EUROLEGA TOP16, GIR.E: impresa Laboral, espugnato OAKA senza Odom

0

Il Caja Laboral Vitoria batte il Panathinaikos Atene col punteggio di 61-68. Vittoria che avvicina ancora di più l’Olimpia Milano e tiene viva qualche flebile speranza anche per gli uomini di Sergio Scariolo. MVP del match un Andres Nocioni in giornata di grazia da 16 punti e 13 rimbalzi. In doppia cifra, a quota 12, anche il lungo tedesco Tibor Pleiss. Tutto sommato sufficiente anche la prestazione dell’italiano Peppe Poeta, autore di 4 punti in 8′ di impiego. Ai verdi non sono bastati i 15 del solito Dimitris Diamantidis, sempre il migliore dei suoi ma non particolarmente brillante, come in altre occasioni.

La partita: il Panathinaikos parte con Diamantidis, Ukic, Maciulis, Gist e Lasme. Coach Scariolo risponde con Causeur, Heurtel, San Emeterio, Nocioni e Pleiss. Roko Ukic apre le marcature, mentre successivamente le due stelle Diamantidis e Nocioni segnano una tripla per parte e firmano il 7-5. La partita continua a viaggiare sul filo dell’equilibrio: Fotsis si iscrive a referto con un jumper che Scariolo conosce bene, visto il passato milanese in comune, ma Causeur ripaga con gli interessi e chiude il primo quarto sul 18-18. Nel secondo periodo si segna pochissimo, con gli uomini di Pedoulakis che non riescono a raggiungere nemmeno la doppia cifra alla voce “punti a referto”. Gli spagnoli però non ne approfittano, e vanno alla pausa lunga in vantaggio di appena 1 punto sul 27-28.

Si rientra in campo e la musica non cambia per gli ateniesi, totalmente impallati in fase offensiva. Finalmente il Caja riesce a riscaldare le polveri in attacco e dà il via al break decisivo. Pleiss domina sotto canestro: segna e, quando raddoppiato, mette in ritmo i suoi tiratori. E’ proprio del lungo tedesco il gioco da 3 punti che vale il 38-50, con conseguente massimo vantaggio per gli spagnoli. Solo Maciulis e Bramos dalla lunetta fermano un devastante 15-3 di parziale. Gli ultimi 10′ iniziano sul 44-55. In apertura di quarto periodo Nocioni e compagni fanno addirittura lievitare il vantaggio, portandosi fino al +15. Il Panathinaikos prova a rimontare troppo tardi: Diamantidis taglia la difesa avversaria come il burro, Nocioni si fa fischiare ingenuamente un tecnico per simulazione  dal fischietto azzurro Tolga Sahin ed è 61-65 a 30″ dal termine. I padroni di casa però perdono palla e insieme ad essa vanno via anche tutte le speranze di rimonta. Vince il Caja,61-68.

PANATHINAIKOS ATENE 81-68 CAJA LABORAL VITORIA (18-18; 27-28; 44-55)
PANATHIANIKOS: Bramos 10, Batiste, Fotsis 4, Ukic 4, Lasme 5, Mavrokefalidis NE, Diamantidis 15, Gist 6, Pappas NE, Giankovits, Maciulis 5, Wright 12.
VITORIA: Mainoldi, Nocioni 16, Poeta 4, Hanga 4, Diop, San Emeterio 8, Pleiss 12, Heurtel 9, Jelinek 6, Van Oostrum NE, Causeur 9.

CLASSIFICA
Barcellona 18
Milano 12
Olympiacos 8
Panathinaikos 8
Caja Laboral 4
Fenerbahce 4