EUROLEGA TOP 16, GIR. F: il Real si impone a fatica contro un grande Galatasaray

0

Si è concluso questa sera con la sfida tra Real Madrid e Galatasary il secondo turno del girone F delle Top 16 d’Eurolegue. Come previsto dai bookmakers la sfida andata in scena al Palacio de Deportes di Madrid non ha riservato particolari sorprese dal punto di vista del risultato, con i campioni spagnoli che si sono imposti sulla formazione turca per 89-84, ma dal punto di vista del gioco la pratica Galatasaray per gli uomini di Laso si è rivelata più ostica del previsto.
In avvio di partita Real parte forte, grazie ad un discreto Bourousis presente soprattutto a rimbalzo, mentre il Gala prova ad affidarsi alle transizioni guidate da Carlos Arroyo, il quale però spesso sbatte contro la difesa serratissima dei blancos. Così al 5′ minuto il punteggio recita già 12-4 in favore del Real, costringendo Ataman a chiamare il primo time-out della partita. Il time-out sortirà gli effetti desiderati da coach Ataman, poichè il Galatasary si sveglia, soprattutto in attacco, e grazie a due triple consecutive di Erceg (24) si riporta a contatto dei padroni di casa chiudendo così il quarto sotto solo di una lunghezza (20-19).
In avvio di secondo quarto il Gala riesce addirittura a completare la rimonta, grazie ad una tripla di Domercant che vale il primo vantaggio ospite della partita, durato però poco poiché il Real con Slaughter (14) e Carrol (15) riprende subito il controllo del match (30-24 al 14′). Il Real così prova a cambiare marcia e affidandosi a Rodriguez (14) riesce a scappare nel punteggio: la stella del Real prende per mano i suoi, e con 9 punti in pochi minuti contribuisce a piazzare un parziale di 13-5 che consente ai Blancos di andare all’intervallo con un vantaggio rassicurante (45-33).
Nel terzo quarto per un momento la partita sembra cambiare: il Gala in due minuti piazza un parziale di 2-11 che gli permette di rimettere in piedi una partita che sembrava nelle mani del Real, riducendo lo svantaggio fino al -3 del 23′ (47-44). Il Real però non si fa sorprendere, e alzando il livello del proprio gioco risponde alle affondate del Gala piazzando un contro parziale di 8-0 che le permette di rimettere un discreto margine di sicurezza tra se i suoi avversari (55-44 al 25′), chiudendo addirittura il quarto sul +14 grazie alla tripla di tabella realizzata da Rodriguez a fil di sirena (66-52 al 30′).
La squadra turca così sembra accusare il colpo, ma mai darli per morti: nel quarto periodo in attacco ritrova fluidità, e grazie alle triple di Arroyo e Domercant si riporta nuovamente a contatto (77-71 al 35′), prima che una giocata da tre punti di pura esplosività di Darden consegni il nuovo +9 ai padroni di casa (80-71), costringendo Ataman a fermare la partita. Nei minuti finali il Gala prova nuovamente a rientrare in partita, arrivando fino a -4, ma è la maggior esperienza del Real a fare la differenza. Gli uomini di Laso riescono a rispondere ai canestri del Gala, che piazza tre bombe in due minuti, mantenendo il vantaggio attorno alle 5 lunghezze di vantaggio, fino all’89-84 finale.
Per il Real vanno sottolineate le ottime prove di Carrol (15) e Rodriguez (14), mentre per il Galatasaray ottima prova di Erceg (24).

REAL MADRID  – GALATASARAY 89 – 84

Real Madrid: Draper 0, Fernandez 2, Reyes 14, Diez 0, Mirotic 5, Rodriguez 14, Carrol 15, Darden 13 , Llull 10, Bourousis 2, Slaughter 14, Mejri.
Galatasaray: Erceg 24, Sonmez, Koksal 0, Hairston 9, Atsur, Akyol 16, Macvan 12, Arroyo 12, Guler 1, Arslan 4, Domercant 6.

MACCABI TEL AVIV – LOKOMOTIV KUBAN 85 – 75 – il recap a cura di Gabriele Leslie Giudice

CSKA MOSCA – ZALGIRIS KAUNAS 77 – 62 – il recap a cura di Andrea Frattini

FC BAYERN MUNICH – PARTIZAN NIS BELGRADE 71 – 65 – il recap a cura di Carlo Della Marianna

 

Classifica Girone F:

 

FC Bayern Monaco 2 W 0 L
Maccabi Tel Aviv 2 W 0 L
Real Madrid 2 W 0 L
CSKA Mosca 2 W 0 L
Galatasaray 0 W 2 L
Zalgiris Kaunas 0 W 2 L
Lokomotiv Kuban 0 W 2 L
Partizan Belgrado 0 W 2 L

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here