Il punto sull’Eurolega dopo la 3° giornata

0

LE ITALIANE

Non si può non partire dalla bellissima vittoria di Cantù ai danni di Bilbao: i brianzoli venivano dalla sorprendente sconfitta interna contro Pesaro di sabato scorso ed era una partita complicatissima psicologicamente, un vero e proprio spareggio-qualificazione e la risposta della Bennet, nonostante la non troppa esperienza internazionale dei suoi giocatori, è stata da grandissima squadra con una vittoria meritata e il + 9 finale che può tornare utilissimo in termini di differenza canestri. La strada per arrivare alle Top 16 è ancora lunghissima, ma Mazzarino e compagni si stanno giocando al meglio tutte le proprie carte.

Lo stesso non si può invece dire per Milano, che dopo la bella vittoria d’esordio sul Maccabi ha inanellato due sconfitte consecutive e se quella della Caja Magica poteva starci (anche se i modi hanno lasciato perplessi) una prestazione come quella di ieri sera, terribilmente opaca in fase offensiva e in generale molto confusionaria, è difficile da spiegare anche perché i turchi dell’Efes sono sì un’ottima squadra ma erano pur sempre reduci dalla sconfitta interna contro Charleroi. La qualificazione dell’EA7 non è certo compromessa, ma passi falsi di questo tipo andrebbero sicuramente evitati.

Infine Siena che fa fatica in campionato ma procede spedita nel suo girone di Eurolega con tre vittorie in altrettante partite, l’ultima ai danni del Galatasaray in una gara dominata in lungo e in largo nella quale la squadra di Pianigiani ha messo in mostra una fluidità offensiva notevole ma è stata anche agevolata da un Galatasaray decisamente inferiore alle attese e mai in partita nell’arco di tutto il match. La qualificazione del Montepaschi non è assolutamente in discussione anche per via di un girone decisamente abbordabile, mentre il primo posto sarà deciso nella doppia sfida con il Barcelona.

LE ALTRE

Il big match di giornata era senza dubbio quello di Tel Aviv, dove il Maccabi ha avuto la meglio del Real Madrid 88-82 in una partita condotta dall’inizio alla fine anche se con margini ridotti, mattatore dell’incontro un Farmar da 27 punti e 35 di valutazione ben supportato da Schorciantisis e discreta dimostrazione di consistenza per gli israeliani che avevano lasciato più di qualche dubbio nella pessima prestazione di Milano. Degne di nota anche il successo dell’Unicaja sul campo di Bamberg in una partita tiratissima con il solito Freeland sugli scudi, mentre mercoledì il Caja Laboral aveva sconfitto l’Olympiacos dopo una grande rimonta culminata con il canestro decisivo di Prigioni a 2 secondi dalla sirena; è arrivato anche  il primo sigillo continentale del Fenerbahce che riscatta lo 0-2 iniziale sconfiggendo di 4 punti il Nancy ma dopo aver chiuso i primi due quarti sul + 21, e la passeggiata del Barcelona che si impone comodamente a Kazan trascinata da un immarcabile Lorbek (11/13 dal campo).

NEXT

Prossima giornata che si preannuncia davvero interessantissima. Nel Gruppo A giornata decisamente interessante con le tre favorite Olympiacos, Fenerbahce e Caja Laboral che viaggiano su campi decisamente ostici come quelli di Desio, Bilbao e Nancy in una giornata che potrebbe definire gli equilibri di un girone che vede il Caja Laboral a punteggio pieno e top-team come Olympiacos e Fenerbahce che stanno pericolosamente arrancando. Nel Gruppo B fa luccicare gli occhi la sfida del CSKA Mosca, che sta davvero impressionando finora, ai Campioni d’Europa in carica del Panathinaikos in una sfida che non sarà decisiva per il passaggio del turno ma offrirà importantissime indicazioni oltre a mettere di fronte due delle squadre più forte dell’intero continente. Nel Gruppo C sfida ad alta quota tra Efes e Maccabi e trasferte insidiose per Real Madrid e Milano impegnate rispettivamente contro Partizan e Charleroi nel tentativo di spingere in basso in classifica le due squadre apparentemente più deboli del girone. A chiudere una giornata di livello veramente estremo la supersfida del Gruppo D dove tra Barcelona e Siena c’è in palio una bella fetta di primo posto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here