EuroLega: vittoria dell’Olympiacos sull’Unics Kazan

Vittoria esterna per i greci che, finiscono il primo quarto addirittura sul +20, controllando il match fino alla sirena finale.

di Riccardo Lucarini

E’ un’ Olympiacos senza Vasilis Spanoulis quella che fa visita all’Unics Kazan per la ventunesima giornata di EuroLega. La bandiera greca è tenuta ai box da un infortunio. Nonostante questo, i greci hanno vinto otto delle ultime dieci gare e vogliono aprire una striscia di vittorie in trasferta dopo l’ultima sconfitta a Milano. I russi sono infangati negli ultimi posti della classifica. Ogni partita deve essere quella della vita se vogliono ancora sperare di qualificarsi per i playoffs. Grandissima partenza per i greci che bruciano l’Unics Kazan terminando il primo quarto avanti di 20. Nei restanti trenta minuti i russi provano a rientrare grazie a Keith Langford, ma Erick Green, nel terzo quarto, e un grande Georgios Printezis nel finale respingono ogni tentantivo di rimonta. Finisce 75-90. Quarta sconfitta di fila per l’ Unics Kazan che ora è quasi eliminato.

LA PARTITA:

Partenza decisa dell’ Olympiacos che con Printezis e Papanikolau mette subito il turbo e al 5′ si trova in vantaggio 8-15. Pashutin chiama time-out ma al rientro in campo le cose peggiorano. Mantzaris e le sue tre bombe nel primo quarto spingono i greci a realizzare un parziale di 18-5 che affossa i russi: al 10′ è 13-33.

Nel secondo quarto parte ancora bene l’Olympiacos grazie a Erick Green. Al 3′ il risultato dice 19-45 con il solo Antipov a tentare di non far affondare la barca. Sul -26 la coppia Parakhouski-Langford però non molla e riesce a evitare nuovi parziali da parte dei greci. Il primo tempo si conclude 36-56.

Terzo periodo: l’Unics per tentare una difficile rimonta si affida ai soliti Parakhouski e Langford ma è uno strepitoso Erick Green a firmare la tripla del 43-63 al 4′. Kazan firma un parziale di 6-0 in un minuto con il redivivo Langford tornando sul 49-65 al 5′. Nella parte finale del quarto il distacco non cambia . Al 30′: 54-69.

Inizio di quarto periodo da incubo per l’Olympiacos. I greci non segnano per i primi quattro minuti e la tripla di Langford al 4′ conclude un parziale di 7-0 che costringe Sfairopoulos a fermare la partita sul 61-69. All’uscita dal time-out viene fuori il campione. Un immenso Printezis con 10 punti in quattro minuti propizia un parziale di 18-8  mettendo la partita in ghiaccio. Alla sirena il tabellone recita 75-90.

 

TABELLINO:

UNICS KAZAN-OLYMPIACOS PIRAEUS: 75-90 ( 13-33, 36-56, 54-69)

UNICS KAZAN: Johnson 2, Antipov 19, Clarke, Langford 25, Stoll 3, Parakhouski 14, Klimenko NE, Banic 4, Voronov 2, Panin 2, Kaimakoglu 4, Williams. All Evgeny Pashutin.

OLYMPIACOS PIRAEUS: Green 25, Birch 4, Papapetrou, Waters 5, Agravanis 6, Milutinov 11, Printezis 20, Papanikolau 10, Mantzaris 9, Athinaou. All. Ioannis Sfairopoulos.

MVP BASKETINSIDE: Giorgios Printezis ( 20 punti, 8/13 al tiro, 3/4 da tre, 3 rimbalzi, 4 assist, 8 falli subiti, 28 di valutazione)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy