EUROLEGA TOP 16, GIR. E: l’imbattibile Barcellona beffa l’Efes all’overtime

0
www.pu24.it

 

 

ANADOLU EFES ISTANBUL – FC BARCELONA 84-89 (17-22; 26-38; 48-53; 75-75)

 

Classico testa-coda di scena ad Istanbul dove il Barcellona, capolista del girone e ancora imbattuto in queste Top 16 di Eurolega, affronta l’Efes alla disperata ricerca di punti per poter coltivare ancora una speranza di passaggio del turno. I turchi si presentano con sole 2 vittorie all’attivo, ma le due greche Olympiacos e Pana non sono così distanti per sognare ancora di andare oltre in Eurolega.
L’avvio è tutto di marca blaugrana che, con un parziale di 6-20 guidato dalla forza sotto canestro di
Tomic, mette già le mani sul match. La reazione dell’Efes è un po’ tardiva ma riesce a ricucire le distanze, fino a chiudere il primo quarto sotto soltanto di 5 punti (17-22). Non cambia il copione nel secondo quarto, con il Barcellona che usa i suoi esterni come armi micidiali dall’arco per spegnere le velleità di rimonta da parte dei turchi: +13 con il lay-up di un indemoniato Tomic (già in doppia cifra dopo meno di due quarti) a tre minuti dal termine e primo tempo chiuso in vantaggio per 26-38. La difesa del Barça ha concesso la miseria di 9 punti in 10 minuti all’attacco dell’Efes. La contesa ricomincia con il -10 Efes targato da Gonlum, uno dei pochi a contrastare al meglio la forza blaugrana, a cui risponde subito ancora Tomic. Ma come accaduto nei primi due quarti i turchi non ci stanno a soccombere e reagiscono prepotentemente con i giocatori-simbolo Savanovic e Planinic fino al -5 col quale si chiude il terzo quarto di gioco: frazione positivissima per l’Efes, chiusa 22-15 per la squadra di coach Aggelou. Il vantaggio del Barça si è dimezzato e l’ultimo quarto sarà decisivo. E’ Gonlum ancora ad aprire gli ultimi 10 minuti, arrivando così in doppia-cifra, che fa diventare l’Abdi Ipecki Arena una vera bolgia; successivamente sono la tripla di Vasileiadis e il lay-up di Planinic a portare l’Efes sul clamoroso +4 (59-55). Parziale pazzesco di 11-2 per i turchi. Da questo momento la gara s’infiamma e prende l’inerzia dei giocatori di casa che, trascinati da un pubblico caldissimo, non si voltano più indietro e toccano anche il +7 (71-64). Il Barça non ci sta e conclude la rimonta con il canestro all’ultimo secondo del 75-75. Si va all’overtime! Ed è nel tempo supplementare che l’esperienza e la qualità del Barcellona, che ha il nome di Juan Carlo Navarro, viene fuori e con un parziale di 9-2 vince una partita che sembrava ormai persa. Il Barcellona, anche quando sembra non averne più, rimane imbattibile. L’Efes ci ha provato, anche oltre le proprie possibilità ma alla fine i catalani hanno confezionato l’ottava vittoria consecutiva.

 

EFES ANADOLU: Balbay, Osman 6, Vasileiadis 14, Batuk 5, Erden 2, Gonlum 13, Kilicli, Savanovic 9, Gordon 13, Planinic 14, Kosut, Bjelica 8. Coach: Aggelou.

BARCELONA: Pullen, Dorsey 4, Sada 2, Huertas 5, Abrines 7, Navarro 17, Todorovic 2, Papanikolaou 10, Oleson 4, Lorbek 5, Nachbar 7, Tomic 26. Coach: Pascual.

 

 

CLASSIFICA:
Barcelona 14 (8-0)
Milano 10 (5-3)
*Olympiacos 8 (4-3)
Panathinaikos 8 (4-4)
Malaga 8 (4-4)
*Fenerbahce 6 (3-4)
Efes 4 (2-6)
Vitoria 2 (1-7)

 

*una partita in meno