EUROLEGA, TOP 16 Gir. E: Finale punto a punto, ad Atene la spunta il Pana

0

PANATHINAIKOS – GALATASARAY 83-76 (15-19, 39-43, 50-54)
Ad Atene va in scena una delle partite più suggestive di questo primo turno di Top Sixteen, tra i campioni in carica del Maccabi Electra Tel Aviv ed i “sempreverdi” del Panathinaikos. Partita che potrebbe risultare sin da subito, nonostante ci troviamo ancora nelle battute iniziali di questa seconda fase, decisiva e, quindi, a far da sfondo alla gara il solito grandissimo spettacolo offerto da tutti i tifosi Greci accorsi in massa al palazetto.
Prima fase del match dove le entrambe le formazioni sembrano studiarsi senza troppa cattiveria agonistica, con il punteggio che si mantiene decisamente basso fino al 4′ di gioco quando gli ospiti sono avanti di 2(6-8). Ad accendere la gara ci pensa il solito Randle che, con 7 punti in fila permette ai campioni in carica di tentare il primo mini allungo della gara a pochi minuti dalla fine del primo quarto. Al primo mini riposo è +4(15-19) ospite, con gli Israeliani che riescono a tenere i ritmi piuttosto bassi e a giocare il basket predicato dal proprio coach.
Al contrario di quanto si possa pensare, però, la risposta dei padroni di casa si fa attendere ed è così Tyus che inizia a lavorare nel pitturato e a dominare i lunghi avversari sia a rimbalzo che nelle realizzazioni. Il parziale è lì nell’aria e, grazie alla tripla dell’ex Siena Haynes, Ivanovic è costretto al time out quando i suoi toccano il massimo svantaggio di 13 punti(22-35).
Il resto del quarto viaggia sulla stessa falsa riga dei primi 5′ con i padroni di casa che faticano a proporre il proprio gioco surclassati dalla potenza fisica. Il cuore Pana però non si fa attendere e grazie prima al proprio capitano Diamantidis e poi ai soliti Batista e Gist, i Greci riescono quantomeno a rientrare in partita nella fase finale del quarto chiudendo nuovamente a -4(39-43) anche all’intervallo.
Se nei primi due quarti i campioni in carica sembravano nettamente meglio messi in campo ed in controllo della gara, il tutto cambia nei primi minuti della terza frazione di gioco: il Pana inizia a macinare il suo gioco fatto di Pick and Roll e di appoggi semplici a canestro mentre gli Israeliani cominciano ad accusare un po’ la fatica. Di qui in poi le due squadre iniziano a battagliare con tanti botta e risposta da parte degli innumerevoli campioni presenti sul parquet. La partita inizia a diventare veramente bella e il pubblico di casa entra finalmente in partita, nonostante ciò però i gialloblù riescono nuovamente a scappare via sul +4 all’ultimo mini riposo della gara grazie ai canestri di Randle.
L’ultimo quarto è quello decisivo, le due squadre continuano a rispondersi colpo su colpo fino a 5′ dalla fine quando, sul risultato di parità, si dà vita ad un mini supplementare. Slaughter e Gist riescono con continuità a lucrare falli con i quali riescono a smuovere il punteggio che, altrimenti, sarebbe bloccato, viste le difficoltà sia dei padroni di casa che degli ospiti di fare canestro nei minuti decisivi. Come detto, il Maccabi non fa più canestro, Diamantidis dall’altro lato invece appoggia al vetro per il +5 a 30” dalla fine che condanna i campioni in carica alla sconfitta nella prima uscita di queste Top 16.
Panathinaikos: Slaughter 15, Giankovits 7, Fotsis, Nelson 12, Pappas ne, Diamntidis 11, Gist 15, Batista 16, Mavrokefalidis 7, Blums, Wright ne
Maccabi Electra Tel Aviv: Pargo 8, Haynes 9, Smith ne, Randle 18, Linhart 18, Tyus 1, Cohen, Ohayon 7, Harari ne, Landesberg 2, Schortsanitis, Alexander.
CLASSIFICA:
Galatasaray 2 (1-0)
Panathinaikos 2 (1-0)
Barcellona 0 (0-0)
Real Madrid 0 (0-0)
Stella Rossa Belgrado 0 (0-0)
Alba Berlino 0 (0-0)
Maccabi Tel Aviv 0 (0-1)
Zalgiris Kaunas 0 (0-1)