ultimi minuti del quarto Van Rossom e il centro montenegrino portano Valencia sul 33-26. Lo Zenit riesce a resistere all’ottimo momento dei padroni di casa e si torna negli spogliatoi con il punteggio fissato sul 39-33 per gli orange locali.

Si torna in campo con lo Zenit capace di piazzare un 7-0 di parziale che gli mette in mano l’inerzia della partita che è pronta a infiammarsi. I due attacchi iniziano a colpire da fuori con grande precisione. Per il Valenca Vives è ispirato, Ponitka, Hollins e il grande ex Will Thomas replicano con efficacia per lo Zenit. Dubljevic e Kalinic portano il Valencia sul 60-58 a 2′ dall’ultima sirena che suona dopo la tripla di Pangos e i canestri di Gudaitis e l’ottimo Hollins che scrivono 60-65 sul tabellino dei primi 30′ di partita.

L’ultimo scampolo del recupero si apre con il mini allungo russo siglato da KC Rivers. (62-70). San Emeterio e Van Rossom provano a tenere in scia un Valencia che adesso va in difficoltà. Ponitka mette la tripla del +9 (66-75), i spagnoli hanno un sussulto e accorciano fino al -3 (72-75) spinti ora da Tobey, Kalinic e Van Rossom. A -2’09 arrivano il doppio tecnico sanzionato a Kalinic che lascia il campo. E’ un duro colpo per il Valencia che subisce subito dopo 3 liberi da Pangos (72-78)  a 2′ dallo stop. Prepelic commette fallo in attacco e le speranze per il Valencia ormai svaniscono quando Rivers segna dopo un rimbalzo offensivo. La squadra di Ponsarnau alza bandiera bianca con l’MVP Hollins che segna la tripla del punto esclamativo della prova di un grande Zenit S.Pietroburgo.

Valencia Basket-Zenit St.Petersburg 72-85 (12-16, 39-33, 60-65)
Valencia Basket: Prepelic 4 , Pradilla, Puerto, Van Rossom 9, Tobey 8, Kalinic 8, Dubljevic 18, Vives 10, San Emeterio 7, Williams, Hermannsonn 6, Jimenez. Coach. Jaume Ponsarnau
Zenit St.Petersburg: Rivers 7 , Pangos 12, Fridzon, Hollins 20, Thomas 12, Baron, Pushkov, Trushkin, Zubkov 4, Poythress 12, Ponitka 10, Gudaitis 8. Coach Xavi Pascual

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy