EuroLega: Settima vittoria nelle ultime otto casalinghe, il Darussafaka batte il Barcellona

Grande secondo quarto per i turchi, che rischiano negli ultimi due quarti ma riescono a portare a casa una vittoria importantissima in chiave playoff.

di Andrea Brusadin

DARUSSAFAKA DOGUS ISTANBUL – FC BARCELONA LASSA 67-56

(11-13, 43-22, 53-42)

Alla Vokswagen Arena di Istanbul va in scena una partita importante in ottica ottavo posto playoff, tra il Darussafaka e il Barcellona.

Tanti gli assenti per gli ospiti, che, oltre agli infortuni lunghi di Lawal e Ribas, si aggiungono ai box anche Doelmann e Diagne; torna Navarro dopo l’operazione, che è a soli 10 punti dai 4000 segnati nella nuova Eurolega.
Il Dacka si presenta quasi al completo, con le assenze, ormai da molto, di Slaughter, e di Bertans (5 volte nelle ultime 8 uscite in doppia cifra).

Quintetti: Wilbekin, Wanamaker, Clyburn, Moerman, Zizic per i locali; Rice, Claver, Oleson, Perperoglou, Tomic per i catalani.

La partita sembra subito prendere una piega a favore del Barcellona, che dopo il primo canestro di Zizic e uno in mezzo di Wilbekin, piazza un break nei primi 5 minuti di 4-11 con tre triple di Rice, Perperoglou e Claver ed un canestro pregiato di Tomic: time-out per coach Blatt.
In uscita dal minuto di sospensione, i padroni di casa aumentano intensità ed aggressività, ma continuano ad essere imprecisi dal campo, come inizia ad esserlo anche il Barcellona (7-13 al 7′); si salvano alla fine del primo periodo, con unico positivo James Anderson con 2/2 da tre punti, che finisce sul 11-13 per gli ospiti.
Dopo il primo periodo le percentuali sono scarse, e ne consegue un punteggio basso: 2/7 da tre punti per il Darussafaka, 2/10 da due punti per il Barcellona.

Il secondo periodo è ben diverso dalla prima frazione, i padroni di casa cambiano atteggiamento e percentuali a differenza degli spagnoli.
Subito pareggio a quota 13 con Zizic che schiaccia su invito di Wanamaker; inizia ora la partita di Clyburn con tre canestri di fila, l’ultimo volando a canestro, segnando e subendo fallo, dopo una palla persa per il 19-15.
Time-out Bartzokas: non cambia nulla, il Barcellona esce male perdendo l’ennesimo pallone e il Dacka punisce con un pick’n’roll tra Wilbekin e Zizic per il 21-15 (8-0 aperto).
Rice continua a forzare non trovando il canestro, mentre Batuk caccia una tripla che inizia ad essere pesante per il 24-15 e facendo continuare il parziale aperto di 11-0 al 14′.
Gli ospiti continuano a giocare molto male senza trovare fluidità, Koponen questa volta inventa un canestro in palleggio arresto e tiro che ferma il parziale del Dacka; ma in difesa continua a subire, altra tripla da lontanissimo per Wilbekin. 27-17 al 15′.
L’intensità dei locali inizia ad essere un vero problema per i catalani, che dopo il canestro di Vezenkov a 4:14 dall’intervallo lungo per il 28-19, subisce un altro parziale di 11-0 firmato Clyburn (10 punti nel quarto) e Harangody che, oltre ad una bellissima tripla, fa saltare il suo uomo e segna allo scadere per il 43-22 della pausa lunga.
Secondo parziale da 32-9 per i padroni di casa, che tirano bene da tre punti e soprattutto corrono tanto; gli spagnoli, invece, continuano ad avere molti problemi con le percentuali: 5/21 da due punti in 20′.

Al rientro dagli spogliatoi la musica sembra tornare quella dell’inizio, le percentuali e i ritmi si abbassano, e il Barcellona ne approfitta: 0-5 al 24′, 3-10 al 25′. Time-out Blatt.
In uscita Clyburn cerca di reagire con una tripla per il 49-32, ma la voglia degli ospiti nel terzo quarto fa la differenza: due contropiedi di Perperoglou in fila, Claver con una schiacciata dopo un rimbalzo offensivo e ancora Perperoglou con una tripla fissano il punteggio sul 51-42 al 29′.
Il periodo si conclude con un canestro che dà ossigeno al Dacka di Wilbekin: 53-42 fine terzo quarto.
Frazione difficile per i padroni di casa, che subiscono la pressione degli ospiti, tirano male (4/12 dal campo) e soprattutto perdono molti palloni che vengono convertiti in punti importanti dagli spagnoli: 10-20 il parziale.

L’ultimo quarto inizia bene, di nuovo, per il Barcellona che arriva fino al -7 con l’unico sussulto di un Renfroe sottotono: 54-47 al 32′.
Da qui il Darussafaka sembra tornare quello di prima, due canestri importantissimi con due rimbalzi offensivi di Birkan Batuk fanno respirare i turchi che tornano sul +11.
Tomic non ci sta e converte un gioco da 2+1, portando la sua squadra sul -9, 59-50 al 36′.
Ci pensa Scottie Wilbelkin a chiudere il match con un bellissimo palleggio arresto e tiro al 38′ e, soprattutto, dopo che negli ultimi due minuti entrambe le squadre non riuscivano a trovare il canestro, con una tripla alla fine che sa di vittoria.

Punteggio finale 67-56, e importantissima vittoria in chiave playoff per i padroni di casa che stanno alle calcagne dei cugini dell’Efes.

Tra i padroni di casa è stata una buona prova di squadra, con in risalto Zizic (10 pts e 13 reb), Clyburn (15 pts e 5 reb) e, soprattutto, Batuk (8 pts e 8 reb); per gli ospiti, invece, bene Tomic (8 pts e 8 reb) e Perperoglou (16 pts) ultimo a mollare.

DARUSSAFAKA DOGUS ISTANBUL: Wilbekin 11, Yagmur ne, Batuk 8, Wanamaker 7, Clyburn 15, Ulubay ne, Moerman 2, Aldemir, Savas ne, Zizic 10, Harangody 7. All. Blatt

FC BARCELONA LASSA: Munford ne, Rice 7, Claver 8, Navarro ne, Faverani 2, Vezenkov 2, Eriksson 3, Oleson 3, Koponen 4, Renfroe 3, Perperoglou 16, Tomic 8. All. Bartzokas

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy